Durante: “Pedro è tornato quello di un tempo, andava aspettato. Sarà il titolare del Brasile”

Sabatino Durante parla di Pedro

di Redazione VN
Pedro

L’agente Sabatino Durante è intervenuto a Lady Radio:

Pedro? Il calcio è calcio ovunque, non ci sono grosse differenze. Prima dell’infortunio al ginocchio, il giocatore era stato convocato in nazionale. Lo voleva il Real Madrid. quando è arrivato a Firenze stava ancora affrontando i postumi dell’infortunio. Era una scommessa, andava aspettato. Oggi è tornato quello di un tempo, è un centravanti che segna e lavora per la squadra. La Fiorentina invece si aspettava che potesse rendere fin da subito. Sarà il centravanti della Nazionale brasiliana, quindi non c’è nemmeno da chiedere se la Fiorentina dovrebbe riportarlo a casa. Nel giro di pochissimo tempo diventerà titolare del Brasile, Firmino e Gabriel Jesus giocheranno da seconde punte.

immagine instagram
13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Violante - 1 settimana fa

    Prima di prendere Piatek o riscattare Cutrone a 20 milioni darei una seconda opportunità a Pedro. E non ci penserei nemmeno più di tanto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. I' Mastica - 1 settimana fa

    Sarà facile…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. I' Mastica - 1 settimana fa

      Che giochi al posto di Gabriel Jesus / Firmino come prima punta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Viola-Purple - 1 settimana fa

    Se possibile lo riporterei a Firenze, valutarlo bene e poi decidere.
    Non vorrei che qualcuno “presta” i soldi al flamenco per riscattarlo e se lo opziona.
    Comunque io non mi fisserei su questa cosa, comunque vada non ci rimettiamo un fiorino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. jackfi1 - 1 settimana fa

    Ormai è evidente a tutti che il flamengo non abbia nemmeno un euro per riscattarlo e c’è questa pressione enorme, di cui ad oggi non ne comprendo il motivo, per farlo tornare qui. Ora con tutto il bene, andate a vedere gli attaccanti del Brasile (neymar, firmino, vinicius, richarlison, rodrygo e Gabriel Jesus) e ditemi come fa questo as essere la punta del Brasile. Suvvia dai. È come dire che siccome la scorsa partita dell’Italia a Lasagna è toccato il 9 ora é la punta titolare dell’Italia davanti a Immobile e Belotti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Bottegaio - 1 settimana fa

    Vedremo a fine anno quando si aprirà il calciomercato.
    Vedremo se è l’ennesima operazione click-bite ai danni degli ingenui tifosi viola o c’è sostanza e Pedro è degno di attenzione.
    Il calciomercato ci dirà se alla porta di Viale Fanti ha bussato, che so, un club della Premier o forse due, interessati all’acquisto di Pedro. Magari torna alla carica il Real che si era infatuato del ragazzo.
    O chissà, può essere pure che sia un gomblottone internazionale dei grandi club mondiali che spingono Pedro alla cessione al Flamenco per poi papparselo con due spicci.
    Comunque qua c’è ciccia!
    Hasta la vista commentatori. Se non sei al tavolo degli invitati, sei nel menù!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. claudio.godiol_884 - 1 settimana fa

    Lui sarà titolare con il Brasile…..ma è troppo troppo scarso per noi che ce la giochiamo con lo Spezia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Paolo - 1 settimana fa

    Io dico che ci conviene riportare Pedro a Firenze: riprendendolo a gennaio non dobbiamo sborsare niente perché il cartellino del giocatore è ancora della Fiorentina.

    Poi, valutiamo se tenerlo per il resto del campionato oppure se darlo in prestito a qualche squadra di serie A fino a giugno 2021 (dopo si vedrà).

    Nel frattempo, anche dando nuovamente il giocatore in prestito per 6 mesi e non riscattando Cutrone (ovviamente non facendogli superare il numero delle presenze che renderebbe obbligatorio il suo riscatto), si risparmierebbero 20 milioni, con i quali potremmo provare a prendere Piatek (sempre che a Prandelli sia gradito) oppure un altro centravanti a cui i dirigenti viola non avevano pensato durante la fase estiva di calciomercato (sempre con il consenso di Prandelli).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jackfi1 - 1 settimana fa

      Eh perché in serie A é pieno di squadre pronte a dare un posto da titolare ad uno che a 23 anni non ha mai visto il calcio europeo se non in 6 mesi disastrosi. Magari te lo prendono anche eh, ma il campo lo vede con il binocolo. Le uniche squadre a cui potevi pensare di prestarlo sono quelle che lottano per non retrocedere e a febbraio di certo non fanno a rischiare con uno sconosxiuto ma puntano l’usato sicuro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-2073653 - 1 settimana fa

    Riprenderlo subito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Lallero - 1 settimana fa

    Il prossimo anno con sarri se tieni Pedro e Vlahovic non hai il problema prima punta. I centrali di difesa ce li hai (se Milenkovic resta) quindi ti serve il famoso Torreira del caso e due esterni alti forti considerando che Ribery non ci sarà più ahimè e avresti solo Callejon e Kouamé (secondo me può fare grandi cose in quella posizione).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jackfi1 - 1 settimana fa

      Dopo di questa le ho lette tutte. Con Pedro e Vlahovic non abbiamo problema punte? É per questo che a Firenze le cose non funzionano. Se i tifosi son contenti di avere come prime punte Pedro e Vlahovic é normale che la squadra venga criticata. Dove si pensa di andare con un attaccante brasiliano che per ora ha dimostrato qualcosa solo in Brasile(pure gabigol, paqueta e keirrison erano fenomeni in Brasile eh) e un ragazzino serbo che ad oggi ha mostrato forse il 40%di quello che vale e non sappiamo se lo mostrerà mai il 100% dato il carattere non proprio perfetto. Se una squadra si presenta con Pedro e Vlahovic come punte ha un ENORME problema di punte.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Lallero - 1 settimana fa

        Dai un allenatore a giovani forti e vedrai… s ed nno fenomeno fammi capire te chi compri??? Chi viene a Firenze oggi migliore di giovani prospetti?

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy