Cristiano Ronaldo salta l’Atalanta. E a giugno potrebbe lasciare la Juve

Cristiano Ronaldo salta l’Atalanta. E a giugno potrebbe lasciare la Juve

Il portoghese non sarà convocato, ufficialmente per il riacutizzarsi del problema al ginocchio. Ma i rumors…

di Redazione VN

Cristiano Ronaldo salterà la partita di domani della Juventus contro l’Atalanta. “Al 99% non sarà convocato” ha detto oggi Maurizio Sarri, facendo riferimento ad un problema al ginocchio. Che non gli ha impedito però di giocare due partite consecutive con la maglia del Portogallo, dopo che si era aperto il caso per la reazione stizzita di CR7 alla sostituzione avvenuta col Milan. In tutto questo dalla Spagna arrivano rumors abbastanza clamorosi. Secondo El Chiringuito Tv, solitamente ben informato sul portoghese, Ronaldo sarebbe pronto a lasciare la Juve a fine stagione se non riuscisse a vincere la Champions League, nonostante un contratto in essere fino al 2022.

 

Caos Balotelli, Cagni rincara la dose: “A Manchester non sapeva nemmeno contro chi giocava”

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. batigol222 - 2 settimane fa

    Hanno messo in discussione sua maestà cristiano ronaldo, che dio possa perdonarli. Questo qui non ha perso una volta nella vita da quando ha compiuto 20 anni in poi, non è minimamente abituato a quello che tutti noi siamo viviamo abitualmente: l’insuccesso. Ma l’età d’oro non dura per sempre, il suo finale di carriera sarà parecchio difficile. E questa sarà una bella gatta da pelare per la juve

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. rudy - 2 settimane fa

    Nel frattempo Dirigenti Fiat vengono indagati negli USA, e alcuni già condannati, con l’accusa di aver corrotto, al fine di trarne vantaggio, dei sindacalisti di una società concorrente. Evidentemente è nel loro DNA.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. 29agosto1926 - 2 settimane fa

    Tanta amarezza nl vdere certa gente che guadagna osì tanto e fa così poco sentendosi anche danneggiata sul piano morale. Pensre a quanto chirurghi, uanti ricercatori sono costretti a lavorare in precarietà e salvano vite senza dirlo a nessuno. Pensare a quanti operai (vedi ILVA) devono scegliere tra il pane e la salute, pensare a quanta gente è costretta a vivere una vita di stenti a causa della salute. Tutto questo fa riflettere, noi tifosi, anche sul nostro ruyolo in rapporto ai legami con i calciatori e quello che rappresentano.
    Vorrei che Ronaldo o Chiesa (bimbetto viziato) andasse a chiedere a Miajlovic cosa pensa adesso del mondo del calcio dopo tutto quello che ha passato, cosa pensa della vita o dei contratti con le società. Siamo veramente poco intelligenti per andare la domenica a vedere questa gente (e gli voglio bene a chiamarla gente!). probabilmente nessuno di loro ha altri problemi se non quelli che gestiscono pessimamente con le loro bizze e i loro privilegi.
    Mondo di merda veramente, diteglielo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. CIRANO - 2 settimane fa

      Il tuo pensiero non fa una piega. Soltanto un appunto. Cosa c’entra Chiesa?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 2 settimane fa

        Vedi Cirano, guardando sempre dal punto di vista umano e tralasciando quello economico (so che è utopistico cercare di parlare in questo senso, e tu mi scuserai). Cosa vuole Chiesa? Vive in un posto dove è un idolo di tutti, grandi e piccini. È un simbolo di Firenze dove è praticamente un RE. Guadagna quello che i ragazzi della sua età si sognano. Eppure fa le bizze per andare a guadagnare di più o per avere una maggiore visibilità. Ecco cosa c”entra. Chiedi a Antognoni o a Riva cosa c’entra loro sapranno risponderti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. memento.fabi_356 - 2 settimane fa

          Si, io però certi confronti li farei semmai con i calciatori di questi anni, non con quelli che giocavano 40 anni fa, perchè le regole non sono più le stesse: a quei tempi le scelte erano fatte soprattutto dalle società e i calciatori si adeguavano e spesso erano costretti a farlo per regolamento. Ora, soprattutto dopo la famosa sentenza Bosman, è l’esatto contrario per cui il confronto non mi pare significativo …

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. 29agosto1926 - 2 settimane fa

            Scusa, che confronto? Non capisco.

            Mi piace Non mi piace
    2. ben hur - 2 settimane fa

      Concordo in pieno con te.Pero rassegnati,la gente continuerà ad impazzire ed anche litigare,per questi 22 in mutande correte dietro ad una palla.E chi se ne frega dei ricercatori, operai morti di fame…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Brando - 2 settimane fa

      Bene, allora cerchiamo di essere incisivi oltre che polemici. Iniziamo ad ignorare le pay TV e diamo un bello scossone al sistema che alimenta questo calcio fuori dai parametri della realtà cosi da sgonfiare le paghette dei nostri cavalli e dei tanti palafrenieri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. batigol222 - 2 settimane fa

      E’ un bel post, ma per me troppo catastrofico nei confronti di noi che ci piace il calcio. Il calcio come altre cose (ma soprattutto il calcio) è stato creato proprio per dare sollievo e divertimento a chi lavora sodo e a fine di una lunga settimana in cui non ha avuto per nulla tempo di pensare a se stesso e a predisporre cose che lo facciano stare bene (come piccole attività personali, ludiche o di lavoro amatoriale) si vuole svagare guardando qualcosa che lo appassioni. E si è creato così il calcio.
      Non sono d’accordo nel dire che siccome sono strapagati rispetto a noi poveracci non ci dovrebbero essere: sono strapagati proprio perchè servono a noi poveracci, che siamo tanti e sosteniamo questa piccola economia. Io non penso che il mondo sarebbe migliore senza sport, anche se stona di sicuro vedere un neurochirurgo guadagnare un infinitesimo di quello che guadagna cristiano ronaldo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 2 settimane fa

        Non ho detto che non ci dovrebbero essere, il fatto che io scriva qui vuol dire che accetto questo mondo (a malincuore). Ho detto che dovrebbero fare meno bizze de che dovrebbero comportarsi da uomini non come bambini viziati. Lo sport, inteso come tale ha diverse facce:
        Quella del VERO sport e quella dello sport fatto per lo spettacolo e basta.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy