Patrimonio Chiesa, ma i top club lo vogliono. Contratto prolungato?

Patrimonio Chiesa, ma i top club lo vogliono. Contratto prolungato?

Assalto continuo nei confronti di Chiesa: la necessità di trovare un punto di equilibrio fra ambizioni personali e prospettive di crescita di tutta la rosa

di Redazione VN

La Nazione si concentra su Federico Chiesa, autore della doppietta decisiva contro il Torino. Insieme a Veretout, è il giocatore più europeo della Fiorentina. La scorsa estate il club viola ha rifiutato quattro offerte provenienti dall’Italia (quella migliore della Juventus, quasi 70 milioni di cui 40 cash, più due giocatori). Dall’estero, però, potrebbero arrivare altre tentazioni.

E già molti top club stanno seguendo con la massima attenzione ogni partita di Chiesa, misurandone l’evoluzione in prospettiva nelle occasioni ambientali più difficili, quelle in cui il giocatore deve spaiare l’equilibrio. Torino-Fiorentina non era una semifinale Champions, ma l’ottanta per cento abbondante della qualificazione è stato timbrato da Chiesa in un contesto in cui servivano gli attributi, oltreché le qualità. Altro valore aggiunto, sui taccuini degli osservatori. Come deve e può muoversi la Fiorentina, avendo per le mani un capitale di questo tipo? Quanto il contratto fino al 2022 mette al riparo la società? Che tipo di risposte potrebbe dare la stessa Fiorentina ad un atleta così esposto alle prospettive di poter frequentare il calcio nella sua forma più evoluta? E’ evidente che la prospettiva di «crescere insieme» debba essere pianificata ed esposta allo stesso giocatore, rappresentato non da un procuratore ma dal padre Enrico. Un incontro era impostato prima di Natale, ma ancora non c’è stato; la prospettiva di prolungare il contratto con un significativo aumento fa parte del ventaglio di possibilità a disposizione di un club che ha la fortuna e nello stesso tempo la difficoltà di gestire un prospetto così interessante per il calcio internazionale.

vnconsiglia1-e1510555251366

Fiorentina brutta? Pazienza. E il professor Chiesa sale di nuovo in cattedra

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Zeno - 2 mesi fa

    Penso che Enrico abbia un accordo con la Fiorentina che dovrebbe essere quello di non accellerare la vendita di Chiesa fino a quando non ci saranno offerte irrinunciabili ma, il mio timore è che abbia strappato la promessa di farlo rimanere in Italia ed in questo caso sappiamo quale squadra può permettersi certe cifre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Etrusco - 2 mesi fa

    Soliti discorsi, è la solita storiella che si racconterà all’infinito finché tra 2-3 stagioni non verrà sul serio venduto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Zeno - 2 mesi fa

      Perché tu riesci a dare 7/8 milioni l’anno ad un giocatore? Magari fosse solo da due o tre anni. Ma dove vivi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Etrusco - 2 mesi fa

        Non ho capito questo tuo discorso: il giocatore ha un contratto in essere con la società. Se si vuole dargli 7-8 mln a stagione è una scelta della dirigenza ma non è obbligatorio e poi parlarne tutti i giorni alla squadra e giocatore fa bene? Non credo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Obi Wan Kenobi - 2 mesi fa

          Ma……… scusa. Viene il Manchester e gli fa un offerta da 8 milioni l’anno, tu, cosa credi che faccia? La Fiorentina non è in grado di coprire certri ingaggi e, anche se volesse farlo, gli altri? Pensi che lo spogliatoio se ne starebbe fermo sugli ingaggi attuali.
          Ci sono delle fasce per cui noi siamo perlomeno nella terza o quarta fascia in valore d’ingaggi e quando un giocatore decide di andarsene……….. se ne va.
          Se Ronaldo va via dal Real……….

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy