Nazione: Fiorentina, cuore e azzardo

Nazione: Fiorentina, cuore e azzardo

Nella lotta al rallentatore per il sesto posto può succedere di tutto e la Fiorentina sembra davvero l’unica società motivata per agguantare l’Europa

1 Commento

Il Napoli – scrive La Nazione – va come un treno e la Fiorentina ha sempre perso fuori casa contro le grandi: messa così la trasferta di stasera potrebbe essere un mezzo disastro, il gruppo viola è nella fase di pre-smobilitazione ma proprio sull’orgoglio farà affidamento per rispondere alle critiche dei tifosi. Sousa sta pensando molte cose, forse anche di far giocare insieme Kalinic e Babacar, che da dicembre in poi pochissimo si sono frequentati in campo: la rimonta nel secondo tempo contro la Lazio può avere convinto l’allenatore viola? E quando rischiare – avendo pochissimo da perdere – se non stasera contro la squadra forse più in forma del campionato? Nella lotta al rallentatore per il sesto posto può succedere di tutto e la Fiorentina sembra davvero l’unica società motivata per agguantare l’Europa anche attraverso il terzo turno preliminare, ma le speranze viola dovranno passare da un risultato positivo o non-negativo a Napoli. Non ci saranno Borja e Astori squalificati, out anche Sanchez per infortunio e quindi Sousa si dovrà rassegnare a non farlo giocare in difesa, che fra tutti è davvero il reparto che si presenta in versione più rivista nonostante il rientro di Gonzalo.

Pochi calcoli, il Napoli in campionato ha segnato 86 gol e davanti ha gente che incendia l’area di rigore anche contro le difese più forti: a quale tipo di partita potrà dunque puntare la Fiorentina? Anche qui è impossibile fare calcoli, il finale di campionato è difficilmente leggibile proprio perché il gruppo viola è percorso da troppe tensioni, insieme a qualche rancore (vedi lo sfogo di Bernardeschi contro l’ambiente, cioè la parte dei tifosi che ha incluso anche i calciatori nel club dei colpevoli).

1 commenti

1 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Julinho - 1 mese fa

    Smettete di alimentare speranze che non esistono. La partita la può perdere solo il Napoli con un incontro disastroso. Ma con Sarri e una Fiorentina che dietro è un cataclisma questo non avverrà. Purtroppo siamo una squadra assai raffezzonata, con giocatori fuori ruolo e con una forma più che da fine stagione. Un allenatore che non ne ha mai azzeccata una, tanto da far pensare che lo facesse apposta per far imbufalire tutta Firenze, e che tutte le volte che fa conferenza stampa esprime tutto il suo fastidio di essere qui e tutta la sua arroganza. E’ un Gobbo a vita, ricorda le interviste sempre spocchiose dei Gobbi quando a Firenze hanno perso. Cercando sempre di rispondere stando un gradino più su nonostante i rovesci e le labbrate sububiti. In queste condizioni penso che se la Fiorentina a Napoli dovesse fare un risultato positivo questo sarebbe davvero l’avvenimento dell’anno. Poi c’è il Milan. In due partite dovrebbe fare solo 1 punto contro 5 della Fiorentina. Quindi la Fiorentina è costretta a vincere due volte. Vi pare possibile? Quindi stagione andata davvero, esito finale 7° posto, disastrosa non nel risultato ma per come si è sviluppata con questo fenomeno in panchina e con una dirigenza dalle idee molto ma molto confuse. Alla fine il piazzamento conta, ma conta molto di più vedere una squadra con giocatori che entrano in campo nel loro ruolo naturale dando sempre davvero tutto in modo coeso con gli altri e una continuità di rendimento e di idee. Speriamo nel prossimo anno ma tenendo sempre presente che se non puntiamo su giovani validi che devono e possono esplodere e qualche campione che rimane è presente in squadra a creare un mix combattivo e il più monolitico posibile, a Firenze giocatori di livello non possono arrivare e non arriveranno mai. Senza lilleri un si lallera!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy