E anche Pezzella entrò nell’olimpo dei gladiatori viola

E anche Pezzella entrò nell’olimpo dei gladiatori viola

L’argentino entra nella ristretta cerchia dei gladiatori viola, perché da sempre Firenze ha privilegiato i lottatori ai fighetti

di Redazione VN

Quando ha fatto segno di no con la testa, come a dire «non esco, in questa partita e con la squadra in difficoltà», Pezzella avrà certamente pensato a Astori. Un gesto che ha ricordato Passarella, che al dolorino ha sempre contrapposto il ghigno del combattente, e Batistuta, che giocava con le caviglie martoriate e imbottite di novocaina. O ancora Mareggini, che nel 1992/93 giocò spesso con le infiltrazioni, Rui Costa, che nella primavera del ’97 volle giocare a tutti i costi nonostante il parere negativo dei medici (e infatti s’infortunò), e anche Montolivo, che si sacrificò nell’ultimo atto in viola mettendo a rischio gli Europei. Lo scrive il Corriere Fiorentino.

Violanews consiglia

Firenze in ansia per Pezzella, oggi il responso. La grande importanza del capitano

Il treno per l’Europa è partito: le concorrenti accelerano, la Fiorentina… pareggia

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy