Sconcerti: “Hugo? Non dà certezze alla difesa. Gasperini perché parli ancora di Chiesa?”

Sconcerti: “Hugo? Non dà certezze alla difesa. Gasperini perché parli ancora di Chiesa?”

Le parole del giornalista ed opinionista sulla gara di Coppa Italia e sul presente in campionato della Fiorentina

di Redazione VN

Il noto giornalista e opinionista tv Mario Sconcerti è intervenuto in collegamento ai microfoni del Pentasport di Radio Bruno Toscana:

La Fiorentina non molla mai è vero. L’Atalanta finora in questa stagione si sta esprimendo meglio in trasferta che in casa. Mercoledi abbiamo trovato forse la miglior Atalanta di sempre. Muriel ha portato un tasso e un livello che non avevamo. Ha portato ritmo e velocità e si sposa al meglio con Chiesa. E’ comunque un giocatore tecnico e che sa tenere il pallone tra i piedi. Ci sta dando molto sotto l’aspetto delle prestazioni e e dei risultati.

Domenica a Bergamo potrebbe tornare Simeone titolare e rientrerà Edimilson dal primo minuto. Non penso che ci saranno altre novità. Gli errori difensivi commessi sono principalmente sulla marcatura di Ilicic. Non si è mai visto una marcatura fissa su un trequartista. Hugo dopo due anni non dà tutte queste certezze, forse non è al livello di una difesa importante della Serie A. Non puoi mettere un giocatore abituato a marcare e giocare negli ultimi 20-30 metri in marcatura fissa a tutto campo su un giocatore. E’ chiaro e facile che, nel corso di una transizione offensiva, il difensore perda il giocatore da marcare.

Mi arrabbiai molto all’andata per le parole di Gasperini su Chiesa dandogli di cascatore. Credo che lui si sia reso conto e che l’abbia fatto quasi volutamente di far male ad un giocatore giovane come Federico. In diretta si può sbagliare tutti ma dopo cinque mesi tornare sull’argomento.. C’è differenza tra cadere e tuffarsi. Se uno va a cento all’ora è facile che in un contrasto o un semplice contatto si possa cadere. Tuffarsi è tutt’altra cosa.

Violanews consiglia

 

Pioli ricorda Astori: “Non abbiamo superato il dolore. Ma io sento di essere un uomo migliore”

Desolati a VN: “Chiesa segna come me, ma che rimpianti per il Mondiale del 1982. Su Pioli…”

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. papà orso - 3 mesi fa

    Mi vorrei soffermar solo su Vitor Hugo. In questi due anni effettivamente ha espresso più prestazioni negative che positive. Non completamente per colpa sua, dato che non è il suo ruolo, è un centrocampista. La fiorentina ,secondo me avrebbe dovuto prendere un giocatore di ruolo, per dare maggiore sicurezza alla difesa. Ormai dover mettere giocatori fuori ruolo per Pioli,come altri allenatori in passato per mancanza di giocatori validi certi ruoli è diventato un problema troppo ripetitivo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ale 1926 - 3 mesi fa

      Vitor Hugo un centrocampista? Da quando?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CippoViola - 3 mesi fa

    Quest’uomo ha dei seri problemi di logica.. basta mettere insieme i due pezzi di frase: “1. Hugo non merita la fiducia dopo due anni 2. non puoi mettere un uomo abituato a marcare gli ultimi 20-30mt in marcatura fissa a tutto campo su un trequartista”.

    Qua il problema non è tanto Hugo ma piuttosto Pioli che non stimo tecnicamente ma gli riconoscevo una coerenza di atteggiamento (Gerson titolare, Edimilson/Veretout pseudo-regista, difesa a 4, palla lunga e correre).

    Pur di specchiare l’Atalanta ha deciso di snaturare la sua difesa a 4 (priva di Pezzella) per infoltire il centrocampo a 5 in contrasto delle fasce e non pago nella difesa a 3 uno doveva pure inseguire Ilicic ovunque.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ottone - 3 mesi fa

    Gasperini è solo invidioso di non allenare uno come Chiesa. Tutto qui.
    Il discorso Hugo è lo stesso di Tomovic e gente simile.
    Devono combinare non so’ cosa per far capire che non sono giocatori da Fiorentina.
    PS. Sono forse uno dei pochi che non si è ancora rassegnato a giocare x il 10° posto e che insiste a considerare “grande” la sua Viola. Abbiate pazienza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Viola63 - 3 mesi fa

    Ma se un centrale non può marcare un centrocampista a uomo di chi è la colpa se non dell’allenatore?
    Solo che Sconcerti da sempre e non ho capito perché difende Pioli a prescindere.
    E’ vero che dice anche che un giocatore come Gerson deve esserci sempre in qualsiasi squadra…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tonipilat_1415134 - 3 mesi fa

      tatticamente Pioli ha sbagliato, ma Hugo non è riuscito a fermarlo mai!! lo sloveno non è un centrocampista, se gli metti un difensore in marcatura, almeno un paio di volte lo dovrebbe fermare. inoltre hai la fortuna di sapere che usa quasi esclusivamente un piede solo!! se poi vogliamo attaccare sempre e solo pioli, allora ve bene, però il compito di un difensore dovrebbe essere marcare. Hugo è dall’inizio del campionato che ci sta costando punti!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. CippoViola - 3 mesi fa

        Ma infatti, proprio per questo Pioli non doveva chiedergli una cosa de genere, non lo cavi il sangue da una rapa.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. rudy - 3 mesi fa

    Questi argomenti li dica sulle TV nazionali, facile dirlo solo a una radio locale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. vecchio briga - 3 mesi fa

    Una volta veniva messo il mediano appiccicato al numero 10. In effetti la mossa di Pioli di metterci un difensore a pedinarlo a tutto campo è alquanto strana

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. CippoViola - 3 mesi fa

      Vero alla maniera di “Gentile vs Maradona”, ancor più strana in una difesa quasi a tre. Aveva 5 giocatori a centrocampo, poteva farlo seguire a turno da Benassi/Veretout/Biraghi/Dabo bastava solo infastidirlo e sporcargli i passaggi, se poi ti avesse saltato il centrocampista allora sì che Hugo poteva farsi sotto.. ma dalla linea di difesa no nella metà avversaria come poi è successo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. emilio - 3 mesi fa

    GASPERINI E’ UN GOBBO…ERGO…!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy