FINALE – Napoli-Fiorentina 1-0. Viola rinunciataria nella ripresa, Insigne la punisce

FINALE – Napoli-Fiorentina 1-0. Viola rinunciataria nella ripresa, Insigne la punisce

La partita molto impegnativa per la Fiorentina fino a questo momento a punteggio pieno

di Iacopo Nathan

Fiorentina di mister Pioli chiamato ad un grande esame di maturità nella gara odierna del San Paolo, con un Napoli a caccia del riscatto dopo la pesante sconfitta in casa della Sampdoria, subita prima della sosta.

Ecco le formazioni ufficiali delle due squadre:

NAPOLI (4-3-3): Karnezis; Hysaj, Maksimovic, Koulibaly, Mario Rui; Allan, Hamsik, Zielinski; Callejon, Mertens, Insigne

FIORENTINA (4-3-3): Dragowski; Milenkovic, Pezzella, Hugo, Biraghi; Benassi, Veretout, Gerson; Chiesa, Simeone, Eysseric

24 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Violentina - 2 mesi fa

    peccato. forza viola.
    (vedrai, ora torna bucchione.)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. folder - 2 mesi fa

    Questa partita,con un allenatore normale,si poteva vince tranquillamente.Il problema è che noi ci se n’ha uno che più scarso un si pole.Se giochi così conto i gobbi ne pigli 56 ma tanto “Mister Scarsone” un cambia: per lui meglio uno 0a0
    che gettare il cuore oltre l’ostacolo.Trap docet!Ah:bei tempi quelli di Scagnellato;Pison e Azzini e del Santo Catenaccio padovano del compianto Nereo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Up The Violets - 2 mesi fa

    Male, molto male.

    Pazienza per il risultato, perdere a Napoli ci sta, alla luce del solco ormai scavatosi tra due società che fino a tre-quattro anni fa erano sullo stesso livello (anzi, noi ci facevamo preferire) a causa del diverso livello d’investimenti messo in atto nel frattempo dalle due proprietà.
    Quel che va stigmatizzato negativamente è l’approccio a quest’incontro, molto più remissivo rispetto a quello della passata stagione, quando con una squadra più debole di quella di quest’anno ce la giocammo per due volte contro un Napoli più forte e in forma di questo, ottenendo un meritato pareggio e un’ancor più meritata vittoria al ritorno. Stavolta invece abbiamo puntato al pareggino e, quando sei inferiore all’avversario, se fai così perdi due volte su tre, è scritto.

    Temo purtroppo che la rivoluzione tattica voluta da Pioli, tanto osannnata dopo due faticose vittorie contro squadrette di bassa classifica (soprattutto contro l’Udinese, ma anche contro il Chievo nel primo tempo incespicammo, prima che i veronesi si squagliassero), debba essere un attimo riconsiderata: giocare solo sul contenimento e il contrattacco, con un mediano al posto di un regista, lo può fare il Liverpool perché Klopp è meglio di Pioli, perché Henderson è meglio di Veretout e perché Salah-Firmino-Mané sono meglio di Chiesa-Simeone-Pjaca, figuriamoci di Chiesa, di Simeone e del pur volenteroso e positivo Eysseric.

    È vero che sono diversi anche gli obiettivi rispetto a quelli dei Reds, ma il problema che più mi preoccupa è che la Serie A, per quanto inferiore tecnicamente, è un campionato più difficile dal punto di vista tattico rispetto agli altri e gli spazi che il Liverpool quotidianamente ha in Premier tu non li avrai mai, né contro le squadre più forti come il Napoli, che ti mettono lì e fanno gioco, e neppure contro quelle più deboli come Udinese o Chievo, che fanno catenacci simili a quello che abbiamo fatto noi oggi al San Paolo, puntando (anche in quel caso, ineluttabilmente, senza ottenerlo) allo 0-0.
    Nella scorsa stagione c’era una qualche volontà di proporre qualcosa, pur nei limiti tecnici evidenti a tutti. Se invece continueremo a giocare (giocare?!?) così il rischio, anche alla luce del calendario improbo che ci attende, sarà quello di fare davvero pochi punti e di accumulare un ritardo importante dalla zona Uefa già al termine di questo primo mini-ciclo di partite.

    Non è tutto da buttare ma la speranza è che questa brutta esibizione, al di là del risultato, faccia riflettere Pioli sulla validità delle sue idee (un po’ come successe l’anno scorso, quando gli ci vollero sette-otto brutte partite per capire che Benassi non era un tornante e che non potevamo giocare con il 4-2-3-1) e nel frattempo faccia tornare sulla Terra chi già (stra)parlava di zone Champions. Urge riscatto già a Marassi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. fabio1926 - 2 mesi fa

    Era un esame di maturità e secondo me è stato ampiamente superato. Non è facile giocare col Napoli, non dimentichiamo che è una squadra di prima fascia. Lazio e Milan non hanno certo fatto meglio di noi contro i partenopei.
    Siamo una squadra giovane che può darci molte soddisfazioni. Questa sconfitta non cambia niente anzi abbiamo delle certezze in più.
    Forza Viola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. bati - 2 mesi fa

    Pioli è un pavido, bisogna avere il coraggio di vincere e/o allentare la pressione proprio a venti minuti dalla fine con un attaccante veloce e capace di fare paura all’avversario. Ora rimane il rammarico di avere comunque perso e di non avere messo Pjaca (o Mirallas) quando gli spazi erano lunghi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. batigol222 - 2 mesi fa

    Non mi sembra andata così male, squadra compatta e concentrata fino al gol, cioè all’ottantesimo. La reazione dopo quello è stata pessima pobabilmente per la stanchezza ma si può fare meglio. Fuori casa contro il napoli non è da buttare per niente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Paolo Massa M. - 2 mesi fa

    v********* te e la mediocrità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. woyzeck - 2 mesi fa

    Per prima cosa, un ben tornato a tutti sulla terra. Poi, le cose positive: la compattezza di squadra. Le cose negative: la mancanza di qualità vera, soprattuto in attacco dove siamo del tutto sterili. Lotteremo per il settimo posto (chi si accontenta gode…) ma potremmo anche arrivare decimi. Vedremo, ma in ogni caso sarà mediocrità in stile DV… i mediocri ne saranno felici…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iG - 2 mesi fa

      sulla mediocrita’ dei della Valle non ci piove e si nota anceh dall’a lelnattore mediocre che hanno in panchina.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Ivo - 2 mesi fa

    Inconcepibile presentarsi al San Paolo e “giocare” per lo 0 – 0. Quando fai così alla fine perdi quasi sempre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fabio1926 - 2 mesi fa

      Se giochi aperto col Napoli non è detto che vinci. È più probabile prenderne 3

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. folder - 2 mesi fa

        Con questo Napoli? Ci si risente alla fine del campionato e si vede dove arriva.La fortuna dei partenopei,oggi,è stata che l’allenatore viola era lo scarsissimo Pioli che va a giocare solo per lo 0 a 0 e,come quasi tutte le volte che lo fai,queste partite le perdi!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Ivo - 2 mesi fa

        Tra il giocare aperto e la partita impostata da Pioli ci sono 1 mln di possibili vie di mezzo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. iG - 2 mesi fa

    Una cosa e’ certa, se vi aspettate un GIOCO uno STILE dal NEREO ROCCO dei POVERI, PIOLI state freschi. Palla lunga e viaggiare ( poco ).
    Non si puo’ affrontare la serie A con un allenatore cosi’ poco capace tatticamente e tecnicamente. IMBARAZZANTI poi gli ultimi 25 minuti della FIORENTINA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. 29agosto1926 - 2 mesi fa

    Il Napoli ha cercato di più la vittoria ed il risultato è giusto. Siamo stati timorosi fin dall’inizio, poco propositivi limitandoci a contenere. Il centrale, se Veretout è questo, manca perché nessuno si abbassa per icevere la palla ed impostare l’azione. Siamo sempre stati costretti al lancio lungo scavalcando il centrocampo.
    La squadra è giovane e manca di personalità ed inoktre non mi è piaciuta la gestione dei cambi di Pioli che ha sconfessato due volte le scelte fatte.
    Comunque non cambia niente dobbiamo giocare domenica per domenica e basterà fare un risultato positivo a Genova (speriamo) dove occorrerà andare con un altra mentalità.
    Bene Milenkovic, Dragowsky e Eysseric (specialmente il primo tempo), per il resto tante buoneintenzioni ma……… senza il punto che potevamo ottenere con un diverso approccio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. alesquart_398 - 2 mesi fa

    C’era da aspettarselo, non si è praticamente giocato, Simeone non ha avuto una palla decente. E abbiamo costruito pochissimo. Peccato è mancato il coraggio finora

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. alesquart_395 - 2 mesi fa

    L’arbitro non mi sta piacendo, ha invertito alcuni falli e i cartellini per i napoletani non esistono

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. 29agosto1926 - 2 mesi fa

    Milenkovic è un potenziale campione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. iG - 2 mesi fa

    CONTINUO a non capire cosa ci vede Pioli in Coniglio Gerson. E continuo a pensare che il piu’ grosso Problema che abbiamoa Firenze e’ l’ allenatore!
    Gerson, uno che corricchia senza sudare come Paperoga.
    Anche oggi si gioca in 10!

    Anche non mi piace affatto la posizione di Veretout e non capisco come si fa a non accorgersi che non e’ adatto a giocare in quella posizione. Via Gerson, dentro Dabo e avanzare Veretout vicino alla porta. Oppure se ti senti di giocartela metti Edilminson invece di dabo.
    Gerson e’ comunque la peggior scelta possibile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. ElTodocampista - 2 mesi fa

    Non mi è chiaro come certa gente si possa lamentare di Eysseric, secondo me è uno dei nostri giocatori più talentuoso, è uno dei pochi che riesce a fare passaggi intelligenti nella trequarti avversaria, mentre gli altri sono spesso troppo prevedibili.
    Sempre forza viola, giochiamoci questa partita fino all’ultimo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. 29agosto1926 - 2 mesi fa

    Mi sono sembrati un po’ troppo timorosi, sembrano preoccupati di gestire la palla e regaliamo un po’ troppe situazioni agli avversari. Gerson sembra moscio mentre Eysseric è una sorpeesa sia per la posizione in campo (fa tiuute e due le fasi) che per la gestione dei passaggi. Chiesa sempre volenteroso in ogni occasione. La difesa bene, come sempre e Dragowsky abbastanza sicuro sul laovor svolto C’è da dire che non hanno mai tirato in porta ma i piccoletti, palla al piede, sono pericolosi. Forse dovremmo rischiare un po’ di più. Tutto sommato non male.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Violino - 2 mesi fa

    Arbitro becco!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. davidebaso@gmail.com - 2 mesi fa

    Fa strano leggere che Dragowski è così sicuro. Tanto meglio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. alesquart_257 - 2 mesi fa

    Io avrei preferito Edmilson davanti alla difesa e Veretout al posto di Gerson. Per ora non male Eysseric. Sfondano un po’ troppo facilmente sulle ali

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy