La Fiorentina non demerita, ma quanti rimpianti: manca un attaccante di riserva

La Fiorentina non demerita, ma quanti rimpianti: manca un attaccante di riserva

L’analisi de La Nazione su Napoli-Fiorentina 1-0

di Redazione VN

La Nazione analizza la sconfitta della Fiorentina contro il Napoli per 1-0. La squadra viola non ha demeritato, ma ha perso l’occasione di immagazzinare punti contro una formazione, quella azzurra, in fase di carburazione. Simeone è stato innocuo per più di novanta, mentre dall’altra parte Milik, subentrato a Mertens, ha fornito l’assist vincente per Insigne.

Ai ragazzi di Pioli resta qualche rimpianto, ma da qui serve ripartire per fare il punto su quello che manca. Da quanto si è visto ieri un centravanti di riserva o una soluzione capace di aggiungere pericoli quando le prime scelte sono in difficoltà.

vnconsiglia1-e1510555251366

PAGELLE VN: Chiesa tarantolato, la difesa regge… 80′. Veretout rimandato, a Pioli manca un po’ di coraggio

Pioli: “Abbiamo le qualità per fare meglio, sbagliato le uscite del pallone”

21 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14014713 - 1 settimana fa

    grande folder.per mettere in moto il pulmann manca solo Bucchioni,poi via!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-14014713 - 1 settimana fa

    vi tenete? per che squadra sei! Poi nessuno pensava che fossimo il Barcellona.La gente coerente era solo contenta per le vittorie. Coraggio gufo! Ora di’ che la Samp è da Champions League così la fulmini e mercoledì perde.sei un uccellaccio che esce fuori solo quando si perde!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-14014713 - 1 settimana fa

    Ogni anno di questi periodi è sempre difficile fare pronostici e considerazioni.All incoerente che dice che dopo due vittorie sembravamo diventati il Barcellona rispondo,che dopo due vittorie ho visto la gente entusiasta e contenta come normale che fosse.Per la sconfitta di ieri a ritmi settembre sia nostri,che degli avversari,penso che non sia il caso di fare disfattismo.Pensiamo positivo a mercoledì. La Sampdoria ieri ha fatto ciò che abbiamo fatto noi col Chievo. Il 3 a 0 è stato uno starnuto del Napoli.Tutto ciò considerando,che nn ce l ho con nessuno..Chi critica lo fa senz altro per amore della squadra.Chi contesta no!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Elmauri - 1 settimana fa

    La squadra e l’allenatore sono quelli che sono. Qui dopo due vittorie sembrava di essere diventati il Barcellona, ma i limiti ci sono eccome. Poca qualità, pochissimi in grado di saltare l’uomo e creare la superiorità (speriamo che Pjaca entri in forma e non si riveli un bluff), l’assenza di un mediano in grado di far girare la squadra. Magari con il tempo Veretout si calerà nella parte ma ieri ha avuto molte difficoltà e questo suo periodo di apprendistato ci costerà diversi punti. Quanto all’allenatore, le sue squadre sono così; pochi schemi offensivi ma grande compattezza difensiva. Vi lamentavate dei contropiedi che prendevamo con Montella, del tipo taka di Sousa, ora vi tenete Pioli…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. andrea333 - 1 settimana fa

    Ieri giocavamo in trasferta contro una grande squadra e una sconfitta era prevedibile. Secondo me ci manca un attaccante , un regista di ruolo e un giocatore che sia capace di dettare l’ultimo passaggio , no aspetta l’ultimo lo abbiamo perchè Montiel ha ottima visione di gioco e gran tocco di palla e averlo mandato in primavera è un vero peccato.
    Riportiamolo in prima squadra e facciamolo crescere con giocatori importanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Lore1697 - 1 settimana fa

    Secondo me manca anche un portiere di riserva esperto, drago magari tra i pali potrà essere sufficiente ma fa dei rinvii ridicoli, ieri non ne ha indovinato uno!! Nel calcio di oggi un portiere coi piedi almeno sufficienti è fondamentale se vuoi costruire un minimo di gioco!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Outsider - 1 settimana fa

    La squadra nel complesso è buona e può senz’altro lottare per l’Europa, ma certe cose vanno dette:
    Pioli è l’anelo debole, lo dice il suo curriculum
    Simeone è sopravvalutato. Grande cuore, ottimo movimento ma ha un difetto che per un bomber è enorme, il tiro. Scusate se è poco. Altri bomber storici non lo hanno avuto, ma gli allenatori sopperivano con un gioco per metterli davanti alla porta. Pioli ha scelto un’altra strada, non produttiva.
    Chiesa che si spolmona sulla fascia è sprecato, deve giocare piú vicino all’area, da seconda punta. La sua corsa va sfruttata per contropiede e pressing sui difensori centrali, no sugli esterni.
    Vlahovic è l’attaccante di riserva e avrebbe le caratteristiche del vero bomber, se non lo butti dentro quando Simeone non va ed è stato l’ultimo a rientrare dalle nazionali, quando tocca a lui? E’ giovanissimo ma in panchina è inutile.
    Una parola per Dragowski: bravo, sei stato all’altezza. Lafont grande speranza e titolare, ma possiamo fidarci di Drago anche a Genova e con la Spal, non forziamo il recupero di Lafont.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-14035808 - 1 settimana fa

    Non vorrei piu vedere questa Fiorentina con baricentro basso, impaurita e con atteggiamento puramente difensivo.
    Così caro Pioli non va bene!
    Potevano e possiamo fare la nostra partita anche su un campo ostico come quello di Napoli.
    Non abbiamo grandi campioni, ma giocatori di buon livello si, per imporci un po di piu, si !!!!!!
    Caro Stefano, sai anche preparare una Fiorentina piu spregiudicata, anno scorso abbiamo assistito a Fiorentine piu aggressive in trasferta.
    Quindi togliti la paura e giochiamo anche noi,

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Raff - 1 settimana fa

    Complimenti alla viola. Perdere 1-0 contro il Napoli per voi è una vittoria

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Nicco - 1 settimana fa

    Il rammarico più grande è che potevamo provare a vincerla e nn l’abbiamo fatto per mancanza di coraggio, siamo alla terza giornata andiamo a Napoli senza nulla da perdere e che facciamo? Difendiamo lo 0-0 contro un Napoli che mi sembra veramente poca roba , ma a venti minuti dalla fine provo a vincerla se poi la perso amen tanto l’abbiamo persa uguale, così nn costruisci mentalità vincente. Adesso a Genova è dura .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. ottone - 1 settimana fa

    Quello che manca si piglia sempre l’anno dopo, niente paura.
    Per il resto mi ripeto: gruppo di giovanotti un pò più interessante rispetto a quello dello scorso anno, un pò più tecnico, ma distante anni luce da una squadra che può avere ambizioni. Discontinuità, sbandamenti, carenze di vario genere (Simeone da solo in avanti fa il coniglietto bagnato) non permettono di sognare in nessun modo. In più Pioli fa venire angoscia a me, figuriamoci ai giocatori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Kewell - 1 settimana fa

    quando sento dire che “perdere a Napoli ci sta” mi prende una tristezza immensa…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. woyzeck - 1 settimana fa

    Altro che attaccante di riserva, mancano giocatori in grado di fare la differenza! La Fiorentina non ha giocatori come Insigne, Mertens, Milik o Callejon che con una giocata possono vincere la partita… l’unico sarebbe Piaca ma al momento sembra in grande difficoltà… è una squadra volenterosa e compatta ma con poca qualità vera (e si vede anche dalle evidenti difficoltà di palleggio e dalla incapacità di saltare l’uomo…), quella qualità che ti permette di vincere le partite più difficili e complicate e che è in grado di scompaginare la più efficace delle tattiche…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Antonio da Papiano - 1 settimana fa

    Ci sarebbe Vlahovic.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Valdemaro - 1 settimana fa

      Con questo allenatore è come non esistesse….
      Simeone a fare il capanno e chiesa che corre come un forsennato con poco costrutto.
      Se fai una squadra con giovani sconosciuti bisogna prendere un mister che osi e che li sprema tecnicamente…non un refuso degli anni 70…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Staffa - 1 settimana fa

    C’é poco da fare..il piu grande freno di questa squadra é l’allenatore..persona meravigliosa umanamente che sa trasmettere degli stupendi principi paterni a questi ragazzi(infatti si vede che sono come una famiglia)..ma altrettanto incapace di trasmettere quello che nel calcio di oggi conta di piu..la grinta..la fame..la “cattiveria” agonistica e la concentrazione..per non parlare della gestione monotematica della squadra e l’incapacità di leggere ed adattarsi alle partite, anche ieri cambi inspiegabili ripiegando all’indietro..
    I ragazzi sicuramente entreranno meglio in forma col tempo ma il manico guida é sempre quello.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il Complottista gigliato - 1 settimana fa

      Concordo in pieno! Non riesce a motivare la squadra. Infatti con le “grandi “ i ragazzi si motivano da soli , e si riesce sempre al di là del risultato, a fare una buona partita, e con le piccole, che si dovrebbe portare via il risultato, non giocano per mancanza di stimoli dati dal proprio allenatore !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. canocch_320 - 1 settimana fa

    Il punto debole di Pioli è il coraggio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Valdemaro - 1 settimana fa

    No davvero? Chi lo diceva durante il mercato veniva subito assalito da trolletti nel frattempo spariti. Due vittorie si prlava già di scudetto. Ma la rosa è ridicola. Poi pioli yesman pensa al resto.
    Ma se simeone non segna…auguri.
    Ribadisco squadra da settimo/devimo posto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. folder - 1 settimana fa

      I trolletti non sono spariti.Sono tutti in pullman pronti a raggiungere Torino dove gioca la loro squadra del cuore bianconera e il loro idolo Gobbardeschi.
      29Agosto1926 capogita;Marchino autista e Pattyviola prepara panini per tutti i
      gobbetti!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Up The Violets - 1 settimana fa

    L’attaccante di riserva, inteso come vice Simeone, può probabilmente mancare, ma quando tu hai un allenatore che vede la squadra soffrire e la rimpinza la squadra di mediani, facendola definitivamente schiacciare in difesa, lascia in panchina Mirallas e mette Pjaca a dieci minuti dalla fine e solo perché nel frattempo aveva preso l’inevitabile golletto, credo sinceramente che non sia quello il problema principale. Lo dissi anche dopo le due vittorie contro Chievo (primo tempo molto complicato, poi nella ripresa i veronesi non si ripresentarono in campo) e Udinese: se il gioco (gioco?) continuerà a essere quello lì, saranno dolori. A cominciare dalla prossima partita in casa della Samp, impegno al limite dell’impossibile per quanto le due squadre abbiano mostrato finora.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy