Italianizzazione? Non ancora

Italianizzazione? Non ancora

Il processo di italianizzazione della rosa sembrava cominciato con Sportiello e Saponara, ma fin qui sono arrivati solo stranieri dal mercato. Il colore azzurro, invece, non manca considerando i giovani provenienti dalla Primavera, impegnati adesso a Moena

Prima Sportiello, poi Saponara. A gennaio gli acquisti del portiere e del trequartista sembravano il preludio all’italianizzazione della rosa della Fiorentina. Il “processo”, però, è finito in soffitta a giudicare da come Pantaleo Corvino si è mosso in queste prime settimane di calciomercato. Sono stati, infatti, ufficializzati Vitor Hugo, Bruno Gaspar, Milenkovic, Vlahovic (che raggiungerà Firenze a gennaio), Graiciar, Hristov e Zekhnini. Vale a dire: un brasiliano, un portoghese, due serbi, un ceco, un bulgaro e un norvegese. Senza contare che due degli obiettivi del Dg viola sono Eysseric, francese, e Simeone, argentino.

Dal mercato – per ora – non c’è traccia del colore azzurro. E pensare che Stefano Pioli si era presentato dicendo: “Ci saranno dei cambiamenti, prenderemo calciatori giovani, italiani se possibile”. La sessione estiva di trattative è ancora lunga, ma non c’è dubbio che – fin qui – il processo di italianizzazione sia stato disatteso, anche se ci rendiamo conto che non è facile comprare giocarori bravi del bel Paese. I tifosi, nel frattempo, criticano la società anche su questo punto di vista.

Giovani e italiani sono, invece, i ragazzi provenienti dalla Primavera, impegnati adesso a Moena: parliamo di Satalino, Cerofolini, Sottil, Ranieri e Gori. Alcuni di loro potrebbero restare nel gruppo di Stefano Pioli.

Gli acquisti sopra citati non entusiasmano i tifosi, la speranza è che possano lasciare la loro impronta a Firenze. Servono, però, innesti di altra natura per “risvegliare” l’entusiasmo della piazza. Palla a Corvino adesso.

13 commenti

13 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. vecchio briga - 4 giorni fa

    Calma..c’è sempre gennaio…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. zachini - 4 giorni fa

    Poi ci lamentiamo se non parlano…
    Certo che se ogni frase viene presa come una promessa imprescindibile…allora stiamo freschi.
    Devono allestire la migliore squadra possibile con i danari di autofinanziamento. PUNTO.
    Se ci rientrano italiani ben vengano, siamo tutti contenti, se non ci rientrano pace.
    Ma non vogliamo la proprietà Cinese?
    eh allora…
    Piagnoni

    Vdz

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. cla3115_91 - 4 giorni fa

    SAPETE FARE SOLO ARTICOLI FAZIOSI E PER STANARE ANCORA PIU’ POLEMICHE..MA CHE GIORNALISTI SIETE FRA TUTTI?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. bitterbirds - 4 giorni fa

    più avanti, più avanti non si faranno trovare impreparati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. nisci - 4 giorni fa

    un brasiliano, un portoghese, due serbi, un ceco, un bulgaro e un norvegese. Sembra una di quelle barzellette che tanto andavano di moda negli anni ’80…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Stefano Niccoli - 4 giorni fa

      E’ vero, sembra, ma è così

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. bitterbirds - 4 giorni fa

      e il meglio di tutti deve ancora arrivare, iradidio ardaiz dall’uruguay !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Fabio - 4 giorni fa

    si è vero Pioli disse cosi ,però il discorso finisce con la parole ” se possibile”
    pertanto non vedo perche dobbiamo rimuginare queste articoli. mah
    saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-2073653 - 4 giorni fa

    Chissenefrega se sono italiani…l’importante è che siano buoni!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nisci - 4 giorni fa

      purtroppo non prendendo giocatori “sicuri” ma scommesse se sono buoni lo scopriremo solo vivendo… la speranza è che siano meglio di quelli dell’anno scorso a parte Sanchez tutti i neo acquisti hanno giocato ben pochi minuti…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user-2073653 - 4 giorni fa

      Sì nisci, considerando chi è che li compra anche io ho il forte sentore che siano una manica di bidoni, però il concetto che volevo far passare è che la nazionalità di un giocatore conta solo fino a un quarto a mezzogiorno, non bisogna fissarsi né con gli italiani, né con gli uruguaiani!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. claudio62 - 4 giorni fa

    “Italiani “SE” possibile!”..si vede che per ora non è stato possibile..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Quisisanaileccavalle - 4 giorni fa

      PER ORA NON SONO NEANCHE GIOCATORI ALTRO CHE ITALIANI

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy