Fiorentina e Atalanta, due fabbriche di plusvalenze. Ma quante differenze…

Fiorentina e Atalanta, due fabbriche di plusvalenze. Ma quante differenze…

In sei anni l’Atalanta ha incassato 130 milioni di euro dalla cessione di giocatori cresciuti nel vivaio alimentando il proprio circolo virtuoso. Nello stesso periodo la Fiorentina ne ha incassati molti di più, ma senza riuscire a creare un sistema per autosostenersi

di Stefano Fantoni, @stefanto91

Kessie 28 milioni, Conti 25, Gagliardini 22, Caldara 15, Gabbiadini 11. Ma anche Grassi e Bastoni 8, Bonaventura 7, Baselli 6. Negli ultimi sei anni, considerando solo le operazioni principali, l’Atalanta ha incassato (anzi, andrà a incassare, considerando la dilazione di alcuni pagamenti, ndr) complessivamente 130 milioni di euro dalle cessioni di nove giocatori.

Tutti rigorosamente cresciuti in casa, con la parziale eccezione di Kessie, arrivato diciannovenne dalla Costa d’Avorio. Plusvalenze pure, su giocatori allevati anno dopo anno e venduti a peso d’oro. Un sistema che funziona, come dimostrano i prossimi talenti in rampa di lancio: Melegoni, Barrow, Latte Lath e Mallamo, per citare quelli più in vista della Primavera nerazzurra.

E la Fiorentina? Nello stesso periodo ha incassato cifre superiori ai 200 milioni di euro, ma in grandissima parte per calciatori acquistati e poi rivenduti dopo poche annate (vedi alle voci Cuadrado, Jovetic, Savic, Alonso, Vecino, Kalinic, Nastasic e Ljajic). Plusvalenze frutto dello scouting da prima squadra più che da giovanili, visto che solo due talenti made in Fiorentina fin qui hanno generato utili netti per le casse gigliate.

Stiamo parlando di Babacar e Bernardeschi, che insieme sono stati venduti per oltre 50 milioni di euro complessivi. Nel mezzo tanti addii di ragazzi cresciuti nel settore giovanile (Mancini, Capezzi, Fazzi e Zaniolo per citare gli ultimi, D’Ambrosio per voler andare più indietro), ma su nessuno di questi la società viola ha realizzato un guadagno in termini economici.

Tanti nomi e cifre per dire cosa alla fine? Che c’è modo e modo di utilizzare le famose plusvalenze. Perché se da una parte l’Atalanta incassa e investe sul proprio futuro, ovvero su strutture e giovani, alimentando il circolo virtuoso che la sostiene da decenni, dall’altra la Fiorentina non riesce a fare altrettanto, disperdendo il proprio talento tra varie strutture e valorizzando poco il territorio, in favore del “talento” di altre regioni italiane e straniere. Il risultato? La società di Percassi cresce e corre, quella dei Della Valle annaspa.

 

Violanews consiglia

La Fiorentina guarda in casa Atalanta: Zingonia è il modello da imitare

Società in vendita? Offerte non convincenti, scenari cambiati

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. frigo - 6 mesi fa

    dell’atalanta dobbiamo solo invidiare il settore giovanile, per il resto, i risultati parlano a nostro favore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. alesquart_104 - 6 mesi fa

    Nel complesso rimangono a favore nostro, ma si sono completamente ribaltate quando la Società ha progressivamente smantellato la squadra costruita da Pradè Macia (cominciando con Savic nel primo anno di Sousa affare che fu trattato personalmente da Cognigni chiamato non a caso da Pradé “l’Uomo Nero) e guarda caso coincidono proprio con l’avvento del Corvo. È lapalissiano…..per i testoni che continuano a dire che questa gestione non deve prendere esempio da squadre come l’Atalanta si fa presente che sono aperte le iscrizioni alla edizione 2018 dei Campionati Mondiali di ARRAMPICATA SUI BUDINI. Buona fortuna

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. matteo.spatar_821 - 6 mesi fa

    Ultimi 5 anni, piazzamenti Fiorentina: quarti quarti quarti quinti ottavi. Piazzamento medio: quinti.
    Ultimi 5 anni, piazzamenti Atalanta: quindicesimi undicesimi diciassettesimi tredicesimi quarti. Piazzamento medio: dodicesimi.

    AH COME INVIDIO L’ATALANTA
    AH COME FA TANTO MEGLIO L’ATALANTA
    EH MA L’ATALANTA
    E MEGLIO ARRIVARE TREDICESIMI COME L’ATALANTA
    AH CHE BELLA L’ATALANTA
    QUANTE DIFFERENZE CON L’ATALANTA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Matt - 6 mesi fa

    Le differenze sono a favore nostro. L’Atalanta è quasi sempre arrivata dietro. La Fiorentina è in un periodo di bassi mentre l’atalanta di alti… che cosa si confronta? Anche per loro non sarà sempre oro. Posso invidiare il potere della juventus mica dell’atalanta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Ghibellino viola - 6 mesi fa

    Tra i vari dati però scriviamo anche che negli ultimi 15 anni solo l’anno scorso l’Atalanta ci è arrivata davanti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. max59 - 6 mesi fa

    Ma Corvino ha detto che non ha niente da invidiare a squadre come l’Atalanta………..baracconi tutti!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy