Dabo si è preso il centrocampo: lavoro e umiltà per l’Europa League

Dabo si è preso il centrocampo: lavoro e umiltà per l’Europa League

Arrivato tra lo scetticismo, Bryan Dabo si è ritagliato uno spazio importante dopo l’infortunio di Badelj

di Pier F. Montalbano, @____MONTY____

Doveva adattarsi in fretta, e lo ha fatto. Quella con la Spal è stata la terza presenza consecutiva da titolare per Bryan Dabo, che da quando è entrato al posto di Cristoforo il 31 marzo contro il Crotone il posto in mezzo al campo non lo ha più lasciato. Doveva capire i meccanismi del calcio italiano, lui che suona il piano ma non è dotato di piedi raffinatissimi. L’intensità e la corsa però non mancano a questo gigante francese, chiamato nel momento del bisogno a sostituire Milan Badelj, capitano designato dopo la sconvolgente morte di Davide Astori e giocatore completamente agli antipodi del franco-burkinabè. Le ore davanti al video con Pioli sono però servite al cugino dell’ex laziale Ousmane ad apprendere movimenti e compiti in campo: rompere il gioco sì, far valere i propri centimetri in area ma anche guidare la transizione grazie alle sue lunghe leve e dare una mano in fase offensiva.

Qualcosa in più di un altro giocatore scolastico come Carlos Sanchez, di cui a gennaio ha preso lo slot in rosa. Anche ieri con la Spal tutto ha funzionato secondo i piani – anche se solo per 45 minuti – ma i progressi di Dabo sono comunque significativi rispetto alla prima apparizione in maglia viola (nel finale contro l’Atalanta) in cui aveva dato l’impressione di essere grezzo e disorientato. Dedizione, lavoro, educazione: è entrato in punta di piedi ma alla fine si è preso la Fiorentina e ha fatto ricredere gli scettici. Doveva soprattutto giustificare un investimento da quattro milioni da parte di Pantaleo Corvino che lo ha prelevato dal Saint-Etienne nel mercato invernale. E adesso che è diventato quasi una pedina imprescindibile nello scacchiere viola, vuole continuare a migliorare il suo italiano e giocare per quell’Europa League che fino a un paio di mesi fa era soltanto una chimera.

vnconsiglia1-e1510555251366

Semplici: “Punto prezioso, il segreto è la difesa”. Poi parla di Lazzari e Viviani

Nardella: “Nuovo stadio, vi spiego quali saranno i prossimi passi”. E sui ricorsi al Tar…

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Gaetano - 4 giorni fa

    Una buona riserva. Deve essere cosciente però che, una volta recuperato, il pallone poi lo deve passare…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy