Rialti su Bernardeschi: “Non è Baggio, ma…”

Rialti su Bernardeschi: “Non è Baggio, ma…”

Il consueto editoriale settimanale di Alessandro Rialti per violanews.com

8 commenti

Federico Bernardeschi non è, e credo difficilmente diventerà, Baggio. Non ha le qualità immense del fantastico Robertino. Non ha il suo calcio morbido, il suo dribbling inarrestabile, non ha il senso del gol e la sua capacità balistica, però a me piace immensamente. Federico non ha neanche l’impatto pazzesco che Baggio ebbe in quella Firenze, con quei fiorentini, però è davvero figlio di questa città e di questa squadra. Non credo che la sua eventuale partenza provocherebbe contestazioni, fuoco e fiamme, il mondo è cambiato, tutti siamo cambiati, però io spero che questo non succeda, perchè comunque la sua cessione avrebbe un effetto dilatante le fenditure che si sono create fra Proprietà e parte della città. Ed è esattamente quello di cui non c’è bisogno a Firenze.

E’ vero che non basterebbe tenere Federico per suturare le ferite, ma è altrettanto vero che vederlo partire non incoraggerebbe l’ottimismo. Sarebbe un modo preoccupante di ripartire. Certo la decisione è delicata, ma la speranza è che Andrea Della Valle convinca il ragazzo, che il presidente tenga il punto, che non arretri. Insomma che sappia fare almeno come per Jovetic. E speriamo anche che Federico pensi bene a certe avventure (vedi Montolivo) che paiono felicissime in partenza salvo poi riservare profonde delusioni. Sarà l’anno di attesa del mondiale.

Ripetiamo che solo questo non basterebbe, ma se dovesse restare io comunque festeggerei e penso che lo farebbe una grande parte della città.

8 commenti

8 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. leandro.gol_938 - 6 mesi fa

    Il grande rimpianto della mia vita di Tifoso Viola, è il non essere riusciti a riportarre Baggio a Firenze dopo i 4 anni alla Juve. Mi svegliavo di notte sudato pensando a lui, da mangiarsi le mani pensare che ci saremmo trovati con due bocche di fuoco davanti: il migliore Batistuta e un Baggio con qualità da vendere a fare male, molto male agli avversari.
    Tutti gli altri, TUTTI GLI ALTRI, devono solo pensare ad onorare la maglia, se non ne sono convinti, p.f. restituire la chiave del cancello, giovani di belle speranze che scalpitano attendono fuori dal recinto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Claudio_293 - 6 mesi fa

    FACCIO PRESENTE CHE, A FRONTE DEI 220 MILIONI DI EURO VERSATI DAI DV
    NOI TIFOSI IN 15 ANNI DI ABBONAMENTI ED ALTRO ABBIAMO VERSATO UNA CIFRA PARAGONABILE.
    QUINDI SAREBBE ORA DI FINIRLA CON QUESTA STORIA DEI LORO ESPORSI.
    NOI NON SIAMO “CLIENTI” MA “SOCI” A TUTTI GLI EFFETTI ED ABBIAMO QUINDI TUTTO IL DIRITTO DI PARLARE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. LucaniaViola - 6 mesi fa

    come si fa solo a pensare di paragonarlo a Baggio… 50mln e lo porto io sul vespino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. emilio - 6 mesi fa

    … SCUSI RIALTI…MA NON HA ANCORA CAPITO CHE IL BALLERINO NON CONTA UN CZ2O… BISOGNA RIVOLGERSI ALL’ULIVOLOGO DEL TAVOLIERE CHE INOLTRERA’ LA RICHIESTA A GNIGNI IL GANZO… CHE PREVIA BACIO DELLA CIABATTA …INOLTRERA’ LA RICHIESTA ALL’INSCIARPATO MAGGIORE …!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Gasgas - 6 mesi fa

    Che problema c’è? Nella società delle plusvalenze l’obiettivo è solo uno… E per sostituto un bel pippone dei mago del Salento, anzi di Pantaleo, come piace ai giornalisti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Etrusco - 6 mesi fa

    No che non è Baggio ne mai lo sarà ma ho la sensazione che abbia ancora margini di miglioramento, quindi sarebbe ottimale rimanesse almeno un altro paio di stagioni da noi, chiaro che il giocatore deve capire che è un risorsa anche economica per la società e come tale è giusto che le due parti si vengano incontro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Giambo - 6 mesi fa

    Io sono dell’idea che Bernardeschi nell’anno del mondiale difficilmente rinuncerà al posto fisso che tiene nella Fiorentina, tutto sta nel trovare il giusto compromesso. Bernardeschi dopo i mondiali in Russia non resterà a Firenze, credo che fin qui non ci siano sorprese, ma preferirebbe evitare che la società lo blocchi con un contratto lungo e privo di clausole rescissorie. La sua idea sarebbe quella di firmare con una rescissione a 25-30 o, in alternativa, restare così in modo da poter andare via ad un anno dalla scadenza. Il motivo di certo è facile da intuire: meno una società dovrà pagargli il cartellino, più alto sarà lo stipendio che potrà strappare. Vediamo se la società riuscirà a convincerlo, ma credo che, se le premesse che ho ipotizzato siano vere, sarebbe meglio venderlo già quest’anno e fine della storia, visto che quasi certamente tra un anno saremmo punto e a capo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. fiorenzosacc_29 - 6 mesi fa

    se pagano bene può andare. Anche il solo accostamento nominale a Baggio è una bestemmia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy