Rialti: “Serve la franchezza di dire dove stiamo andando. Pioli in vantaggio per la panchina”

Rialti: “Serve la franchezza di dire dove stiamo andando. Pioli in vantaggio per la panchina”

Le parole del giornalista del Corriere dello Sport – Stadio

11 commenti

Il giornalista del Corriere dello Sport ed editorialista di Violanews.com, Alessandro Rialti, ha parlato così a Radio Bruno Toscana: “Sono profondamente deluso. Non si può processare l’allenatore visto che è stato confermato dalla proprietà più volte. Bisogna capire qual è l’obiettivo. Bisogna avere la franchezza di dire dove stiamo andando. Chiediamo di fare una conferenza stampa con Andrea e Diego Della Valle. Dicano i Della Valle, davanti a noi con il nuovo allenatore, cosa vogliono fare. E poi risolviamo il maledetto problema degli allenamenti nascosti. La Fiorentina ha una buona base per la prossima stagione.

Sousa? Per me è un buon allenatore, ma non un top. Prossimo allenatore? Penso che in vantaggio adesso ci sia Pioli perché l’intervista di Squinzi mi ha preoccupato per quanto riguarda Di Francesco. So per certo che Di Francesco verrebbe volentieri a Firenze, vedrebbe questa cosa come gratificante. Una parte della società preferisce Di Francesco, l’altra Pioli. Mi piacerebbe che la Fiorentina prendesse Montella, tra i giovani è l’allenatore più bravo”.

11 commenti

11 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. bitterbirds - 1 mese fa

    “Bisogna avere la franchezza di dire dove stiamo andando”

    seee…chiedere la franchezza a questi è come chiedere un pezzo di carne a una iena che sta pasteggiando

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. iG - 1 mese fa

    allora non mi piace PIOLI ma siccome incombe il pericolo DIBIAGIO
    allora piglio PIOLI tutat la vita ….

    mai visto uno piu’ scarsod i DIBIAGIO e mai visto giocare cosi’ male l’ under 21 italiana

    i preferiti del grande iG?
    in ordine
    MAZZARRI
    PRANDELLI
    non uscirei da questi 2

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Paolo - 1 mese fa

      Su Di Biagio la penso come lei. Prandelli e’ finito, quando uno e da tutte le parti, per cercare uno straccio di contratto, significa che e’ alla frutta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ghibellino viola - 1 mese fa

      Contano i giocatori, molto più dell’allenatore. Bisogna comprare i giocatori giusti e vanno bene Mazzarri, Prandelli, Pioli, Di Francesco, De Biase, Capello, Donadoni, Oddo, Gasperini e chi volete voi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. 29agosto1926 - 1 mese fa

    “Non si può processare l’allenatore visto che è stato confermato dalla proprietà più volte.” Come fa, un giornalista navigato come Rialti, a scrivere di queste cose?
    L’allenatore anche se confermato dalla proprietà, se sbaglia, può e deve essere processato come ogni buon dipendente che fa i suoi sbagli.
    Il confermare un professionista cosa significa? Dare la delega per tutti gli errori possibili?
    Loro si lamentano giustamente che non hanno la possibilità di avere in conferenza stampa i Della Valle ma cosa credono?
    Crede che si siedano ad un tavolo e confessino quello che hanno intenzione di fare?
    Non gli basta a Rialti essere preso per il C..O da Paulo Sousa ogni volta che va in conferenza stampa?
    Adesso vuole che lo facciano anche i Della Valle?
    Diranno solo e sempre le stesse banalità che si dicono nelle conferenze stampa, cioè il niente ma sembra che 50 anni di carriera non abbiano insegnato niente!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. filippo999 - 1 mese fa

      ha ragione Rialti…Andreino il giugno scorso ha quasi implorato Sousa
      di rimanere , perchè non gli è passato mai dall’anticamera
      del cervello di pagare 2 allenatori…quindi la responsabilità è loro ,
      tutta loro , indiscutibilmente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Barsine - 1 mese fa

        infatti Montella non l’hanno pagato quando c’era Sousa il primo anno eh?? ma collegare il cervello no eh?

        tutta colpa loro … loro chi non è chiaro ma è comunque colpa loro!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. violaebasta - 1 mese fa

    ….Bisogna avere la franchezza di dire dove stiamo andando…
    Non c’è bisogno, lo sappiamo tutti; A SCHIFIO!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ghibellino viola - 1 mese fa

      Boh… A schifio lo dici te. A me non pare. Negli ultimi cinque anni i piazzamenti in campionato sono stati: 13, 4, 4, 4, 5. Abbiamo fatto una finale di Coppa Italia e una semifinale di Europa League, più altre partecipazioni sempre almeno ai sedicesimi di finale. Nella classifica Uefa per club siamo 23 in Europa e 3 in Italia (davanti solo Juve e Napoli). Abbiamo enormi problemi, soprattutto legati alla proprietà ed al rapporto con città e tifosi nonché a situazioni non chiare negli investimenti: anni investono, altri no, senza una ragione apperentemente logica. MA NON ANDIAMO A SCHIFIO. Iniziamo a dire le cose come stanno e a fare ragionamenti seri su cosa va e cosa non va. Non vorrei trovarmi a rimpiangere questo periodo, esattamente come in passato mi è toccato rimpiangere i Pontello.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. filippo999 - 1 mese fa

        la strada intrapresa è sotto gli occhi di tutti , non vederla è
        incredibile…non è un caso che DDV abbia voluto a tutti i
        costi riprendere Corvino , non è un caso che ( dopo averlo schifato
        per anni e anni ) , abbiano portato in società Antognoni….
        non ci vuole molta immaginazione per capire cosa sta succedendo ,
        in particolare dalla fine del periodo montelliano in poi…
        prima il bilancio , poi , se ci si riesce , si cerca di migliorare
        la squadra , sennò pazienza ….è chiaro che in una condizione simile
        pensare di rimanere competitivi è un’illusione , specie con questo
        DS

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. unial5_285 - 1 mese fa

          Si deve arrivare ad avere in mano le licenze poi, penso, che vendano, tutto il pacchetto. Apposta stanno traccheggiando non vedono l’ora che si completi il loro percorso. Fino a quel momento tutto rimane come è, senza spese, e cercando di guadagnare qualcosa. Il nuovo allenatore quindi, penso che voglia avere il tempo per iniziare e proseguire un certo percorso calcistico e loro questo tempo non ce l’hanno. Per tale motivo credo che arriverà un allenatore di transizione, nessun nome altisonante.

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy