Il fiorentino Irrati: “Qualcuno vede ancora l’arbitro come un dittatorello…”

Il fiorentino Irrati: “Qualcuno vede ancora l’arbitro come un dittatorello…”

Un estratto dell’intervista di Massimiliano Irrati alla Gazzetta dello Sport

di Redazione VN

Massimiliano Irrati, nato a Firenze ma appartenente alla sezione di Pistoia, è l’unico arbitro italiano che ha vissuto da protagonista tutto il Mondiale in Russia. E soprattutto uno dei nostri migliori arbitri, scrive La Gazzetta dello Sport in edicola questa mattina per introdurne l’intervista. Di seguito un suo intervento sulle timide accuse di presunzione che l’opinione pubblica aveva diretto nei confronti della classe arbitrale in chiave VAR: “[…] Qualcuno ancora pensa che noi arbitri siamo rimasti quei dittatorelli di un tempo a cui non potevi nemmeno rivolgere la parola. […] Tranquillizziamoli: da un pezzo non siamo più quelli. E sfatiamo un altro tabù: agli arbitri non interessa perdere il potere, ma conservare il posto. E il posto, soprattutto a certi livelli, lo conservi solo se non fai errori”.

Edimilson Fernandes è viola! Ufficialità a breve, visite mediche nei prossimi giorni

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. VIOLATIFOSO - 2 mesi fa

    Zitto gobbo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy