Conti: “Astori nato capitano, mi ha insegnato tanto. Mancanza troppo dura da accettare”

Conti: “Astori nato capitano, mi ha insegnato tanto. Mancanza troppo dura da accettare”

Le parole dell’ex capitano del Cagliari

di Redazione VN

Oltre a Stefano Pioli [LEGGI QUI], anche Daniele Conti, ex capitano e oggi responsabile giovanili del Cagliari, ha parlato ai microfoni di Dazn di Davide Astori: “Avevamo un bellissimo gruppo, appena arrivava uno nuovo noi anziani andavamo a spiegargli cosa fosse il Cagliari: lui ci ha dato subito l’impressione di un ragazzo eccezionale e molto umile. È uno che ha insegnato tanto anche a me.

Penso che Davide sia nato capitano, ricordo un episodio di inizio stagione: il vicecapitano di solito era uno che militava da tanto nel Cagliari, ma Cellino decise che sarebbe stato Davide, gli dissi che magari sarebbe stato meglio che lo facesse Pisano, ma Davide rispose che se lo sentiva, lì capii la sua personalità, capii che era nato per diventare capitano”.

Poi, sul giorno della morte: “Mi arrivò un messaggio, pensavo fosse uno scherzo, ho iniziato a fare tremila chiamate per accertarmi che la notizia fosse vera. Fatico a ricordare quei momenti perché sono duri da digerire. Ogni tanto vado sul telefono e rivedo le foto di quando eravamo in campo e fuori, è una mancanza troppo dura da accettare“.

Violanews consiglia

Empoli-Fiorentina, asse caldissimo: viola dietro anche all’operazione Oberlin?

Un esercito di giovani in prestito: tra chi sa già di ritornare, chi spera e chi… deve darsi una svegliata

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy