Bertoni: “Prossima stagione difficile per la Fiorentina. Simeone… “

Bertoni: “Prossima stagione difficile per la Fiorentina. Simeone… “

“La Toscana è bellissima, sono tornato volentieri a Firenze che amo tanto. Il calciomercato? Non sempre spendere tanti soldi ti dà la certezza di vincere”

4 commenti

Ai microfoni di TMW Radio è intervenuto l’ex viola Daniel Bertoni: “La Toscana è bellissima, sono tornato volentieri a Firenze che amo tanto. Il calciomercato? Non sempre spendere tanti soldi ti dà la certezza di vincere, spesso bisogna azzeccare i giocatori giusti. Se spendi tanto devi sapere cosa vai a prendere, non prendere per prendere com’è successo all’Inter negli ultimi anni”.

Come giudichi il mercato viola fin qui?
“Io credo che la società punti sui giovani, la gente deve pensare che la società non è che non vuole spendere ma vuole farlo per giovani promettenti, per fare una squadra per il futuro. Il prossimo anno non sarà facile per i viola, credo che i tifosi in questo momento sognino di lottare per qualcosa e che quest’anno per loro potrebbe arrivare una delusione”.

Simeone?
“Dovrà adeguarsi a una piazza come Firenze, forte anche calcisticamente. Vediamo come si fa la squadra, ci sono dei giocatori bravi come Chiesa, Eysseric, ma penso che la Fiorentina deve risolvere le falle che ci sono dietro. Credo che Pantaleo sia bravo e sappia cosa fare”.

4 commenti

4 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. Dellone68 - 2 mesi fa

    Antognoni + Bertoni = Coppa dei Campioni. Così venne scritto sui muri della Fiesole durante l’estate del 1981 (mi pare…forse Bertoni arrivò la stagione prima con Carosi, non mi ricordo bene). Io avevo solo 14 anni nell’82 quando facemmo la cavalcata per il secondo posto (meglio secondi che ladri). Il grandissimo Daniel, da poco Campione del Mondo con l’Argentina mi piaceva da morire. Era uno dei miei preferiti, ma quella squadra era pazzesca (Galli, Ferroni/Cuccureddu, Contratto, Casagrande, Vierchowood, Galbiati, Bertoni, Pecci, Graziani, Antognoni, Massaro). Poi Antogno venne annientato da Martina e fummo fortunati a trovare Miani che fece un ottimo campionato. Se non fosse stato per la Rubentus avremmo avuto 3 titoli, ma inutile tornare sopra a quella stagione, tutti sanno come andò a finire. Avevamo dei grandissimi campioni. Graziani era con noi, Massaro (che esplose quell’anno) pure, la difesa pareva poco solida invece con Cuccureddu/Ferroni e Contratto, con Galbiati libero e Pecci interno insieme a Giancarlo facemmo faville. Dimenticavo il mitico Awana Ghana (non so se si scrive così) cioè Francesco Casagrande che fece anche lui un campionato bellissimo. Che bella quella Fiorentina. Quanti sogni. In panchina c’era De Sisti. Era una bravissima persona, lo è sempre stato, un buono. Allora la presi con lui perché pensavo che fosse andato a Cagliari pensando solo a difendersi. Sono stato ingiusto con De Sisti, ma avevo 14 anni. Grandissimo Daniel, grandissima squadra, grandissima viola. Nessun’altra squadra, dopo di quella, è riuscita a farci sognare altrettanto (almeno per me).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. violasplendor - 2 mesi fa

      Ricordi che ti sciolgono l’anima. Anch’io avevo 14 anni all’epoca dello scudetto rubato. Grande squadra, davvero. Con Daniel Bertoni che, unico, riusciva a saltare gli avversari in dribbling da fermo. L’esordio di Bertoni fu con Carosi, che, dopo aver fatto giocare Bertoni come centravanti, fu esonerato. L’anno seguente fu uno dei campionati più entusiasmanti della mia vita.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Dellone68 - 2 mesi fa

        Si davvero, sono ricordi che sciolgono l’anima. Hai ragione. Quello di allora era un’altro mondo, in tutti i sensi, non solo da un punto di vista sportivo. E noi eravamo dei ragazzi. Oggi è un pò più difficile sognare, del resto siamo vicini ai cinquanta, abbiamo visto diverse primavere e vicende, tuttavia il calcio e la Fiorentina ci sono rimasti appiccicati addosso….non so cosa darei per vedere uno scudetto…meglio non pensarci più. Debbo dire che ora come ora non possiamo neanche sperare di vincere una coppa Italia. Se lo diciamo è come se bestemmiassimo perchè i Della Valle, premesso che ormai hanno deciso di andarsene, non possono spendere. E questa è l’opinione prevalente dei tifosi. Mah, io non riesco a rassegnarmi. Spero di tornare a vedere alzare un trofeo prima o poi. Per quest’anno mi accontenterei anche del trofeo Bernabeu…non vale nulla, magari il Real ci vuole bene e mette una squadra di riserve.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. iacopogiu - 2 mesi fa

    Daniel ti voglio bene, ma abbozzala con l asado!ti fa male!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy