Hamrin e quel record viola imbattuto a Bergamo: 5 reti impresse nella storia

Hamrin e quel record viola imbattuto a Bergamo: 5 reti impresse nella storia

La sfida di Bergamo rievoca un dolce ricordo

di Redazione VN

Cinque gol segnati fuori casa in un campionato a 18 squadre. In tanti ci hanno provato, nessuno ci è riuscito. O meglio… nessuno dopo Kurt Hamrin, che quel 2 febbraio 1964 sotterrò l’Atalanta con una cinquina passata, oltre che alla storia, anche nel guinness dei primati. Il campionato in questione era il ’63-’64, sulla panchina viola si alternarono prima Ferruccio Valcareggi, al quale subentrò dopo sole sette partite Beppe Chiappella per il primo mattone della Fiorentina “yé-yé”. Quell’anno la Fiorentina si classificò al quarto posto realizzando 43 reti e subendone 27. Kurt Hamrin, per tutti “uccellino” in virtù di quel suo fisico minuto, veloce, scattante, segnò al 10′, al 17′, al 25′, al 66′ e al 75′. Nel mezzo un gol di Pirovano al 50′, a chiudere il suggello di Petris al 78′: 1-7. Kurt Hamrin, in carriera, non vinse mai la classifica cannonieri (anche in quella stagione, nonostante il record, arriverà secondo); alla fine però risulterà il miglior marcatore in assoluto della storia viola (tra coppe e campionato) con 208 gol in 362 partite. E in più, quel record che resiste ancora.

Il Corriere dello Sport-Stadio ricorda, oltre a quella sopra citata, anche la sfida di sei anni fa, proprio il 22 settembre, e con Montella sulla panchina viola: finì 0-2, con reti di Mati Fernandez e Rossi.

Fiorentina, è dura: contro l’Atalanta è già decisiva

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy