Vlahovic, Gori e Meli, il trio dei predestinati. Ma solo uno resterà alla corte di Pioli

Un anno con la prima squadra può essere stimolante, ma se lo spirito non è quello giusto l’effetto di un campionato in panchina rischia di smontare qualsiasi libidine