Violenza ultras, Salvini: “Carceri negli stadi, ok all’ingresso di megafoni e tamburi”

Violenza ultras, Salvini: “Carceri negli stadi, ok all’ingresso di megafoni e tamburi”

Le parole del ministro dell’Interno Salvini a margine del vertice di ieri con Coni e Federcalcio

di Redazione VN

La Gazzetta dello Sport fa il punto su quanto emerso nel super vertice di ieri tra il ministro dell’Intero, il Coni e il mondo del calcio sul tema ultras e violenza negli stadi. La linea salviniana è un misto di modello inglese, le «camere di sicurezza» negli stadi «perché chi delinque possa pagare sul posto», e di discontinuità rispetto ad alcune misure repressive del passato. «No alle sanzioni collettive e al Daspo di gruppo perché la responsabilità di chi delinque è solo personale». C’è anche il ritorno alle trasferte collettive con i treni, perché «un treno con mille persone è molto più controllabile di 100 persone che si avvicinano con dei minivan in ordine sparso allo stadio. E’ inutile vietare le trasferte, inutile vietare l’ingresso degli stadi degli striscioni, dei megafoni e dei tamburi (ma su questo punto c’era già stata un’apertura in era Minniti, ndr): lo Stato ha la possibilità di garantire la sicurezza dentro e fuori gli stadi senza negare il diritto al tifo» ha detto Salvini. E anche le strada della sospensione delle partite per i cori razzisti viene giudicata dal vicepremier «molto scivolosa», un punto sul quale c’è una chiara diversità di vedute con la Federcalcio.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. kk53 - 10 mesi fa

    Fosse il ale della nutella è che è sempre marrone,ma non si mangia,e poi diciamo
    cela tutta,la politica per quanto mi riguarda deve stare fuori dal calcio,si li
    mitino a garantire l’ordine pubblico,chi và in vicinanze degli stadi con armi o
    peggio,altro che daspo,soggiorno nelle patrie galere,ma su fronte razzismo và presa una posizione precisa a partire dai calciatori,i club,ed anche quelle mer.
    dei fischietti,al primo buuuu,tutti fuori e partita sospesa che che ne dica il
    nostro uomo Felpa e le sue lugubrazioni da ferroviere….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ursusminimus - 10 mesi fa

    porti chiusi e stadi aperti … troppa nutella in testa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-2073653 - 10 mesi fa

      Purtroppo riflette il pensiero di chi l’ha messo lì dove sta…

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy