Un altro spareggio. E Prandelli mette tutti in guardia sulla programmazione

Secondo il tecnico viola c’è da rivedere qualcosa. E occhio alla sorpresa Spezia

di Redazione VN

Ancora una volta senza Ribery e rinunciando alla qualità di Castrovilli: così la Fiorentina stasera affronterà lo Spezia in quella che, se non è una partita decisiva, poco ci manca. I viola sono chiamati a fare punti per non peggiorare una situazione di classifica già complicata, e ome scrive il Corriere Fiorentino, Prandelli si troverà di fronte una squadra organizzata, con le idee chiare a tra le più in forma: senza dubbio Italiano è la sorpresa del campionato, per continuità di gioco e risultati.

Schiererà nuovamente due punte, ma chiarisce che il blasone non basta e che quando per tre anni di fila lotti per non retrocedere va cambiato qualcosa in termini di programmazione. Insomma, Prandelli mette in guardia tutti, perché sette punti di vantaggio sulla terzultima sono un margine di relativa tranquillità.

Bivio salvezza, contro lo Spezia ye-ye sarà una Fiorentina da battaglia

GERMOGLI PH: 22 NOVEMBRE 2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI SERIE A FIORENTINA VS BENEVENTO NELLA FOTO I DIRIGENTI DELLA FIORENTINA OMAGGIANO PIETRO VUTURO
4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. essebi - 2 settimane fa

    Non mi dite che iniziate tutti ad avere nostalgia del Corvo..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Colosseo viola - 2 settimane fa

    Quando per 3 anni lotti per non retrocedere, ma negli ultimi 2 hai speso 120 milioni per calciatori immediatamente rivenduti (a meno) o improponibili (v. Callejon e barreca), forse in termine di programmazione andrebbe cambiato il ds, o no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Max13 - 2 settimane fa

    Ma Prandelli in tutto questo tempo che cosa ha fatto? Il suo bilancio mi pare assai fallimentare e se non vince con lo Spezia purtroppo bisogna mandarlo a casa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. claudio.viola - 2 settimane fa

    Va cambiato tutto in termini di programmazione… Come prima cosa infatti bisognerebbe programmare un direttore sportivo e un’area tecnica del tutto nuova, che eviti di andare a prendere ex giocatori con stipendi enormi e che miri alla sostanza, a completare la squadra e a investire sul futuro. BASTA PRADE’ E COMPAGNIA CANTANTE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy