Viola News
I migliori video scelti dal nostro canale

Repubblica Firenze

Trionfi, dolori e sospetti: l’aprile pazzo di Italiano. Ma nessuna exit strategy

Un mese di montagne russe per Vincenzo Italiano: grandi vittorie, sconfitte dolorose e le voci sul futuro che non intaccano il percorso fatto finora dalla Fiorentina

Redazione VN

Un aprile double face, fatto di esaltazioni e battute di arresto, luci della ribalta e critiche. Così Repubblica descrive il mese appena andato in archivio di Vincenzo Italiano, come un frullatore di emozioni iniziato con l'esaltazione per la vittoria di Napoli e chiuso con tre sconfitte in una settimana che hanno complicato il discorso europeo della Fiorentina. Ma soprattutto fuori dal campo è balzata fuori la clausola da 10 milioni messa al momento della firma. Il tecnico viola non si è scomposto e alla vigilia della gara con il Milan ha ribadito la propria professionalità, respingendo al mittente qualsiasi speculazione su come i discorsi esterni relativi alla sua figura abbiano minato le certezze della squadra.

La settimana - scrive il quotidiano - è partita con tanti tuoni e finita con il sole di un pranzo al mare con il direttore generale Joe Barone, per parlare di calcio e scrivere un futuro insieme. Nessuna exit strategy come si era paventato, vista la clausola ma anche lo sbarco nella scuderia di Fali Ramadani. Ora però la testa è solo sul finale di campionato e per programmare il futuro ci sarà tempo: dagli acquisti, alle conferme per Italiano quello che conta sarà il progetto, come testimoniato anche l’estate scorsa quando il tecnico viola stracciò il contratto firmato con lo Spezia per alzare l'asticella. Poi quando maggio sarà passato, sarà tempo di futuro, scelte, progetti.

tutte le notizie di