Toto allenatore: da Di Francesco a Semplici, ma attenzione anche all’estero. I nomi

Toto allenatore: da Di Francesco a Semplici, ma attenzione anche all’estero. I nomi

Iachini non resterà: la Fiorentina pensa al prossimo allenatore

di Redazione VN
Di Francesco

Difficilmente Beppe Iachini resterà sulla panchina della Fiorentina. Chi al suo posto? Secondo La Nazione, profili del calibro di Emery e Pochettino sono fuori portata. La suggestione di De Rossi – considerato in prospettiva un prospetto di alto livello – resta per ora un passo dietro alle altre.

Attenzione a Di Francesco, al quale Pradè aveva pensato prima che Commisso decidesse di confermare Montella. Il direttore sportivo aveva buona stima anche di un allenatore fiorentino, Leonardo Semplici, che a Ferrara con la Spal era in attesa di notizie dai viola prima di firmare il rinnovo. L’avventura di Semplici in Emilia si è chiusa in questa stagione prima del previsto e il presidente della Spal ha ammesso che l’allontanamento dell’allenatore era stato un errore. Da aggiungere a questi anche il nome di Rolando Maran, esonerato a marzo dal Cagliari. Walter Mazzarri rappresenta un’alternativa da tenere defilata, mentre Juric sta sempre definendo i dettagli dell’accordo per il prolungamento con il Verona. Luciano Spalletti è fuori portata, ha un altro anno di contratto con l’Inter e guadagno più di 5 milioni netti. La Fiorentina sta seguendo anche alcuni tecnici emergenti, come Domenico Tedesco, ex allenatore dello Schalke 04, ora alla Spartak Mosca.

Lucchesi: “Spalletti viola? Cerchio che si chiuderà a breve, ma non accetterebbe di far figuracce”

38 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Paolo - 2 mesi fa

    Fatemi capire: quindi, se ho capito bene, o si prende un allenatore fra quelli pluri-esonerati oppure non c’è possibilità di averne uno come si deve (anche se non di primissima fascia), perché quelli potenzialmente più bravi non ne vorrebbero proprio sapere di venire alla Fiorentina.

    Se fosse vero, questa mi sembrerebbe una situazione a dir poco preoccupante, visto che l’allenatore è il primo tassello su cui costruire la squadra del futuro.

    Di Francesco, Mazzarri e Maran (nonostante qualcuno li sponsorizzi) sono allenatori che hanno alle loro spalle diversi esoneri; Domenico Tedesco non lo conosco, per cui non me le sento dare valutazioni su di lui; Leonardo Semplici potrebbe essere un rischio, anche se l’idea in qualche modo potrebbe pure intrigarmi.

    Comunque, fra tutti i nomi fatti nell’articolo (se proprio non fosse possibile prendere nessuno di quelli più bravi) preferirei l’idea Juric perché almeno lui al Verona in questo campionato è riuscito a dare un gioco, un’identità ed anche buoni risultati per una squadra neo-promossa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Enno viola - 2 mesi fa

    E sai ne avrete detto uno e via di nomi….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. tattarin_11475634 - 2 mesi fa

    Fondamentale prima dell’allenatore è il DS, Marino ora all’Udinese ha esperienza e capacità, dopo Corvino 1 e 2 e Pradè 1 e 2, ci vuole una svolta. Allenatore oggi unico nome possibile Di Francesco, a me piace pure e vai col 4 3 3, a patto che si prendano soprattutto a centrocampo elementi validi. Badelj via, Pulgar Duncan Ghezzal in rosa ma oltre a Castrovilli ci vuole un mediano che si abbassi anche a fare il 3^ centrale (Gagliardini?) ed una mezz’ala di spessore; speriamo in Amrabat.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Johan Ingvarson - 2 mesi fa

    Il nome non conta nulla, conta il progetto sportivo. L’Atalanta insegna: prima di arrivare a Bergamo Gasperini era considerato un allenatore finito, e guardate dove sono ora. Per me può arrivare anche Semplici o Di Francesco, l’importante è che la Dirigenza e l’allenatore abbiano in mente un progetto sportivo chiaro, in linea con le idee di gioco dell’allenatore, e che diano al tecnico gli interpreti giusti per tale gioco, indipendentemente che siano nomi di grido o semisconosciuti. Tutto il resto è puro e semplice gossip per tifosi che ancora pensano che gente come Allegri, Emery o Spalletti verrebbero a Firenze senza le coppe europee..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. iG - 2 mesi fa

    ci mancherebbe pure brodo DI FRANCESCO

    io continuo a pensare solo 2 nomi per noi
    1) ALLEGRI …il massimooooo
    2) P.SOUSA

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user - 2 mesi fa

    Secondo me l ‘allenatore della Fiorentina nella prossima stagione uscirà da questi quattro nomi:
    Juric,Spalletti,Emery o Benitez(alternativa dell’ ultima ora Passarella!Potete andare a scommettere…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iG - 2 mesi fa

      JURIC ..boh forse ma non mi convince 100%
      lo stesso EMERY, non ha mai allenato in italia e ultimamente ha fatto pena
      SPALLETTI no no no mr lagna che non ha poi avuto nessun grande risultato, uno sopravvalutato no
      BENITEZ? e chi se lo ricorda piu’, uno molto scarso da cio’ che mi ricordo io a NAPOLI.

      spero che ci sia una lista ben piu’ larga dei nomi di BRODI che hai scritto tu

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user - 2 mesi fa

    Già che ci siamo allora per le ambizioni di Rocco direi Bigica!
    Con tutto il rispetto per Bigica naturalmente…
    Ma che nomi fate?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user - 2 mesi fa

    Rr

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. alesquart_3563070 - 2 mesi fa

    Ho visto molti commenti negativi su chi ha messo come preferenze Pioli e Sousa. Onestamente sul secondo qualche dubbio ce l’ho pure io, ma più che altro per il carattere che per il gioco che esprimeva (uno dei migliori che abbia visto, fino a che ha avuto buoni giocatori). Sul primo, ha dimostrato anche lui di saper dare un gioco quando ha avuto gli elementi a disposizione….anzi ha fatto miracoli, ricordiamoci che ha dovuto affrontare 2 campionati senza terzini accettabili (Gaspar e Laurini e Biraghi e Olivera) e il secondo anno pure senza centrocampo (gli ectoplasmi Gerson e Pjaca, Mirallas, Veretout che da gennaio ha rubato lo stipendio). Il rischio siamo noi tifosi, scusate se ve lo dico, ma siamo come i nobili decaduti che pensano di contare ancora, invece gli ultimi 4 anni ci hanno fatto fare tantissimi passi indietro. L’ultimo per inesperienza, gli altri per precisa volontà dei vecchi proprietari. Dobbiamo riguadagnare posizioni, risalire come hanno fatto Atalanta, il Sassuolo, dobbiamo essere U-M-I-L-I. Farci il mazzo e pedalare. Quindi per me, anche se in passato l’ho pure criticato, Pioli andrebbe bene, come andrebbe molto bene Juric. Sousa non avrei preclusioni. Pure Bielsa sarebbe ottimo, ma è matto davvero

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Johan Ingvarson - 2 mesi fa

      Sousa non capisco perché si loda tanto. Ha fatto 4 mesi ottimi e 1 anno e mezzo da schifo. Inoltre, è stato esonerato ovunque è andato dopo la sua esperienza alla Fiorentina, sempre lamentandosi delle dirigenze e litigandoci, a testimonianza che forse all’epoca lo strappo non fu colpa dei DV ma del carattere impossibile del portoghese. Detto questo, sono d’accordo sull’essere umili, ma bisogna esserlo in ogni senso! Se domani la Fiorentina desse la panchina a Bigica (nome a caso) e dietro quella scelta ci fosse un progetto sportivo condiviso da allenatore e dirigenza, con già bene in chiaro il gioco e gli interpreti, io scommetto che il 90% dei tifosi si lamenterebbe comunque. L’Atalanta il primo anno di Gasperini a novembre era terzultima, ed ora dopo 3 anni sono ai quarti di Champions e terzi in classifica. La differenza sostanziale è che a Bergamo hanno avuto il coraggio di puntare su un allenatore in discesa (perché Gasperini, dopo l’esperienza di Genova, aveva concluso poco o niente), gli hanno dato i giocatori giusti (seppure in larga parte semisconosciuti al grande pubblico) ma soprattutto hanno saputo aspettare, infischiandosene se i risultati non arrivavano subito. A Firenze, con i tifosi e la stampa che abbiamo, un simile progetto sarebbe possibile? Io ne dubito fortemente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. andrea - 2 mesi fa

    Certo che per chiamarlo giornalismo ci vuole coraggio. Nomi buttati lì a casaccio senza nessun riscontro con la realtà. Finché gli dura hanno ragione loro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Larry_Smith - 2 mesi fa

    Mi stupisce che fra tutti questi nomi, alcuni puramente di fantasia, non esca fuori il nome di Pioli, allenatore che ha dimostrato il suo valore e che ha Firenze ha lasciato un ottimo ricordo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Virgin.island@libero.it - 2 mesi fa

    Se sono questi gli allenatori annamo bene. Un’altro anno di transizione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. vb - 2 mesi fa

    Fuori portata? A prescindere dal nome (Spalletti o altri) che può piacere o meno, qui c’è da capire dove si vuole arrivare. Il calcio è cambiato rispetto a 20 anni fa, ma anche rispetto a 10: se vuoi ambire stabilmente alla Champions (e a tutto ciò che ne deriva) devi adeguarti a certe spese, non c’è niente da fare. Quindi, o Commisso decide di aprire la Fiorentina ad una nuova dimensione che consenta di far arrivare campioni veri (non rotti o in età pensionabile), oppure rassegniamoci a restare per anni ai margini del calcio che conta, nella cosiddetta fascia medio-bassa. Ripeto quello che vo dicendo da ottobre: questo è l’anno della verità. Dopo due mercati toppati clamorosamente per ritardi ed investimenti sbagliati, vedremo davvero di che pasta è fatta la nuova proprietà e cosa ci riserverà il futuro. Spero tanto che siano arcobaleni viola, ovviamente non quelli a suo tempo sbandierati da Gnigni & co….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bianco - 2 mesi fa

      Il mercato di gennaio non credo sia clamorosamente toppato Duncan Igor Kouame Cutrone lo stesso Amrabat se li ritieni dei brocchi per me è sbagliato se poi pretendo Cristiano Ronaldo che prende 30 milioni l’anno tifa Juve

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. dallapadella - 2 mesi fa

        Non sono brocchi e Amrabat ci farà divertire. Forse anche Kouamè. Ma hai speso 60 milioni e l’impatto sul 2020 è stato minimo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. BlandoTifoso - 2 mesi fa

    Di Francesco no! sembra un cane smarrito. Mazzarri giuro preferirei diventare gobbo, scarso e pure antipatico e piagnone!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Claudio58 - 2 mesi fa

    Una rosa così ampia denota che non si ha idea di cosa sceglierà la Fiorentina.
    Personalmente sarei comunque per Spalletti.
    Uno che non prenderei mai è Di Francesco, personaggio che pochi anni fa ha preferito la Roma alla Viola, sacrosanta scelta professionale, ma per me ora può continuare a

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. gcarlo74 - 2 mesi fa

    La mia lista delle preferenze: 1) Marco Rose 2) Jorge Sampaoli 3) Ivan Juric 4) Unai Emery 5) Luciano Spalletti. La scommessa potrebbe essere un rilancio di Niko Kovac.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. iG - 2 mesi fa

      Dealla Lista
      Marco Rose e forse Niko Kovac
      gli altri nemmeno li considero

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. tattarin_11475634 - 2 mesi fa

      Ti manca Tappalani!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. MolisanoViola - 2 mesi fa

    Io mi auguro solo che siano notizie infondate o per depistare il vero obiettivo, altrimenti se così fosse saremmo messi male

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Virgin.island@libero.it - 2 mesi fa

    Se sono questi gli allenatori annamo bene. Un’altro anno di transizione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. claudio.godiol_884 - 2 mesi fa

    È libero Oronzo Cana’

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. claudio.godiol_884 - 2 mesi fa

    Semplici, Di Francesco, Maran, Mazzarri?…..Meglio Iachini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Semolino - 2 mesi fa

    Nella mia visione di Sport la voglia di rivincita ha un peso enorme, vorrei vedere Pioli o Sousa con questa proprietà. Certamente, se ci manca Mammana mentre siamo in testa al campionato ce lo comprano …..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. folder - 2 mesi fa

    La crescita di una società passa dalla categoria delle ambizioni della stessa.Secondo me pensare ad allenatopri del tipo di Giampaolo o DiFrancesco
    significa voler rimanere quello che siamo oggi e cioè una società ed una squadra di mezza classifica e quindi mediocre.Qui ci vuole uno bravo davvero e quindi quello che costa ha poca importanza;:quello che importa veramente è che formi una squadra e le dia un gioco ed una mentalità tali da poter farsi valere su tutti i campi dove sarà impegnata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tattarin_11475634 - 2 mesi fa

      Belle parole, ma poi ci vuole uno in carne ed ossa con uno staff tecnico all’altezza, disposto ad accettare Firenze che firmi un contratto e lavori seriamente facendo subito risultato sennò dopo un mese gli fanno gli striscioni ai cancelli. E se il nome di questo non c’è rimangono solo le belle parole. Quelli bravi o presunti tali vengono solo per un mucchio di soldi (vedi Conte Ancelotti Spalletti etc.) ci sono onesti ed esperti mestieranti (Ranieri ad es.) e “scommesse” (De Zerbi, Juric etc.) per me il profilo giusto è Di Francesco.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. bianco - 2 mesi fa

    La nazione sta sparando decine di nomi di allenatori dimostrazione che non sanno niente di niente e quindi tirano ad indovinare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Elmauri - 2 mesi fa

    Se non fosse possibile prendere Spalletti mi piacerebbe un condottiero come Guus Hiddink, anche se non conosce il nostro campionato resta un maestro di calcio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. Hap Collins - 2 mesi fa

    Nomi sparati totalmente a caso. La notizia è che non c’è la notizia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Jermyn st. - 2 mesi fa

    Chiudere alla svelta per Juric…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. Michele1508 - 2 mesi fa

    Insomma uno bravo bravo proprio no, eh?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Daniele72 - 2 mesi fa

    Emery al pari di Spalletti , se gli presenti un progetto serio ed ambizioso secondo me accetta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mcweb - 2 mesi fa

      Per quanto possa essere ambizioso il progetto Spalletti vuole una squadra già nelle coppe e che dal prossimo anno punti a VINCERE. Noi non siamo in grado x adesso di fornire questo requisiti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. simuan - 2 mesi fa

      …di sicuro il progetto serio deve essere accompagnato da un congruo stipendio e non credo si vada lontano dalle cifre per Spalletti. Mi pare tanto un nome tirato per fare scena.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Daniele72 - 2 mesi fa

        Per lo stipendio possano sempre trovare un accordo con l inter , tipo 50 e 50 , l inter ci guadagnerebbe comunque .

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy