Tante società contrarie alla ripresa della Serie A: i dubbi del fronte del no

Tante società contrarie alla ripresa della Serie A: i dubbi del fronte del no

Tanti i nodi da sciogliere in caso di ripresa della Serie A

di Redazione VN

Sono tante le squadre di Serie A che non voglio ricominciare il campionato. La Gazzetta dello Sport ha sintetizzato i problemi e i dubbi del fronte del no:

  • Per chiudere entro il 30 giugno ci si dovrebbe allenare dopo metà aprile e riprendere a giocare il 7 o 16 maggio, con una gara ogni tre giorni in programma
  • Se la data di chiusura della A dovesse slittare a luglio, servirà un permesse della Fifa per prolungare i contratti in scadenza il 30 giugno
  • In caso di prolungamento della stagione, sarebbe necessaria una proroga per la presentazione dei bilanci dei club e delle licenze per l’iscrizioni alla stagione successive
  • Necessario anche modificare le licenze Uefa e gli attuali parametri del Fair Play Finanziario
  • Revisione delle date del mercato
  • La pausa tra una una stagione e l’altra sarebbe molto breve e di fatto eliminerebbe la preparazione fisica
  • I nuovi acquisti sarebbe catapultati in campo senza avere il tempo né di ambientarsi, né di giocare amichevoli
  • tornando a giocare le rinunce delle mensilità di stipendio dei calciatori potrebbero saltare.

Prima i campionati, poi le coppe: ecco quando potrebbe ripartire la Serie A

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. batigol222 - 7 giorni fa

    “La pausa tra una una stagione e l’altra sarebbe molto breve e di fatto eliminerebbe la preparazione fisica”

    Questo mi sembra l’unico vero problema, gli altri tutti fattibili, sono solo regole… basta adattarle alla situazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy