Stadi, c’è la svolta: il primato sportivo e finanziario supera quello architettonico

Importante svolta sulla questione stadi

di Redazione VN

La nuova legge sblocca-stadi può regalare una svolta importante, visto che anche gli impianti storici (come Franchi o Dall’Ara) potranno subire della variazioni. Non avrà più il ruolo di prima la parola della Soprintendenza ai Beni Culturali, visto che a partire da ora “gli impianti sportivi professionistici non sono soggetti a vincoli”. Perderà dunque valore la dichiarazione di interesse culturale per quanto riguarda lo stadio della Fiorentina, vale a dire che le società non saranno più costrette a costruire degli impianti che siano un mix tra museo e modernità. Le esigenze sportive dunque saranno messe al primo posto, la parola della Soprintendenza è stata clamorosamente scavalcata. L’unico vincolo del Ministero dei Beni Culturali sarà quello di comunicare entro 90-120 giorni quali punti dello stadio andranno conservati, visto che la legge comunque ritiene che “gli elementi iconici vengano mantenuti”. Lo riporta il Corriere dello Sport.

TUTTE LE NOTIZIE DI CALCIOMERCATO DELLA FIORENTINA

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. rudy - 3 mesi fa

    A questo punto temo che lo scoglio più grosso da superare sia quello dei costi. Demolizioni, smaltimento, bonifica, oneri urbanistici e ricostruzione saranno largamente superiori a quelli di uno stadio nuovo a Campi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tato - 3 mesi fa

    È inevitabile. Lo stadio serve per le manifestazioni sportive, non per ammirare i gradoni. Se un privato si rende disponibile per finanziare il restauro, lo fa perché spera di averne dei ricavi, atti a finanziare, la, squadra. Senza tale condizione,, per quale motivo dovrebbe spendere?. Noi tifosi, lo faremmo fossimo un Presidente?. Nessuno credo regali milioni di euro, così per hobby. Se vuoi darti visibilità, restauro il Colosseo, Palazzo Pitti, il Castello Svevo etc etc, non il Franchi. D’altronde, se è un bene pubblico, l’ente pubblico dovrebbe provvedere al mantenimento. In questo momento ci immaginiamo lo Stato a finanziare con centinaia, di milioni di euro, il restauro degli stadi Italiani?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy