Simeone: con l’arrivo di Muriel ha ritrovato adrenalina

Simeone: con l’arrivo di Muriel ha ritrovato adrenalina

Come raccontano alcuni amici, Simeone si è pentito del dito rivolto alla curva Fiesole dopo il gol all’Empoli

di Redazione VN

Oltre che di Marko Pjaca, il Corriere Fiorentino scrive di Giovanni Simeone. Le due reti contro la Roma sono state decisive per il morale, anche perché non erano facili da realizzare. I gol sono lo strumento migliore per cancellare quel dito che mostrò verso la curva dopo la rete all’Empoli. Un gesto, raccontano gli amici, di cui si è pentito subito. Con l’arrivo di Muriel ha ritrovato l’adrenalina, la fame che il centravanti deve avere in ogni partita. Al contrario di Pjaca, a Udine si è mosso bene. I gol alla Roma e l’assist contro Chievo e Torino sono le certezze a cui aggrapparsi. Ieri ha approfittato del giorno libero per godersi una degustazione di vino Chianti.

vnconsiglia1-e1510555251366

Da Milenkovic a Edimilson, la Fiorentina è una cooperativa del gol: in tredici a segno

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fantero - 4 mesi fa

    La verità è che senza di lui Chiesa si è trasformato in un fuoriclasse e magicamente abbiamo cominciato a trovare la via del gol…. sarà un caso????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Il Complottista gigliato - 4 mesi fa

    Fare il sesto e il settimo gol ad una squadra morta e vantarsi tanto non è da professionista! Dimostra solo il contrario !! Ha fatto quasi più gol Muriel in 3 partite che lui in 21 !!!Senza di lui gioca meglio anche Chiesa !!! Ma chi pensa di essere!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy