Simeone a un bivio, tre possibilità: stimolo, stress… o convivenza con Muriel

Simeone a un bivio, tre possibilità: stimolo, stress… o convivenza con Muriel

L’attaccante argentino dovrà lottare il posto con il colombiano

di Redazione VN

Sempre titolare da quando è a Firenze (a parte due volte nella scorsa stagione contro Udinese e Sassuolo e due in questa contro Torino e ancora Sassuolo), Giovanni Simeone è a un bivio dopo 53 maglie indossate da protagonista in campionato: accettare la concorrenza come uno stimolo, oppure subirla come uno stress. La terza soluzione è quella della convivenza in un modulo a due punte (il 3-5-2), ipotesi sulla quale Pioli sta mentalmente lavorando con il dubbio legato al possibile superuso di Chiesa sulla fascia. Nuovi equilibri da trovare. Simeone dovrà cercarne anche uno interno – racconta La Nazione – perché le ultime settimane – ma un po’ tutta la stagione, visto che non ha segnato per dieci partite consecutive prima di ritimbrare a Reggio Emilia – sono state complicate. Dai sorrisi sventolati dopo i gol, al dito vicino al naso mostrato alla curva (con annessi e connessi in fatto di rapporti). E ora è arrivato uno come Muriel, che è tutto fuorché un ripiego in attacco avendo un passato, età e ambizioni da teorico protagonista.

Violanews consiglia

Per Simeone la pacchia è finita: ora il Cholito sente il fiato sul collo

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. CippoViola - 7 mesi fa

    Non vedo un grosso problema, quando “conviveva” con Pavoletti (ok Muriel è diverso) non mi pare si sia stressato particolarmente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Staffa - 7 mesi fa

    per come sono fragili mentalmente e permalosi i calciatori di oggi…punterei sulla seconda, almeno che muriel non gli faccia fare 3-4 gol in un paio di partite..

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy