Ribery si racconta: “Con Firenze amore a prima vista. Sentito subito fiducia nei miei confronti”

Ribery si racconta: “Con Firenze amore a prima vista. Sentito subito fiducia nei miei confronti”

Il francese si racconta al Corriere Fiorentino

di Redazione VN

Sul Corriere Fiorentino troviamo una lunga intervista a Franck Ribery di cui vi proponiamo alcuni passaggi. Il francese ha parlato a 360° dei suoi primi mesi in viola, partendo dal ricordare le sue prime ore in città: “Quando ho accettato di venire a Firenze, non potevo sapere che sarebbe stato amore a prima vista. E invece è stato così, sin dalla sera della presentazione. Quella notte è stata speciale e la porterò sempre con me“.

Perché tra tante squadre la scelta sia ricaduta sulla Fiorentina – chiede il quotidiano al fenomeno francese – e quanto abbia influito sua moglie Wahiba: “Avevo altri contatti, in Inghilterra e anche in Italia. Ma con i dirigenti viola è scoccata la scintilla. Parlando con Pradè e Barone, anche con l’allenatore Montella, ho sentito calore e fiducia nei miei confronti. E allora Wahiba mi ha detto: andremo a Firenze. Ora sono qui e sono felice“.

Leader in campo e fuori, Ribery racconta dell’allenamento notturno dopo la trasferta di Genova, quando il francese restò fino alle 4.30 al Centro Sportivo per sfogarsi. Così si dà l’esempio ai più giovani, si crea mentalità. Quella che hanno portato Commisso e Barone: “Rocco e Joe sono persone sincere. E non false. Persone con un grande cuore. Per me è importante. Gente vera. E anche io sono vero“. ANCORA RIBERY: “VOGLIO VINCERE, SEMPRE. IO, CHIESA E CASTROVILLI…”

 

VIDEO – Ribery sfidato dai figli nel giardino di casa. Che tecnica!

 

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Orgoglio VIOLA - 1 mese fa

    Macchessegrullo! e pensare che ci sembrava un giocatore di quelli veri, qui vagabaondo di Gomez!. Grande Franco, reggi attri 2 anni che i meglio l’ha ancora da arrivare con questa proprieta. Fidati! Forza VIOLA sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Orgoglio VIOLA - 1 mese fa

    Un grande, un ce nulla da dire! come ci garba questo ragazzo uhhhhh. Ci vorrebbe anche Toni nell’organigramma VIOLA e i Bati come osservatore in argentina, poi si ride con con gli strisciati. Tempo 3/4 anni e si comincia dare noia davvero a chi conta . Forza VIOLA sempre e grande Franco !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. claudio.godiol_884 - 1 mese fa

    Quando ti sarai stufato di giocare…..ti vogliamo in panchina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. batigol222 - 1 mese fa

    Che belle parole

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Violaceo - 1 mese fa

    Avenne 10 così

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy