Renzi a Stadio: “Con il “Salva-Stadi occasione per risollevare il paese”

Renzi a Stadio: “Con il “Salva-Stadi occasione per risollevare il paese”

Così l’ex premier: “La burocrazia italiana diventerà più semplice e fast-fast-fast. Riqualificare impianti significa investimenti, progetti e posti di lavoro da Nord a Sud”

di Redazione VN

Questa mattina sulle pagine de Il Corriere dello Sport Stadio troviamo un’intervista al Senatore Matteo Renzi sul tema resyling per gli impianti calcistici. L’ex premier e sindaco di Firenze si ritiene fiducioso sull’emendamento “Salva-Stadi” presentato nel decreto “Semplificazioni” e ritiene che nel giro di una settimana possa venir ratificato in legge. Renzi ritiene tale decreto una svolta epocale non solo per Firenze ma per tutte le realtà italiane per la ristrutturazione e riqualifica di impianti e infrastrutture che porterebbero di conseguenza finanziamenti, progetti e posti di lavoro da nord a sud. Sulle modifiche e la ristrutturazione del Franchi Renzi si dice favorevole e positivo sulla possibilità di rimozione delle attuali curve. Servirà infatti che l’imprenditore come Rocco Commisso presenti il progetto architettonico al Comune interessato e riceva poi l’ok da parte del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali. Per Matteo Renzi adesso la burocrazia italiana è un pò più fast-fast-fast!

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fosterdato - 3 settimane fa

    Ma se poi non se ne fa di nulla, si ritira dalla politica anche questa volta?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. magicdolc_8322107 - 3 settimane fa

    Proprio lui che in un intervista al TG di ieri diceva che “se la priorità del Paese sono calcio e discoteche,è un paese destinato a morire”….Coerenzi come al solito….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Brando - 3 settimane fa

    Buongiorno. E’ alla redazione che mi rivolgo. Frequento da molti anni la vostra testata, anche se non in modo assiduo. Accedere ai commenti è divenuta un impresa. La possibilità di interagire costituisce l’essenza stessa degli strumenti social e mi pare che la si voglia deliberatamente ostacolare. D’altra parte quello di inzeppare i contenuti di richiami insulsi è una brutta piega che hanno preso tutti i sistemi di comunicazione digitale. Anche questo è un segno della deriva culturale a cui stiamo andando incontro. Forse è un’esigenza puramente economica, ma che finirà per ritorcervisi contro. Gli utenti hanno un enorme potere, quello di smettere di usare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy