Qualcuno avverta Schmidt, c’è un nuovo artista in città: i capolavori di Ribery

Qualcuno avverta Schmidt, c’è un nuovo artista in città: i capolavori di Ribery

Il ritratto

di Redazione VN

Qualcuno avverta Eike Schmidt. C’è un nuovo artista in città. Che venga inaugurata una mostra a lui dedicata, che si allestisca una sala ad hoc alla Galleria degli Uffizi. I suoi capolavori stanno incantando Firenze e gli ultimi, domenica sera, hanno fatto alzare in piedi il pubblico della Scala del calcio”. Così sul Corriere Fiorentino si parla di Franck Ribery, elencando le perle delle sue prime presenze in viola. Contro il Napoli conquista un fallo evidente a tutti, arbitri e var esclusi. A Genova dà il via alle azioni del palo di Chiesa e del rigore su Dalbert. Con la Juventus resta negli occhi l’allungo di cinquanta metri per chiudere su Ronaldo. Contro l’Atalanta il primo gol italiano, con una volée alla Federer in spaccata al volo. Assist per Pezzella contro la Sampdoria, infine il one man show a San Siro contro il Milan.

Violanews consiglia

Firenze sogna con Ribery, Toni: “Tutti sorpresi, tranne me. Siamo solo all’inizio”

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ottone - 4 mesi fa

    L’unica questione era se gli avessero retto i polmoni, il resto sarà mica una novità? Sarebbe come stare a discutere di Ronaldo e Messi. Questo grande calciatore l’abbiamo avuto sempre da avversario. Ora è con noi. Godiamocelo. E facciamolo restare come dirigente quando deciderà di smettere. Due cose: 1) battere la strada del “recupero” di giocatori “internazionali”; 2) non vedrei male un Boa alle spalle di Chiesa-Ribery. Perché non dimentichiamoci che deve ancora esplodere Boa. Sarebbe un delitto oscurarlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. frigo - 4 mesi fa

    Ammoniti, espulsioni, gol ad ogni partita, è uno che fa la differenza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BlandoTifoso - 4 mesi fa

      Un giocatore di quella caratura con il suo palmares fa molto più di quello che fa in campo, la sola sua presenza in campo fa dare il massimo anche a tutti gli altri che di fronte ad un simile esempio non vogliono sfigurare o deluderlo. Non solo per quello che fa in campo che è un esagerazione, ma è anche perchè quando esce gli altri perdono un poco di sicurezza e di determinazione che spesso in seguito alla sua uscita le cose precipitano. Uno della sua classe è un faro per i giocatori.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy