Pioli e Firenze, un legame indissolubile. Tutte le emozioni dell’allenatore al Franchi

Una serata da non dimenticare

di Redazione VN
Pioli

Le sensazioni di Stefano Pioli, finalmente tornato nello stadio che è stato casa sua per tanto tempo sia da giocatore sia da allenatore, le abbiamo vissute e rivissute (LEGGI), ma il diretto interessato, scrive La Nazione, non le esterna così facilmente. E nemmeno ce n’è bisogno: la forza interiore che ha permesso a Pioli di guidare il gruppo dopo la prematura scomparsa del Capitano ha parlato e parlerà per sempre. Sono tutti cresciuti, anche chi adesso ha cambiato maglia e prospettive, vedi Simeone o Vitor Hugo. Ma lui, Pioli, il legame con Firenze non lo nasconderà mai.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. folder - 9 mesi fa

    Fosse successo a qualsiasi allenatore credo si sarebbe comportato come Pioli.Dal punto di vista allenatore e quindi puramente tecnico:uno dei peggiori 3 allenatori visti a Firenze dal dopoguerra ad oggi insieme a B.Giorgi e Montella2!Non capisco il motivo di tanta affezione!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 9 mesi fa

      Ogni tanto riviene fuori il tuo ingiustificato livore per UNA PERSONA che in mondo di opportunisti si è comportato come NESSUNO. I tuoi argomenti sono pretestuosi dicendo che qualsiasi allenatore si sarebbe comportato come lui. Noi sappiamo come si è comportato PIOLI, gli altri no. In quanto a capacità di allenare anche io non lo ritengo un drago ma nemmeno uno scarso come sempre tu dici (Il gioco del Milan ce lo dice chiaramente) è semplicemente un allenatore di fascia media che se ha un materiale umano buono lo fa produrre al meglio. Oltre a questo è un grande aggregatore dello spogliatoio, andato via lui si è sfaldato tutto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. emilio - 9 mesi fa

    IL PARMESAN? INAMIDATO, INCAPACE E BUGIARDO . . . UNA BELLA GARA COL PINGUINO DELL’OLTRARNO !!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy