Notte fonda al Franchi: Commisso è fast, la Fiorentina è slow

Notte fonda al Franchi: Commisso è fast, la Fiorentina è slow

Terzo ko consecutivo per la Fiorentina. Fischi dei tifosi e brutto infortunio per Ribery

di Redazione VN

I viola sempre più giù“: titola così Repubblica Firenze in riferimento alla brutta sconfitta della Fiorentina contro il Lecce per 1-0. Riportiamo una parte dell’articolo:

Notte fonda al Franchi, dove la Fiorentina cade contro il Lecce dell’ex Liverani ed esce tra i fischi. Montella alla vigilia aveva chiesto una reazione per mettersi alle spalle le ultime sconfitte contro Cagliari e Verona, condite da altrettante prestazioni avare di gioco e di occasioni. Chiesa infortunato, Pezzella appena operato allo zigomo. E come se non bastasse, a fine primo tempo della sfida coi pugliesi, Ribery che cade a terra dopo uno scontro con Tachtsidis. Il francese rimane piegato per alcuni interminabili istanti e viene trasportato in ospedale per accertamenti uscendo dal campo zoppicando in maniera vistosa. Firenze e i 34 mila del Franchi restano in ansia, col fiato sospeso. Nelle prossime ore gli esami dovrebbero chiarire l’entità dell’infortunio alla caviglia destra. Una bruttissima notizia che rende ancor più amara una notte davvero storta. Rocco Commisso, presente in tribuna, deve rimandare la possibilità di festeggiare in casa una vittoria. Niente sorriso per i suoi 70 anni, celebrati insieme alla squadra col presidente che ha deciso lui stesso di fare un regalo ai tifosi col nuovo centro sportivo di Bagno a Ripoli che vale qualcosa come 70 milioni di euro e un futuro tutto da vivere. Sul campo, però, la sua Fiorentina non riesce a rispecchiare l’entusiasmo dell’imprenditore italoamericano. Come se viaggiassero a due velocità: fast quella di Commisso, decisamente slow quella della squadra di Montella.

Commisso conferma Montella: “Date tutte le colpe a me, niente ritiro. Mercato? Vedremo…”

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. pino.guastell_9534945 - 9 mesi fa

    Chi diavolo è questo signor Commisso? Mi sa tanto che sia un venditore di aria fritta. Parla, disserta, suona la fisarmonica, canta le canzoni napoletane, ma non investe nella Fiorentina. Lui, come ha scritto qua sotto un altro sostenirore della Viola, è un affarista immobiliare e pensa di fottere i fiorentini e l’amministrazione comnunale con questi tipi di investimenti. Qui nisciunu è fissa, caro signor Commisso. Adesso basta con i proclama “Non fischiate Montella e la squadra, fischiate me”. Dimostri con i fatti che vuole far grande la Fiorentina. Altrimenti venda ad altri, meno affaristi di lei e più appassionati di sport di lei.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Lallero - 9 mesi fa

    basta montella, siamo oltre ogni ragionevolezza. è un ex allenatore e un ometto presuntuoso e con limiti caratteriali incompatibili con la sua professione. basta. ci vuole pugno duro a volte, rocco si deve far sentire, ad essere comprensivi ed attendisti guarda a che punto siamo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Barsineee - 9 mesi fa

    Commisso è fast a firmare contratti di speculazione ne immobiliare. Centro sportivo con 100 camere sui poggi fiorentini. 100 camere doppie. E chi ci deve dormire in 100 camere? Tutte le famiglie degli atleti. Insomma abbiamo regalato unalbergo resort 5 stelle alle porte di firenze. Rocco è fast a costruire uno stadio per dare qualcosa a Firenze. Ma una squadra degna di questo nome? Persone competenti di calcio e non attaccati al vile denaro. Questo si voleva dopo i della valle. Competenti di calcio? Il dialogo in area Boateng Ghezzal davanti al portiere solo e fiondata in curva la dice lunga.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Up The Violets - 9 mesi fa

    Sarà anche fast, ma un Presidente con la P maiuscola a quest’ora aveva già cambiato allenatore per dare se non altro una scossa al gruppo dal punto di vista caratteriale e atletico, e già dal disastro di Cagliari aveva allontanato Pradè. Chiedendogli come fosse possibile che due squadre partite dallo stesso livello (salvezza a 41 punti l’anno scorso) potessero essere tanto differenti, soprattutto se quella migliore si chiama Cagliari e non Juve. Dopodiché avrebbe incaricato un altro d.s. di mettersi DA PRIMA DI SUBITO (non dopo due mesi di aria fritta, come fatto da Pradè in estate) a lavorare per rifare la squadra da capo a piedi durante il mercato di gennaio.

    Invece vedo che anche qua, come con i predecessori, le chiacchiere e le giustificazioni abbondano, il resto mah, ‘nsomma. Non m’interessa che si esponga e faccia da parafulmine, non è un qualcosa di cui rendergli merito ma una pura constatazione della realtà, dato che sapevo e dicevo già dall’estate che le colpe principali di questo macello erano davvero sue. È stato lui a confermare Montella nonostante i risultati dicessero esonero immediato, probabilmente per non pagare due allenatori in contemporanea; ed è stato lui a riprendere un Pradè che si era salvato a stento a Udine, dopo essere stato cacciato perfino dal Viperetta. Tutto il resto, squadra da bassifondi della classifica in primis, è venuto di conseguenza, specie se i soldi vanno sulle strutture anziché sul mercato. Ad oggi, se togliamo le gag e l’accondiscendenza a prescindere della parte poco sana dell’ambiente, abbiamo prima squadra e Primavera in zona retrocessione e le donne, che finora erano sempre andate almeno in Champions, già fuori da tutto a nemmeno metà stagione. Solo sfiga?

    Quelle che voglio da lui sono SOLUZIONI, e le voglio ORA, prima che sia troppo tardi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. folder - 9 mesi fa

      Tutto vero ma solo sogni.Rocco ha spesso detto,insieme a Barone,che Pradè era l’uomo giusto al posto giusto e Montella il suo allenatore ideale.Non più tardi di ieri sera è stato il triumvirato viola(Rocco;Barone e il “Mago de Roma”) a riunirsi fuori lo spogliatoio e a confermare Montella.Non ti aspettare soluzioni immediate….non ce ne saranno a meno di un tonfo,improbabile,contro il Cittadella.Quando è arrivato credevo che Rocco fosse ,per come si poneva,il nuovo Berlusconi(in senso calcistico naturalmente)che ci avrebbe portato a vince di lì a breve qualcosa.Ora,pur applaudendo le sue scelte per quanto riguarda le strutture societarie,vorrei ricordargli che le componenti che formano una società di calcio sono 3:
      1)Strutture immobiliari
      2)Dirigenti e operatori
      3)Squadra
      Mi pare che,se sul primo punto,stiamo andando bene e velocemente,sugli altri due le scelte sono in gran parte errate e sua colpa potrebbe essere quella di non porre i correttivi giusti per evitare un crollo verticale che, ad oggi, sembra più che probabile!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Up The Violets - 9 mesi fa

        Ah beh, prima del Cittadella ormai è impossibile aspettarsi qualcosa, su questo non c’è dubbio. È semplicemente incredibile che pensino alla Coppa Italia quando in campionato la situazione è quella sotto gli occhi di tutti, perfino dei pasdaran. Magari chissà, più che pensare alla coppa sperano che riproponendo con Toro, Indah e Riomma i catenaccioni già fatti in altre partite contro le big o sedicenti tali (perché in quelle occasioni non c’è bisogno di segnare e vincere per forza), vengano fuori tre punticini che permettano un po’ di calmare le acque, di allungare il brodo e di continuare a vivacchiare come si è fatto finora, senza dover mettere a libro paga un secondo allenatore e permettendo ai giornalisti di rivalutare il capolavoro di squadra fatto da Pradè, così da evitare spese che vadano oltre un acquisto-massimo due nel mercato di gennaio. Cose già viste e sentite più volte negli ultimi anni, rispetto ai quali siamo del resto in linea anche come rendimento in campo…

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy