Montella ha le idee chiare: ecco le sue richieste per la prossima stagione

Montella ha le idee chiare: ecco le sue richieste per la prossima stagione

Nelle ultime cinque partite di campionato, Montella valuterà l’adattabilità dei giocatori dell’attuale rosa al suo progetto tattico

di Redazione VN

Oltre a dare spazio ad alcuni giovani del vivaio, nelle ultime cinque partite di campionato Vincenzo Montella valuterà l’adattabilità dei giocatori dell’attuale rosa al suo progetto tattico. Montella ha idee chiare sulle priorità di mercato: un regista vero; un centravanti di prima fascia che abbia struttura fisica e capacità di lavorare per la squadra; centrocampisti di qualità. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

vnconsiglia1-e1510555251366

Chiesa, l’Inter sfida la Juventus: il ritorno in Champions League aiuta i nerazzurri

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Vichingo - 1 anno fa

    Premessa unica: rispetto qualsiasi opinione.

    “Dragowski nel frattempo è cresciuto”: quindi uno che ha fatto 5-6 partite a Empoli,e in precedenza da noi quasi ogni volta che giocava tutti (o quasi)con le mani nei capelli,tu gli daresti la porta viola.
    “Lafont è da buttare,cento presenze,ecc”: che fa qualche errore ok,ed è ovvio che quelli dei portieri son più evidenti (non che alcuni gol sbagliati dal cholito sian da meno,eh..),ma che in un anno,non ha avuto un percorso di crescita,sia prima di arrivare,che qui,è falso.
    E in un percorso sportivo(come nella vita),di sbagliare capita.È migliorato nei riflessi,nel senso di posizione,pecca ancora nelle uscite,ma non certo come nei primi due-tre mesi.
    Poi può garbare o meno,ma da portiere anch’io,valutando solo le abilità,si son sicuramente acuite.
    “Hancko non è pronto per far il titolare”:ha giocato quanto? 3 partite? Non credo tu abbia mezzi sufficienti per valutar un’eventuale titolarità,su un giocatore che si vede meno dell’eclissi.
    “Zurkowski da crescere con calma”: ci può stare,ma credo che uno così,che recupera palloni,un po’(per intenderci)alla Berhami,ci voglia.Bello il palleggio,ma devi averla,la palla.Se un tu l’hai,uno che te la recupera “di professione”,almeno io,me lo tengo.
    “Thereau ed Eysseric”:nel calcio tutto può succedere,ma difficile qualcuno ci punti per bene.Ricordi El Hamdaoui,per citarne uno..?

    Ranieri e Castrovilli li riporterei.
    Edmilson se rinnovano il prestito,come speri,son d’accordo.Per la panchina,però.
    Idem Mirallas.
    Montiel a me garba molto,spero prima o poi di vederlo in pianta stabile in prima squadra.
    Già che è squalificato (altro errore,che comunque in un percorso a lungo termine ci può stare,come detto per Lafont),spero venga fatto giocare un po’queste ultime giornate.
    Saluti,FV.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gasgas - 1 anno fa

      Devi essere uno dei grandi esperti che da tre anni a questa parte prevedevano arcobaleni viola… complimenti… tieni duro che come minimo ti invitano in qualche trasmissione radiofonica.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Up The Violets - 1 anno fa

      Per quanto riguarda il portiere io prenderei direttamente qualcun altro. Il problema è che Lafont è stato appena comprato a nove milioni e a Dragowski hanno altrettanto di recente rinnovato il contratto fino al 2022, quindi un altro portiere NON verrà comprato a meno che l’Empoli si salvi e lo stesso Dragowski venga tenuto lì un altro anno. Per cui si deve fare con ciò che si ha, e Dragowski è un anno, già da quelle partite che fece a inizio stagione dopo l’infortunio muscolare di Lafont, che mostra evidenti miglioramenti, tanto da essere già entrato anche nel giro della Nazionale maggiore polacca. Poi perdonami, ma che Lafont faccia “qualche errore” è il classico eufemismo da tifoso (troppo) innamorato della propria squadra: Lafont FA UNA CA***TA OGNI DUE-TRE PARTITE da inizio anno, e che abbia dei gravissimi limiti tecnici non sono solo io a dirlo, ma anche tale Giovanni Galli: portiere della Fiorentina defraudata dello scudetto ’82, poi del Napoli e del Milan dominatori degli stessi anni Ottanta, anche della nazionale ecc. Insomma, uno dei migliori portieri italiani di sempre. Tra i limiti di Lafont, se vuoi che sia ancora più preciso, ci sono la troppa fiducia nei suoi piedi che invece ancora vanno raddirizzati e anche parecchio, l’incertezza nelle uscite in presa alta ma soprattutto qualcosa che non in molti hanno notato, e cioè che il pallone lo respinge sempre verso l’interno dell’area di rigore anziché verso l’esterno, come t’insegnano a fare sin dai Pulcini (il perché è ovvio, altrimenti è come se tu facessi tirare un rigore in movimento a eventuali attaccanti avversari presenti nei pressi). Ha commesso lo stesso errore anche sul 2-1 dell’Atalanta, solo che ha pure svirgolato il pallone e se l’è messo nella propria porta. E sul rigore dell’1-1 non è colpevole ma, come giustamente nota anche Galli, dopo aver deciso di tuffarsi alla propria sinistra spinge con la gamba destra, cioè con quella che gli dà meno forza di caricamento, così preculdendosi ogni residua possibilità di arrivare su quel pallone pur avendo intuito la traiettoria. Se vuoi continuo, eh, ho un autentico arsenale di argomenti per smentire chi come te ritiene che quando uno critica lo faccia solo per partito preso. Lafont è quasi irrecuperabile, che ti piaccia o no, perché a vent’anni puoi essere migliorabile ma se non hai già acquisito quei fondamentali il calcio moderno non si ferma ad aspettare che tu recuperi le lacune…

      Su Hancko: capisco che vi siano diversi livelli di competenza, ma non ci vogliono le buone anime di Rinus Michels o di Brian Clough per capire che questo qui è un terzino DI MARCATURA, quindi inadatto al gioco di Montella che a sinistra prevede un fluidificante come Biraghi… Dopotutto non me lo sono certo inventato io che in Slovacchia, prima di passare alla Fiorentina, faceva il difensore centrale.

      Su Zurkowski temo di doverti smentire, in Polonia gioca da mezz’ala d’inserimento e talvolta addirittura da trequartista. Poi certo, nella malaugurata ipotesi in cui decidessero di fare ancora “a miccino” con il centrocampo e di non prendere nessun vero sostituto di Veretout allora lo si potrebbe anche vedere titolare fisso, ma sarebbe un rischio inutile.

      Saluti anche a te.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Vichingo - 1 anno fa

        Magari mi son distratto io,ma 15-16 erroracci,facendo due conti,credo giusto Pancev li faceva..
        E magari mi son espresso male,non ho detto in porta ci s’ha Neuer,o Benji Price..solo che a quell’età,alcuni,errori,ci sta di farli.Alcuni,non tutti.Che poi abbia fatto una partita bene,e una/due da schifo,mah,a memoria mi sembra un pochinino troppo.Col milan a s.siro,coi cuginastri empolesi,fu il migliore,solo per dirne un paio.
        E non è questione di innamoramenti,solo non reputo questo giocatore un bidone.Tutto qui.Tra dire “non è un bidone”e dire “è un fenomeno”,cosa che assolutamente non penso,ce ne passa,dovrebbe essere ovvio ma meglio.chiarirlo,un si sa mai..Sulle respinte centrali è abbastanza strano,perché se e quando ha voluto ha respinto anche lateralmente,credo sia più un errore di concentrazione,come quelli fatti coi piedi con Sassuolo/Chievo (comunque da matita rossa).Rispetto l’opinione di Giovanni (Galli),la tua,tutte,l’ho premesso,ma preferisco valutar,nel mio piccolo,giocatori secondo opinioni mie.
        Ma mi pare che Galli,su Lafont abbia detto che “se corregge un paio di cose,la Fiorentina ha fatto bingo”.
        A me,facendo l’analisi grammaticale,pare un attestato di stima,poi posso sbagliare.
        Per gli esperti,comunque,ognuno può dire tutto e il suo contrario,un van certo prese come oro colato,e fatte proprie.Lo stesso Giovanni espresse opinioni favorevoli su Pjaca,mi pare.Massimo rispetto,era solo per far un esempio.
        Ma comprendo anche,e so bene per “mestiere”,che gli errori dei portieri rimangono agli occhi,e quelli di Mirallas per esempio,ci si dimentica in fretta.Pazienza.
        Su Zurkowski,magari sbaglio io,ma uno che,a quanto posso aver capito,sempre nel mio piccolo,ha sì piedi discreti,ma spicca più per passaggi corti/medi e soprattutto palloni recuperati,che per gol e assist,l’ha come maggior qualità.
        Poi se vien qui,gioca mezz’ala,trequartista,o laterale,a me e a te credo cambi poco,basta giochi bene e sia utile.
        Su Hancko,se tu stavi facendo una valutazione complessiva,si han pochi mezzi per valutarlo.Che poi,per Montella,sia poco adatto,passi,ma Vincenzino è arrivato adesso.Hancko è qui da agosto,merita una valutazione,generale,da non giudicabile,se non per come si è accomodato in panchina.
        Che ce ne vogliono,da qui in avanti,di giocatori che sappiano rendere al massimo,e oltre.
        Grazie per il civile scambio d’opinioni,dovrebbe esser sempre così.

        A tal proposito, per l’altro simpatico utente, che mi augurava inviti a trasmissioni: un sono minimamente qualificato,e alquanto asociale.E mal sopporto gli arcobaleni.
        Un tu ne hai presa nessuna,capita se si dice cose senza il minimo senso logico.
        Saluti.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. davidebaso@gmail.com - 1 anno fa

    Quest’estate c’è mezza squadra da rifare, avremo la moneta per farlo ma bisogna che non sia Corvino a farlo. La porta è una questione delicata, Lafont bisogna valutarlo e Dragowski pure. In difesa via Laurini, Diks, Biraghi, Venuti e Hugo. Ci tocca pigliarci Rasmussen purtroppo, spero marcisca fino a gennaio e poi lo svendano. Terrei Ranieri che è sempre parso bravo. Hancko è più un centrale adattabile a terzino che uno da 3-5-2. Mancano due terzini destri, come al solito, e un sinistro. Uno potrebbe essere Ola Aina, l’altro a me piacerebbe Barreca. Infine ho adocchiato dal campionato spagnolo un certo Pedro Porro terzino dx classe 1998 del Girona molto promettente. A centrocampo lascerei solo Veretout e Dabo ma è da far valutare a Montella Benassi, vedrà lui cosa fare. In più abbiamo Traorè e Zurkowski che paiono buoni acquisti. Ci serve uno coi piedi buoni per fare il regista e qui se serve bisogna anche essere disposti a spendere tanto e magari non per un ragazzino sconosciuto. In attacco via Simeone, Thereau, Eysseric e Pjaca. Proverei a tenere Castrovilli e Vlahovic, insieme con Mirallas per fare la panchina con un attacco titolare che potrebbe essere: Muriel, Chiesa, attaccante di peso che la butta dentro (es. Pavoletti)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Up The Violets - 1 anno fa

    PREMESSA NUMERO 1: TUTTO CIO’ DOVREBBE AVER LUOGO IN UNA SOCIETA’ NORMALE, QUINDI…
    PREMESSA NUMERO 2: A SCEGLIERE I NUOVI GIOCATORI NON DOVREBBE ESSERE CORVINO.

    PORTIERI – Lafont da buttare, la scusa del “giovane” non può valere per uno che è arrivato qua con oltre cento presenze all’attivo in un campionato importante come quello francese e che, dopo un anno da titolare in Italia, continua a inanellare oscenità come quella di Bergamo, senza dare il benché minimo segno di miglioramento da limiti tecnici evidenti a chiunque. Dragowski nel frattempo è abbastanza cresciuto. Pare che l’Empoli abbia un’opzione per il prolungamento del prestito in caso di salvezza: quindi, dato che i cugini di campagna sono invece a un passo dal tornare da dove sono venuti, sarebbe opportuno pensare a un’inversione dei ruoli per la prossima stagione. Il polacco titolare e il francese in panchina, tutt’al più titolare in Coppa Italia, almeno finché non avrà imparato (seppure in clamoroso ritardo) i fondamentali del ruolo. Anche perché, con quello che è stato (stra)pagato, a rivenderlo adesso ci fai una minusvalenza che se la vede Cognigni ti vende pure la Torre di Maratona.

    DIFENSORI – Pezzella, pur non impeccabile neppure lui, è da confermare. Bisognerebbe tenere anche Milenkovic, che però sarà venduto. Appurata l’inadeguatezza di Vitor Hugo e Ceccherini (almeno uno dei quali dev’essere ceduto, e io propenderei per il brasiliano che è il peggiore dei due), servono quindi due difensori centrali, due titolari AFFIDABILI almeno uno dei quali abbia anche le particolari caratteristiche tattiche di Milenkovic, così da permettere a Montella di continuare a giocare con questo schieramento variabile tra difesa a tre e a quattro. Hancko ha dimostrato anche ultimamente, contro la Juve, di non essere ancora pronto per fare il titolare e men che meno il terzino a tutta fascia, quindi se verrà venduto pure Biraghi servirà un nuovo titolare in quel ruolo. Lo slovacco può fare l’alternativa come centrale di sinistra nella difesa a tre. Come riserva di Biraghi/del nuovo terzino sinistro che sostituirà Biraghi richiamerei Ranieri, che sta facendo abbastanza bene a Foggia. Come ultimo (ma proprio ultimo, mi raccomando) centrale ci puppiamo Mister sette milioni Rasmussen. Ancora grazie, Pantaleo.

    CENTROCAMPO – L’è tutto sbagliato, l’è tutto da rifare. L’unico da tenere a tutti i costi sarebbe quello che invece verrà venduto per primo, cioè Veretout. Serve quindi un regista vero, di ruolo, forte tecnicamente ed esperto, sperando che per Traoré non succedano cose strane (o se preferite, cose “da Fiorentina degli ultimi tre-quattro anni”) e che il giovane ivoriano possa essere uno dei due interni titolari che gli giocheranno a fianco nella prossima stagione. Zurkowski va bene come prima alternativa ai titolari da crescere con calma, su Benassi va invece presa una decisione con l’allenatore: per me non ha le caratteristiche, soprattutto tecniche, per giocare con Montella, ma deve decidere quest’ultimo. Se lo ritenesse adeguato, allora ok, sarebbe lui l’altra mezz’ala titolare; altrimenti dovrebbe essere venduto, approfittando dell’ottima stagione fatta almeno dal punto di vista realizzativo, e sostituito con un titolare di livello e più adeguato alle richieste del tecnico. Gerson e Norgaard a casa, Dabo sembra piacere a Montella e può rimanere come riserva, infine bisognerà scegliere se riportare a casa Castrovilli o tenerlo ancora un anno in prestito da qualche parte (cosa che farei fare anche a Beloko). In questo caso, se il West Ham accettasse il rinnovo del prestito, si potrebbe tenere Edimilson, altrimenti a casa anche lui e per completare la rosa a quel punto andrebbe bene anche il Bertolacci a parametro zero di turno.

    ATTACCO – Riscattare Muriel, vendere Simeone sostituendolo con un attaccante titolare e di livello che sia stato scelto da Montella (e questo è molto importante, dati i precedenti). Promuovere definitivamente Vlahovic in prima squadra. Mirallas può rimanere come alternativa d’esperienza se l’Everton accettasse il rinnovo del prestito, altrimenti va sostituito con un’altra scommessa d’esperienza. Montiel ancora non è pronto, ha bisogno d’irrobustirsi e dev’essere prestato a qualcuno o tenuto ancora in Primavera. Per i vari Thereau ed Eysseric di ritorno c’è solo da sperare in qualche altro benefattore con una gran voglia di pagare queste due tasse. Chiusura con Chiesa: se avesse ragione Bucchioni, se cioè DDV volesse tenerlo un altro anno per un moto d’orgoglio, allora la squadra sarebbe fatta. Altrimenti serve un esterno destro non dico di pari livello, ma veloce, bravo tecnicamente e capace di giocare a tutto campo. E quello sarebbe un grosso problema. L’ennesimo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. claudio.godiol_884 - 1 anno fa

    Ora divertiamoci con il calcio parlato e prepariamoci a mille bufale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Gasgas - 1 anno fa

    Beh c’è quel piccolo particolare che a cercare quei giocatori deve essere il noto collezionista di bidoni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy