Milenkovic/1: “Grazie Montella, ora guardiamo oltre. Vorrei marcare Messi…”

Milenkovic/1: “Grazie Montella, ora guardiamo oltre. Vorrei marcare Messi…”

L’intervista

di Redazione VN

Su La Repubblica in edicola oggi troviamo un’intervista a Nikola Milenkovic, eccone i primi passaggi salienti:

Dalla sconfitta contro la Roma, a parere del difensore immeritata, all’esonero di Montella: “Grazie al mister per quello che ci ha dato e ci ha insegnato in questi mesi. Ora dobbiamo lavorare sodo e pensare subito alle prossime sfide, dobbiamo tornare a fare punti”. Milenkovic invoca il carattere necessario per uscire da questo momento e il lavoro sodo, oltre ai giocatori di esperienza: “Ribery ha parlato al gruppo dopo l’infortunio”. Il francese mancherà in campo e fuori, un fenomeno – sostiene il difensore – ma anche una bellissima persona.

“Un attaccante che vorrei affrontare? Mi piacerebbe marcare Messi“, sentenzia Nikola, prima di tornare alle sue prime esperienze col pallone, a 7 anni: sua mamma nemmeno sapeva che giocasse a calcio finché l’allenatore non le chiese del figlio. Poi il Partizan, lo stesso club di Jovetic, Nastasic e Ljajic, una sorta di seconda casa in Serbia.

A Firenze invece sono due i momenti indimenticabili: “Il primo purtroppo mi riporta alla scomparsa del capitano, di Davide Astori”. Il secondo invece è datato 26 agosto 2018 ed è il suo primo gol in Serie A contro il Chievo che gli provocò un’emozione incredibile. Milenkovic prosegue affermando che si gioca per fare gol, anche chi è difensore, da qui la sua prolificità.

Calamai: “Mi stupirebbe non avere Iachini in panchina a Bologna”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Slipperman1967 - 2 mesi fa

    Discorsi fuori della realtà. Sono convinti di essere sfortunati e non ammettano il loro stato che è quello di dover lottare per non retrocedere. Per marcare Messi bisogna che tu giochi in Champions,e non mi pare che tu sia proprio all’altezza ancora.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy