Mercafir, il paradosso: lo spostamento del mercato si farà comunque

Mercafir, il paradosso: lo spostamento del mercato si farà comunque

Nonostante la Fiorentina non parteciperà al bando per l’area Mercafir, il piano per spostare il mercato ortofrutticolo va avanti

di Redazione VN

Lo spostamento del mercato ortofrutticolo, cittadella viola o meno, andrà avanti: e quindi – si chiede il Corriere Fiorentino – se non dovesse andarci lo stadio cosa fare di quei 14,5 ettari nell’area sud della Mercafir? Palazzo Vecchio inizia a interrogarsi, ma nonostante l’operazione stadio alla Mercafir sembra saltata, il trasferimento del mercato ortofrutticolo andrà avanti, magari non spedita e veloce come doveva esserlo finora per rispettare i 22 mesi di tempo inseriti proprio nel bando per lasciare libera l’area per lasciare spazio al nuovo impianto. Gli operatori hanno comunque bisogno di spazi moderni e rapidità nella logistica. Con Commisso che non parteciperà al bando, il problema potrebbe diventare una opportunità: con il Consiglio Comunale che sta per affrontare la revisione del Piano strutturale, c’è il tempo per decidere cosa farci di nuovo.

Mercafir, game over di Commisso. Che lancia un’appello alla politica italiana

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. glover_3713546 - 4 mesi fa

    Ecco l’articolo di Donato Mongatti, giornalista, massimo esperto della questione stadio nuovo a Firenze: …

    Nuovo stadio: senza passi concreti di Commisso si prospettano nuovi miraggi

    06/03/2020 — Donato Mongatti .

    La definitiva pietra tombale sull’ipotesi di vedere sorgere lo stadio della Fiorentina (con 30.500 metri quadrati di opere connesse) nell’area Mercafir cancella una possibilità, ma non apre concretamente ad altre ipotesi affinché, prima o poi, Firenze possa avere una nuova casa viola.

    Il Presidente del Club gigliato Rocco Commisso, ieri in una lunga lettera, ha annunciato la volontà di non partecipare all’asta per acquistare l’area di Novoli. Missiva alla quale ha replicato il Sindaco Dario Nardella evidenziando il proprio dispiacere per l’annuncio, ma ricordando che in qualità di pubblico amministratore, ovviamente, è tenuto a rispettare le leggi.

    Legittimamente Commisso ha ritenuto l’offerta ‘Mercafir’ non adeguata alle sue esigenze: “tempi rapidi, costi ragionevoli e controllo totale del progetto di costruzione e gestione dello stadio dopo il suo completamento”.

    Tempi, costi di realizzazione e futura rendita sono i tre punti cardine che spingono un imprenditore ad accettare o meno il cosiddetto rischio d’impresa.

    Ad oggi il Presidente Commisso non ha chiarito quali siano gli obiettivi economici che vorrebbe raggiungere realizzando un nuovo stadio ed opere connesse. Qual è il rapporto esborso economico-futura rendita che sarebbe disposto a sostenere? L’eventuale ristrutturazione del Franchi sarebbe imprescindibile dalla trasformazione di Campo di Marte in una specie di Disneyland con grandi centri commerciali e alberghi (e quasi certa trombatura della proposta), oppure si potrebbe accontentare di intervenire riqualificando un vetusto stadio e poco altro? Un trasferimento fuori città, che inevitabilmente mancherebbe della possibilità di intercettare una parte dei turisti che visitano Firenze (oltre a un valore immobiliare ridotto di ciò che sarebbe edificato a parità di superfici) potrebbe essere sostenibile?

    L’auspicio del patron gigliato (indicato nella lettera) di poter usufruire di leggi che facilitino chi vorrebbe spendere centinaia di milioni (e poi ricavarne) andrebbe immediatamente a cancellare l’arcinoto ‘fast, fast, fast’, poiché se si crede che in pochi mesi arrivino dal Governo nuove norme che supportino grandi investimenti sugli impianti sportivi, nel frattempo, si può rivalutare le teorie dei terrapiattisti.

    Senza qualcosa di concreto, quindi un progetto che specifichi chiaramente come e dove intervenire, il Presidente Commisso proseguirà il tour tra le istituzioni attendendo che cambino le norme (magari rendendosi conto che la storiella dei privati che dettano condizioni alle pubbliche amministazioni è utile solo per ricalcare le orme dei fratelli Grimm); mentre i fiorentini continueranno a dividersi tra guelfi e ghibellini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. batigol222 - 4 mesi fa

    Si certo, è i 20 milioni necessari allo spostamento dove li trovano?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. glover_3713546 - 4 mesi fa

      Senza i mancati introiti della Tassa di Soggiorno la vedo dura per il Comune

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-2073653 - 4 mesi fa

    L’agenzia delle entrate magari?comment_parent=0

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Staffa - 4 mesi fa

    E chi lo paga lo spostamento inutile?
    Noi..e grazie ancora nardella..ma quanto sarai permaloso oh…x le tue ripicche ci rimettono x l’ennesima volta i fiorentini

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy