Mercafir a Castello: ok, il prezzo è giusto. Ecco il futuro dell’area

Mercafir a Castello: ok, il prezzo è giusto. Ecco il futuro dell’area

Fra una decina di giorni il passaggio di proprietà a 75 milioni di euro

di Redazione VN

Spazio all’argomento nuovo stadio e alle manovre collaterali sulle pagine de La Nazione. Dopo il passaggio di proprietà dei terreni dell’area di Castello da Unipol a Toscana Aeroporti che acquisterà i 168 ettari, secondo gli accordi raggiunti, a 75 milioni di euro, partirà subito il frazionamento. Ancora tecnicamente mancano una decina di giorni, ma l’organizzazione della fase successiva ovviamente è già partita da tempo. Toscana Aeroporti, infatti, terrà per sé solamente gli ettari necessari allo sviluppo dell’aeroporto e metterà in vendita il resto dei terreni al prezzo d’acquisto. Ovviamente per attribuire il valore di ogni singolo appezzamento non si potrà fare la semplice operazione di divisione fra ettari e prezzo finale, in quanto c’è da mettere in conto che ci sono circa 30 ettari che Toscana Aeroporti avrebbe fatto suoi tramite esproprio, ci sono aree maggiormente sottoposte a vincoli aeroportuali e quelle più commercialmente appetibili.

Discorso a parte, dovrà essere fatto per le vendite a soggetti pubblici che seguono un iter differente. E’ il caso dei circa 15 ettari che il Comune di Firenze dovrà acquistare per spostare la Mercafir a Castello e liberare l’area di Novoli per fare spazio al nuovo stadio e alla cittadella viola. Per fare il prezzo dell’area destinata alla Mercafir servirà una perizia del Tribunale. Da parte sua, per dare il via alla fase di sviluppo del quadrante a Nord Ovest di Firenze, il Comune si impegna a portare in giunta per l’adozione la delibera di revisione del piano attuativo di Castello nel giro di pochi giorni: il tempo necessario per gli ultimi aggiustamenti alla variante urbanistica che prevede il dimezzamento dei metri quadri edificabili, l’eliminazione della quota da destinare a uffici pubblici (dovevano sorgere lì la nuova sede di Regione e Provincia, per esempio) con riconversione in destinazione d’uso produttiva (artigianale e industriale), nel comparto Nord, dove sorgerà la Mercafir. Poi sono previste quote di commerciale, turistico-ricettivo, uffici e servizi.

Violanews consiglia

Salica: “Questa squadra ci fa emozionare. Stadio? Siamo molto fiduciosi”

Un architetto fiorentino per il nuovo stadio a Tirana: “A Firenze se ne parla, qui invece…”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. claudio62 - 1 anno fa

    Quando il passaggio dei terreni da Unipol a Toscana aeroporti sarà ratificato sarà il momento esatto in cui avremo la certezza che il nuovo stadio sarà fatto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy