Mencucci su Salah: “Non diede l’ok per passare da prestito ad accordo definitivo. Il nostro errore…”

Mencucci su Salah: “Non diede l’ok per passare da prestito ad accordo definitivo. Il nostro errore…”

Mencucci svela alcuni retroscena della vicenda Salah

di Redazione VN

Nell’intervista rilasciata a La Gazzetta dello Sport, Sandro Mencucci, ormai ex dirigente della Fiorentina dopo 17 anni nell’organigramma viola, ha parlato anche di Mohamed Salah:

Salah arrivò dal Chelsea nell’affare Cuadrado. Era uno sconosciuto ma con le idee chiare: “Non sono un pacco postale, a fine stagione deciderò io il mio futuro”. Certo che noi avevamo il diritto d’acquisto, al contratto non mancava assolutamente nulla. Ma per trasformare un accordo di prestito in un accordo a titolo definitivo serve l’ok del giocatore e lui lo negò. L’errore fu non convocarlo prima di fine stagione con la promessa di un ingaggio top e prospettive solide.

Calciomercato – Le operazioni effettuate dalle 20 squadre di Serie A

Mencucci: “Fiorentina macchina perfetta. Chiesa? Tutto in mano alla nuova proprietà”

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dallapadella - 8 mesi fa

    Salah l’hanno salutato dal Chelsea e non l’hanno trattenuto a Roma, ora i “pretendoni” di casa nostra fanno la voce grossa dicendo che avevamo le armi per convincerlo a rimanere. Stessa mentalità dei romani, del resto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. vecchio briga - 8 mesi fa

    Mencucci è tutt’altro che un incompetente, tutto deriva dalla volontà della proprietà e del terzo fratello. Coi contratti dei giocatori è sempre stata la stessa musica per tutti e 17 gli anni dei DV, sempre cose trascinate per le lunghe che in genere hanno portato a separazioni polemiche (di Livio fu il primo…..). Ecco se c’è una cosa che spero cambi è proprio questa, i contratti dei calciatori più importanti vanno trattati nei tempi giusti, velocemente e con chiarezza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. curra. - 8 mesi fa

    Dilettanti allo sbaraglio. Per fortuna é finita la vostra era

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. aldo - 8 mesi fa

    Una sola cosa giusta hanno fatto i Della Valle, VENDERE. E di questo gli sono grato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Larry_Smith - 8 mesi fa

      Ne aggiungerei un’altra per coloro che hanno memoria: COMPRARCI. E di questo gli sono grato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. aldo - 8 mesi fa

    Ridicoli, Contratti da top e prospettive solide erano impossibili con i braccini. Dire queste cose è come prenderci per i fondelli ancora. Taci che è meglio. Non posso sentire dire ai Della valle che non avrebbero mai venduto Chiesa. Sarebbe meglio se ci avessero detto che avevano in mano Messi. Fate ridere….mi prudono le mani.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Julinho - 8 mesi fa

    Purtroppo della vostra assoluta incompetenza ce ne eravamo accorti da un pezzo. Dichiarazioni come queste sono un’istigazione ai peggiori improperi a carico della vecchia Proprietà e dei vecchi dirigenti. Arlecchino era il servo sciocco, il vecchio Proprietario ce l’aveva con lo scemo del villaggio….. per non essere offensivo lascio alla considerazione di tutti dopo dichiarazioni conferma come quelle appena rilasciate dal Sig. Mencucci stabilire chi sia stato Arlecchino o peggio chi fosse in realtà il vero scemo del villaggio.
    Ora però basta, defilatevi, scomparite definitivamente dall’orizzonte Viola. Il vostro tempo è fortunatamente per Firenze e per i suoi tifosi viola finito. Abbiamo solo bisogno di dimenticare prima possibile le nefandezze che avete commesso e la bile che ci avete fatto ob torto collo ingoiare. Ciò che è stato non ci interessa davvero più!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. aldo - 8 mesi fa

      Infatti, dobbiamo dimenticarli velocemente e queste dichiarazioni non aiutano. Quando li sento mi sale…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Lipilini (Sarzana) - 8 mesi fa

    Io credo che forse i protagonisti di quella vicenda farebbero bene a tacere per troppe balle sono state dette prima di tutto se per passare il contratto da prestito ad acquisto ha bisogno del benestare del giocatore perché hanno intentato una causa contro Salah forse per farsi spernacchiare, poi se secondo Mencucci il loro unico e sottolineo unico errore è stato quello di non chiamarlo prima per offrirgli un ingaggio Top vorrei sapere i soldi per il riscatto circa 18 milioni di euro e l’ingaggio Top che per me si aggira almeno a 3 milioni di euro netti a stagione come mai non sono stati utilizzati per un giocatore di quel livello o di un livello leggermente inferiore

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Luxor - 8 mesi fa

    Quando si dice una giudiziosa valutazione contrattuale…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. MixViola - 8 mesi fa

    Già. Mentre il povero Pradé giuggiolava ‘Salah nostro per 18 mesi’ e mentre il povero ADV giuggiolava di offerte da 3.5 mln di ingaggio per trattenere Salah. Mentre il procuratore egiziano ci rendeva barzelletta agli occhi del mondo.
    Mencucci, con queste dichiarazioni, la pezza peggio del buco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. i'giannelli - 8 mesi fa

    Prospettive solide e’ piu’ che una barzelletta…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. alesquart_3563070 - 8 mesi fa

    Caro Mencucci hai raccontato la verità al 90%, mancava giusto il dettaglio che con quel tirchio di Cognini gli ingaggi top erano ormai una pura chimera. Il declino sportivo della Fiorentina dell’era Della Valle cominciò con la primo esonero di Montella. Da lì in poi la squadra è stata progressivamente smantellata, sostituendo i giocatori forti venduti, non con dei prospetti futuribili (a parte quelli che avevamo in casa venduti tutti pure loro, Bernardeschi prima e lo hanno rifatto pure con Chiesa) ma con delle emerite pippe (farina del sacco di Corvino)

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy