Mal di trasferta: per ritrovare un (magro) bottino simile bisogna tornare a quasi 40 anni fa

L’inizio horror lontano dal Franchi è il peggiore sia nella Serie A a venti squadre sia nell’era dei tre punti a vittoria

di Redazione VN

Il bottino attuale della Fiorentina in trasferta è il più deficitario degli ultimi anni. Mai dal ritorno in A era riuscita a collezionare solo un punto nelle prime quattro trasferte del campionato; ci era andata vicina nel triennio 2010-13 con Mihajlovic prima e Montella poi in panchina, guadagnando due punti. Per ritrovare un inizio simile bisogna tornare fino al 1979/80, quando la Fiorentina di Carosi racimolò un punto in quattro gare in trasferta. Lo scrive La Nazione.

***Toni: “Simeone? Deve ascoltare Pioli, ma anche l’istinto. Pjaca somiglia a Mutu”

Violanews consiglia

Gioco e occasioni ci sono, i gol no: Simeone e Pjaca devono fare di più

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. lor29 - 2 anni fa

    La Fiorentina non è uno schiacciasassi in casa e non è una “pippa” fuori casa. E’ una giusta via di mezzo. Solo che in casa abbiamo incontrato: Chievo, Udinese, Spal e Atalanta (non proprio primissime squadre) e fuori casa: Napoli, Inter, Sampdoria e Lazio (squadre con ambizioni, a parte la Samp, superiori alle nostre).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Obi Wan Kenobi - 2 anni fa

    Sono arrivato adesso sul sito e non so se è una prassi o se io sono sfortunato ma su dieci post me ne sono stati pubblicati solo tre, gli altri tutti censurati e non contenevano niente altro che rispettose critiche ai redattori degli articoli. Non mi sembra un bel modo di fare giornalismo ma forse sono io che CREDO di avere a che fare con giornalisti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Obi Wan Kenobi - 2 anni fa

    Dite al redattore che ci sta di perdere in trasferta con Napoli, Inter e Lazio. Sono tre giorni che scrive le stesse cose. Un po’ di onestà intellettuale non guasterebbe. Voi giornalisti non cambiate mai

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy