La reazione è arrivata forte e chiara, ma non basta un super Ribery

La Fiorentina reagisce dopo il ko di Bergamo: contro il Sassuolo avrebbe meritato di più

di Redazione VN

La svolta c’è stata ma ai viola non basta un super Ribery“: titola così Repubblica Firenze in riferimento all’1-1 tra Fiorentina e Sassuolo. Riportiamo una parte dell’analisi, l’articolo integrale nel quotidiano in edicola.

La reazione è arrivata, forte e chiara, dopo settimane di tensione e una crisi di prestazioni e di risultati che pareva senza fine. Una Fiorentina che ancora deve trovare i giusti movimenti, l’ordine nelle due fasi, l’equilibrio necessario per non smarrirsi alla prima occasione ma che ribatte colpo su colpo al Sassuolo che viaggia nelle parti altissime della classifica e che fa di palleggio, fisicità e brillantezza del gioco le sue armi migliori. I fuochi d’artificio a sorpresa che appaiono dietro la curva Fiesole a inizio gara, sono l’espressione migliore di come la tifoseria in questo momento di distanziamento forzato possa farsi sentire (e vedere) in maniera concreta e originale.

PAGELLE VN – Finalmente Ribery! Vlahovic rompe il digiuno, ma Castrovilli dov’è?

GERMOGLI PH: 16 DICEMBRE 2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI SERIE A FIORENTINA VS SASSUOLO NELLA FOTO GOL VLAHOVIC ESULTANZA merita

 

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ric pt - 4 settimane fa

    Castrovilli non può essere questo, quando si sveglierà avremo un signor centrocampo. Un attaccante, un difensore e, per lo meno un esterno, visto che Venuti e Biraghi non sono all altezza, Biraghi un pochino meglio, sono quello che ci manca. Io credo che anche Callejon possa dare il suo contributo. Proverei Montiel, trovo inutili Borja e Cutrone.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BVLGARO - 4 settimane fa

    buon punto preso alla maniera di Beppe contro una squadra che gioca a memoria e non ti perdona. bravi ieri sera, superno Ribery, ottimi Bonaventura e Amrabat

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Rissofiorentino - 4 settimane fa

    DUSAN
    Non so come andrà a finire quest’anno, però so che Dusan sarà un grande giocatore. Un ragazzo di vent’anni che si prende le critiche anche severe e giuste, che lotta, che sta a galla nonostante tutto, che cerca in tutte le partite pur con pochissimi palloni giocabili di centrare la porta, che si assume responsabilità enormi come calciare questo rigore con la palla che pesava quintali, ecco questo ragazzo sarà forgiato nel carattere dopo un anno così.
    Il talento che tutti gli riconoscono sarà allora unito alla forza interiore e ad uno spirito indomabile e questo lo renderà devastante.
    Spero solo che a gennaio gli affianchino qualcuno solo per sostituirlo gli ultimi minuti perchè lui deve essere il nostro centravanti titolare quest’anno e negli anni a venire.
    Forza Dusan mettila dentro contro il Verona e sarà la svolta!!!!
    Onore al popolo viola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. andrea_fi - 4 settimane fa

      Spero proprio di NO. Spero di cuore arrivi un centravanti a gennaio che sappia stoppare il pallone, che sappia fare salire la squadra, che sappia fare qualche gol di testa su calcio d’angolo, che contribuisca alla salvezza. Al momento Vlaovich è da squadra di serie B. E quello che potrà diventare tra qualche anno al momento non interessa. Adesso ci vogliono giocatori pronti e con gli attributi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. max688 - 4 settimane fa

      e ancora questa narrazione su un ragazzo che anche per il suo bene dovrebbe farsi le ossa in contesti meno impegnativi….ieri ha avuto almeno 3 palle in area che un attaccante da serie A avrebbe dovuto indirizzare in porta, magari ”sporche” ma in porta…. vogliamo poi parlare della difficoltà di controllo del pallone?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Rissofiorentino - 4 settimane fa

        Contesti meno impegnativi… Cioè una squadra che non ha tante ambizioni…. Cioè una squadra come la Fiorentina di quest’anno quindi…. Punto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Zosima - 4 settimane fa

    La reazione c’è stata è vero perché questa volta hanno giocato col massimo impegno e aiutandosi a vicenda ma è anche vero che Prandelli ha messo in campo e ha fatto giocare la squadra esattamente come faceva Beppe Iachini, ovviamente si è reso conto che i giocatori non sono da parte alta della classifica come teorizzava all’inizio con spavalderia.
    Speriamo solo che questa nuova mentalità fatta di umiltà e tenacia rimanga fino alla fine del campionato perché sarà durissima rimanere in A quest’anno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Alexdp72 - 4 settimane fa

      la penso come te, unica differenza Prandelli ha schierato i giocatori nei propri ruoli a differenza di Iachini…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. thedoctor1974 - 4 settimane fa

    Ma abbiamo o no professionisti in campo che guadagnano fior di quattrini? Dovrebbero saper fare le varie fasi di gioco anche senza allenatore se realmente valgono quel che vengono pagati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy