Inter colpita al petto, un Abisso di rabbia. E alla fine la Fiorentina non può sorridere

Inter colpita al petto, un Abisso di rabbia. E alla fine la Fiorentina non può sorridere

I nerazzurri prendono gol dopo pochi secondi, poi ribaltano e vanno sul 3-1. Nel finale il gol di Muriel e il pasticcio del fischietto: Veretout segna al 101’

di Redazione VN

“Può darsi che un giorno qualcuno racconterà una «Fiorentina-Inter 3-3» indimenticabile, sebbene non epica come «Italia-Germania 4-3». Questa non è una semifinale mondiale, ma succede davvero di tutto. Compreso il fatto che, quasi quasi, si risolva ai supplementari come all’Azteca”. Così La Gazzetta dello Sport commenta la sfida del Franchi, aggiungendo: “Una lunga lista di eventi non frequenti, almeno tutti assieme: 1) l’autogol iniziale di De Vrij dopo 17 secondi; 2) quattro interventi al Var tutti decisivi, nel bene e nel male; 3) un arbitro andato in confusione, ma non aiutato da situazioni tutte davvero al limite; 4) il vantaggio di 3-1 dei nerazzurri che al 101’ si trasforma in 3-3, con un rigore che non c’è, riscrivendo così la classifica come in un thriller”. “La cosa divertente è che alla fine il pari potrebbe anche essere giusto. Ma l’Inter ne esce psicologicamente a pezzi. Mentre la Fiorentina, su e giù per le scale, è risucchiata dalla Samp e vede il Toro allontanarsi. Vissero tutti più o meno felici e scontenti“, la chiosa finale della rosea.

Violanews consiglia

PAGELLE VN: Chiesa non si arrende, Muriel magia, Veretout glaciale. Male Gerson e Lafont

Spalletti esplode: “D’Ambrosio? E’ petto. Non voglio spiegazioni dall’arbitro”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ottone - 6 mesi fa

    L’ultimo trenino è fare 6 punti 6 con Atalanta e Lazio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy