Fiorentina, il punto sui rinnovi. Da Milenkovic a Vlahovic, passando per Pezzella: quante grane

Il Ds Pradè dovrà mettersi subito al lavoro per definire le questioni più spinose che riguardano la rosa viola

di Redazione VN
Pezzella-Milenkovic
Sull’edizione odierna delle pagine fiorentine di Repubblica troviamo un’interessante riepilogo della questione rinnovi in casa Fiorentina.
Con la chiusura del mercato il Ds Pradè si prepara ad affrontare le situazioni non ancora definite. In primis Milenkovic, per distacco la più complicata. Il centrale serbo è stato cercato dal Milan che ha giudicato sempre troppo alte le pretese economiche del club gigliato. Allo stato attuale Milenkovic non ha intenzione di rinnovare il contratto e la Fiorentina è pronta a lasciarlo partire, come fatto capire in conferenza da Pradè. Non è un caso che nell’ultimo mercato la Fiorentina si sia cautelata con l’arrivo di Martinez Quarta che può ricoprire più ruoli nel pacchetto arretrato. Capitolo Pezzella: il capitano è nella stessa situazione contrattuale del centrale classe ’97, in scadenza a giugno 2022. Anche German è stato cercato dal Milan, ma la Fiorentina ha rispedito al mittente l’offerta di prestito. Pezzella ha spiegato di non aver mai chiesto la cessione, ma il prolungamento del contratto resta in stand by.
Poi c’è Vlahovic. Il giovane serbo è rimasto in viola nonostante un’estate di grandissime richieste. Il vero grande sogno di Dusan è sempre stato quello di rimanere in viola e alla fine è stato accontentato. Prima del lockdown era molto vicino ad allungare il suo contratto con la Fiorentina. Presto si ripartirà con l’obiettivo  di blindarlo almeno fino al 2025. Last but not least Castrovilli. Per Commisso rappresenta uno dei punti di riferimento del futuro. Non è un caso indossi la maglia numero 10. Per Gaetano sarà una stagione molto importante, atteso al definitivo salto di qualità con la Fiorentina, per provare a conquistarsi una convocazione all’Europeo con la Nazionale. Allungherà di un anno, fino al 2025, il suo contratto con un importante adeguamento di ingaggio. Tutto già fatto invece per Biraghi, per il prolungamento fino al 2024 manca solo l’annuncio ufficiale.
GERMOGLI PH: 19 SETTEMBRE 2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI SERIE A FIORENTINA VS TORINO NELLA FOTO CASTROVILLI ESULTANZA GOL

Triello per il posto da bomber: il coraggio di prendere una scelta definitiva

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. gianni - 3 settimane fa

    Gusto come ha scritto un tifoso , che da tre a due anni di contrstto si forza per il rinnovo se il giocatore interessa.
    Ora veramente Prade’ deve svegliarsi e in accordo con Commisso deve essere deciso a far rinnovare subito a Milenkovic , se non firma , si mette in vendita al prezzo che vale, e se nessuno lo prende allora in tribuna a schiarirsi le idee. Stesso discirso a giugno per Pezzella . Ci vuole programmazione su tutto .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Julinho - 3 settimane fa

    Stiamo vivendo un periodo purtroppo disgraziato. Forse l’aggettivo disgraziato è un vero eufemismo poiché forse occorrerebbe dire tragico. Intorno alla Fiorentine si muove ininterrottamente e di continuo una campagna o una valanga di notizie assolutamente devastanti, provocatorie, tendenti a tenere sempre tutti i tifosi sulla graticola, sull’onda della disapprovazione e della contestazione continua, assolutamente divisive dell’ambiente viola che avrebbe bisogno di restare coeso al massimo e tranquillo, foriere solo di una via per parlare sempre e comunque di tutto ciò che fa più scalpore e finto scoop per portare a casa il lesso a tutti i giornalai che scrivono, pontificano, indirizzano senza costrutto alcuno e solo per i loro personali ritorni. Il periodo del mercato è stato un delirio, un’ora dopo la sua fine si comincia quello sul capitolo rinnovi, poi sarà tra due ore quello del mercato di gennaio, si scrive di tutto e di più senza sapere poco o nulla di reale su ogni situazione e sulle valutazioni che la dirigenza viola sta facendo sui suoi tesserati e sulla gestione del club. Lo trovo estremamente scorretto e sbagliato. Continuare a seminare vento porta alla fine, inevitabilmente tempesta. Ci sta che i Dirigenti, che sono coloro che devono operare, e la proprietà possano sbagliare tutto, per carità, ma ci deve essere il tempo dell’operatività. quello delle valutazioni e quello della resa dei conti. In un ambiente difficilissimo dove girano montagne ingiustificate di quattrini, dove i calciatori di qualsiasi livello si sentono Dio in terra anche se non lo sono, sono bizzosi, assurdi e fuori dal mondo. Pretendono l’impretendibile senza regola e logica alcuna. Intorno a loro frotte di squali di ogni tipo che operano solo per incassare per loro tornaconto il massimo senza nessuna logica, regola o dignità morale alcuna. Chiedo a tutti se nel resto del mondo, quello normale, quello della nostra vita di tutti i giorni, quello che ci vede attori giorno dopo giorno, dove nel mondo del lavoro accada ciò che accade nel calcio. Da nessuna parte.
    Ciò detto non voglio più partecipare a questo assurdo giochino. Amo la Fiorentina ma da oggi in silenzio lascerò operare i dirigenti preposti nella gestione quotidiana del club senza porre mio parere alcuno. I miei pareri saranno l’assommarsi di tutte le decisioni prese e a fine stagione mi vedranno giustamente e doverosamente critico positivamente o negativamente su ciò che è avvenuto. Prenderò la mia posizione certamente in libertà senza condizionamento alcuno. E questo per il bene proprio della Fiorentina. Se si continua così, con questo disfattismo gratuito e ingiustificato non cresceremo mai, non diventeremo mai l’Atalante di oggi in terra di Toscana. Per dire solo una parola sui rinnovi a cui si fa qui riferimento vediamo quello che succede. Milenkovic non rinnova? Subito in tribuna senza esitazione alcuna. E poi via senza rimpianto alcuno. Occorre uscire dai ricatti a senso unico di questi personaggi e dei loro procuratori. Nel mondo è pieno di Milenkovic da inserire in squadra. Poi chi dirige faccia le scelte che gli sembrano più giuste, l’indispensabile alla fine della stagione è essere più in alto possibile. Occorre infine chiedersi perché nessuno di coloro che fanno informazione non siano così assidui nel domandarsi perché e come possano fare a galleggiare e fare mercato club come il Milan che hanno quasi 200 milioni di euro di rosso che dovrebbero portare quel club con le regole di oggi ad essere in mora. Anzi sono proprio loro che scrivono che il Milan vuole, pretende, che il Milan fa partire l’attacco per accaparrarsi le prestazioni di vari campioni e del sig. Milenkovic compreso e perché no anche quelle di Pezzella o di altri giocatori per loro appetibili.
    C’è qualcosa che non torna e che non va. Francamente quest’andazzo provoca schifo ed enorme indignazione più di quanta ne possa ingenerare un tizio che si chiami Milenkovic, Chiesa o come vi pare che pretende l’inottenibile in un mondo normale. E’ ora di riequilibrare il tutto sui canoni della correttezza, della giusta informazione, del giusto comportamento e dell’onestà intellettuale. W solo la Fiorentina, il mondo che la circonda è oggi francamente malatissimo e ridotto a livelli infimi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dallapadella - 3 settimane fa

      Cercherò di essere sintetico…
      Il sig. Milenkovic come lo chiami è alla 4a stagione nella viola e nonostante molti apprezzamenti e il fatto sia titolare fisso nella sua nazionale non ha mai fatto detto pio e ha assicurato prestazioni in crescendo.
      Quindi ben diverso dall’atteggiamento di Chiesa e da quello di altri casi eclatanti in serie A, ti cito Milik e Allan del Napoli, Acerbi e De Vrij della Lazio, Khedira alla Juve, Nkuolo nel Torino etc..
      Uno di questi è finito in tribuna? Milik forse ma vediamo..
      E allora perchè Commisso dovrebbe rinunciare ad un introito di 30 milioni col rischio inoltre di perdere una causa per mobbing per un giocatore che non fa casino nello spogliatoio o manda certificati falsi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. MARIC - 3 settimane fa

    Invece il milan grande non ne ha…
    Ah già ma a gennaio ip.Milam torna pedantemente alla carica per Milenkovic perché la proprietà ha autorizzato.Msldini acdorndere i 195 milioni finito del deficit.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. 29agosto1926 - 3 settimane fa

    Abbiamo avuto due DS (Corvino e Pradè) che sono quanto di più scarso ci sia stato sul mercato dei DS e se uno (Corvino) ha dovuto lavorare senza soldi e facendo la parte del cattivo ripianando un deficit di bilancio, l’altro (Pradè) è stato anche peggio perché ci ha candidamente confessato che “gli sono avanzati i soldi” e dopo aver comprato una serie di bolliti si presenta in sala stampa dicendo che “abbiamo una squadra forte”. Gli riconosco un solo merito ed è quello di aver cosnsigliato la società a prendere Juric che, automaticamente, si è rivelato un segnale della debolezza di questo DS.
    I contratti vanno affrontati minimo a tre anni dalla scadenza passati i quali il potere contrattuale della società scende a percentuali irrisorie. Adesso Milenkovic se ne andrà certamente, Pezzella forse, Vlahovic, pur rientrando nella scadenza al 2023, chi lo sa perché Iachini sta facendo di tutto per fargli capire che con lui non c’è aria. L’unico con cui possiamo discutere è Castrovilli e speriamo che sia così.
    Perché queste cose succedono solo a noi? Facciamo caso a cosa succede in casa d’altri e scopriamo che noi siamo sempre nell’occhio del ciclone e facciamo partire i giocatori importanti con prezzi ridimensionati. E poi qualcuno parla di organizzazione!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. zanarditommas_3529810 - 3 settimane fa

      Ora assumano te.. Non capisco perché ancora non ti hanno contattato? Si davanti ad un genio incompreso..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 3 settimane fa

        A me andrebbe bene. Tu, invece argomenti? Battutine da bambina immatura che arriva Dino a li. Cresci un po’ anche se sarà impossibile.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. dallapadella - 3 settimane fa

      Solo a noi? Non voglio dire che Pradè abbia una visione chiara del progetto ma tra ammutinati e stipendi regalati ti posso citare Nkuolo, Milik, De Vrij, Acerbi, Khedira, Rabiot, Erioksen, Allan, lo stesso Callejon, Donnarumma che non è mai sazio, e sicuramente ne dimentico altri

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 3 settimane fa

        Quando dico che succede solo anoi non mi riferisco certamente a squadre come Juve, Inter, Lazio, Milan, Roma, Napoli che hanno giocatori che non possiamo permetterci mi riferisco a quelle della nostra capacità tecnica ed amministrativa. Io vedo che Nkoulu ha poi firmato, vedo che Belotti non ha mai fatto storie, vedo che il sassuolo tiene sempre tutti, vedo che l’Atalanta (fucina di potenziali campioni) tiene tutti. Ma, comunque se tu sei contento di come hanno operato sia Corvino che Pradè va bene lo stesso. Personalmente credo che queste cose dovevano essere gestite diversamente. Come? Chiedi a Tare forse lui sa come fare.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. zanarditommas_3529810 - 3 settimane fa

          Mo tare, devono chiedere a te come si fa il mercato.. il fenomeno del web… Non hai nulla d fare? Povero pensionato

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. PugliaViola - 3 settimane fa

    Milenkovic farà come Berna e Chiesa: andrà via perché la Fiorentina non è in grado di alzare l’asticella delle ambizioni…
    Quello che non capisco è perché dovrebbe andare al Milan, visto che i rossoneri, col bilancio in rosso che si ritrovano, non mi sembra che possano garantirgli quei titoli e quelle vittorie che lui vorrebbe…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. antonio capo d'orlando - 3 settimane fa

      Milenkovic andrà in Inghilterra. È il tipo di giocatore che piace alle squadre inglesi. FV

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ambasciatoreviola - 3 settimane fa

    incapacità totale i rinnovi si trattano per tempo e prima del mercato no a fine mercato quando i calciatori hanno già in mano proposte da squadre con cui non possiamo competere ne economicamente ne a livello di ambizioni..noi si vivacchia

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy