Fiorentina e Genoa non si fanno male: ancora in A grazie all’Inter

Fiorentina e Genoa non si fanno male: ancora in A grazie all’Inter

Il racconto della serata del Franchi di Gazzetta: la partita si è accesa solo tra il gol dell’Empoli e in nuovo vantaggio dell’Inter

di Redazione VN

A Fiorentina e Genoa basta un grigio 0-0 e l’aiuto dell’Inter: si salvano due squadre incapaci di reagire e di proporre un calcio sufficiente, al fischio finale è festa grande per i giocatori, mentre i tifosi viola urlano contro i propri beniamini. Come scrive la Gazzetta dello Sport in edicola stamani, Montella chiude il suo ciclo sulla panchina viola con zero vittorie, mentre Prandelli se la vede brutta tra il gol di Traoré e qello di Nainngolan. E’ chiaro che Fiorentina e Genoa giocano fin dal primo minuto siano con un orecchio a San Siro. Il primo tempo scivola via con la fiammata di Muriel dopo 30 secondi e Lafont attento sulla punizione di Veloso spizzata da Biraghi. La rete di Keita a San Siro viene subito comunicata ai giocatori in campo e dal settore ospiti arrivano cori di liberazione. Il ritmo della gara si abbassa ancora di più e negli ultimi minuti non c’è partita: una ragnatela di passaggi inutili beccata dai tifosi della Fiorentina infastiditi dal non gioco.

vnconsiglia1-e1510555251366

ACF comunica: stamani sarà richiesta convocazione urgente del CdA

Biraghi: “Stagione non all’altezza, ma abbiamo evitato la catastrofe”

 

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Stefano63 - 6 mesi fa

    Ma io non capisco come volevano che facessero i nostri giocatori! Sei a pochi minuti dalla fine della partita, c’é da fare ad ogni costo un punto e qualcuno pretende che andassero all’attacco con il rischio di prendere un goal in contropiede, che é l’unica cosa che il Genoa sapeva fare. Se lo 0-0 andava bene al Genoa, a noi andava ancora meglio. In partite come queste, dove la paura fa 90, bisogna badare al sodo e per noi il sodo era fare un punto. Non era questa la partita per il bel gioco. Ora speriamo di ripartire e vediamo cosa succede a livello societario.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy