Ferrara scrive: “Le scelte di Pioli e un tiro soltanto, viola eliminati”

Ferrara scrive: “Le scelte di Pioli e un tiro soltanto, viola eliminati”

Poche idee e giocatori sbagliati: la Fiorentina dice addio alla Coppa Italia

di Redazione VN

Addio Coppa Italia, unico obiettivo possibile nella stagione della grande transizione. Un tempo regalato, un solo vero tiro in porta in 90 minuti. Uscire ci sta. Lazio più organizzata, e alla Fiorentina non basta la vaga volontà del secondo tempo. La formazione è curiosa. Non sorprende forse la difesa a tre, già sperimentata in assenza di Pezzella e benvoluta dalla dirigenza tutta. Ma il fatto è che questa scelta da una parte impone l’ingenuità tattica del solito Gaspar, dall’altra impone a Chiesa un superlavoro da terzino elastico, per la serie come procurarsi un prevedibile incapacità a offendere uccidendo di fatica il buon Chiesa, in teoria l’unico che può fare la differenza nell’uno contro uno. Il tutto per far posto a Saponara, in appoggio a Babacar (poca roba) , che si gioca una delle rare apparizioni da titolare. Le strane scelte di Pioli si raccontano in un primo tempo in cui la Fiorentina prende gol in avvio da Lulic e non ha niente da dire. Non un tiro in porta, non un’occasione degna di questo nome. (…)

Nella ripresa Pioli ammette il suo errore. E cambia. Ciao Saponara, e ciao Banassi. Eysseric (un mistero) si piazza dietro alle due punte, perché Simeone entra a dare una mano a Babacar, che comunque non ha visto palla. Sboccia così un’altra partita. Niente di clamoroso, ma la Lazio arretra e la Fiorentina si prende la metà campo avversaria, con Sanchez che continua a fare il regista (si fa per dire) e Chiesa che si slega un po’ dal ruolo di terzino aggiunto. E non è un caso se è proprio lui a creare l’unica vera occasione per i suoi. La partita va così: Fiorentina avanti un po’ confusa, Lazio che cerca le ripartenze puntando sulla velocità dei suoi. La partita ora è meno bella delle sue premesse. C’è stanchezza e non accade più nulla. Addio Coppa Italia. La Fiorentina ci ha provato ma senza crederci. Peccato anche per quella formazione.

L’articolo completo di Benedetto Ferrara in edicola con La Repubblica

Violanews consiglia

Corriere: Fiorentina, c’è il carbone a Santo Stefano. Ancora rimandato il sogno di vincere un trofeo

Nazione: la Fiorentina recrimina per il primo tempo. Addio coppa

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Alci - 3 anni fa

    I nodi ritornano come sempre. Il mago ha avuto + di 100 milioni di euro per la campagna acquisti e ne ha spesi la metà per delle pippe che non sanno stoppare il pallone e sbagliano i passaggi più elementari. Come è stato possibile da parte della proprietà aver rinnovato il contratto a questo è davvero un mistero

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. mauviola - 3 anni fa

    Osservazione perfetta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. franceskiell_966 - 3 anni fa

    Il vero problema è che quelli che stanno facendo pena sono quelli per i quali la società ha speso di più.
    Quanto abbiamo pagato Gaspar+Essyric+Saponara+Simeone+Benassi ???
    Io dico che la somma fa circa 40-50 milioni, ma forse sono basso roba da manicomio.
    Qualcuno dovrà prendersi la responsabilità di questo scempio.
    In campionato si sopravvive grazie agli acquisti dell’ultimo secondo Laurini e Therau.
    A parte i quattro centrali che secondo me sono veramente di buon livello, Veretout e Chiesa per il resto c’è il nulla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. mauviola - 3 anni fa

    Caro Benedetto, da te mi sarei aspettato un feroce attacco a Pioli che pur con una squadra di mezzi raccattati riesce a mettere in campo una formazione senza capo né coda, roba che alla fine della partita avrebbero dovuto fargli un alcool test

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. The Count of Tuscany - 3 anni fa

    classica partita persa per il fsttore campo . Quando giocano il ritorno ? come nom lo giocano ?? torneo NON REGOLARE . Questa coppa italia con queste regole non mi interessa , é da anni che questo torneo si disputa in 4 stadi , i soliti (san siro Sanpaolo juve e olimpico ) , sempre in casa delle solite 6 . che giochino tra di loro se si divertono

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. unial5_884 - 3 anni fa

    Il mio, è da agosto 2017, poco sopra 40 punti, il resto è grasso che cola. Bravo Pioli, poche uova, alcune anche guaste, frittata tecnicamente poco costosa (alla società dei furbi, invece è costata tantissimo), leggera, che non fa male, ma nemmeno bene, insomma in linea con il codice gnignini, né troppo in alto (pericolosissimo) né troppo basso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Elmauri - 3 anni fa

    Non capisco le critiche e la profonda delusione per l’eliminazione. La Fiorentina è questa, una squadra inferiore alla Lazio e al netto dell’imprevedibilità calcistica o di episodi fortunosi è destinata ad essere eliminata 9 volte su 10 dai biancazzurri. Bisogna rimanere con i piedi per terra dopo le vittorie e non deprimersi dopo le sconfitte. Siamo da metà classifica, inutile fare voli pindarici e neanche parlare di lotta alla retrocessione. Insomma una grande apatia. Come ci hanno ridotti…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-13664476 - 3 anni fa

    Pioli facendo giocare Gaspar Saponara Esseric e Dias ha praticamente lasciato la squadra in 9 e con il 63 di possesso ha fatto un solo tiro in porta e con Chiesa che grazie a Lui ha fatto il terzino.Anche il povero tifoso aveva previsto tutto invitandolo a non schierare giocatori fisicamente in disgrazia o nullità come ET Gaspar .Errori ripetuti che sono costati molte sconfitte :Chiesa sulla fascia deve essere supportato da un esterno basso valido ,Babacar deve Giocare con Simeone o THERAU a supporto la squadra deve giocare in undici escludendo calciatori fisicamente in grave ritardo che va colmato negli allenamenti e non nelle partite ufficiali.Ma si sa la logica non é di questo mondo.Forza viola sempre!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. lor29 - 3 anni fa

    Squadra modesta, guidata da una società e da un allenatore modesti. Zero ambizione, zero voglia, zero tecnica….se arriveremo (e sottolineo se) settimi grideremo al “nostro scudetto”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dellone68 - 3 anni fa

      Esatto, come i quattro che ha vinto Corvino alla guida della Fiorentina. Questi sono gli unici scudetti a cui teniamo. Roba da provinciale o meglio da squadretta che oscilla fra A e B tutti gli anni. Insomma, senza offesa per gli amici empolesi, da Empoli. Ecco che cosa siamo diventati.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. chenco - 3 anni fa

        Tra A e B ci oscillerai te, caro frustratello di provincia molto probabilmente gobbo

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy