Ferrara scrive: “Il ritorno di Antognoni, l’ultima bandiera sventola a Moena”

Ferrara scrive: “Il ritorno di Antognoni, l’ultima bandiera sventola a Moena”

Un estratto dell’articolo di Benedetto Ferrara sull’edizione odierna de “La Repubblica”

di Redazione VN

Vi proponiamo un estratto dell’articolo scritto da Benedetto Ferrara e pubblicato sull’edizione odierna de La Repubblica: “A pensarci bene sarebbe suonato strano se i Della Valle avessero chiamato finalmente Giancarlo Antognoni in un momento felice della sua squadra del cuore. Magari non per calcolo, ma di sicuro quando Gino Salica ha composto il numero dell’ultima bandiera di Firenze aveva ben chiaro in testa che quella chiamata avrebbe risolto un bel po’ di problemi, perché quando finisce un ciclo il viaggio diventa più faticoso, i rischi sono dietro l’angolo e resta solo l’attesa per quello che sarà. E l’attesa ha le sue controindicazioni, come quella di un ritiro surreale, con un allenatore nuovo che allena una squadra che non si sa ancora bene cos’è. Antognoni è l’unico dirigente qui a Moena, ha la qualifica aziendale di club manager, gliel’hanno data dopo un bel po’, perché alla Fiorentina evidentemente amano farlo aspettare. Ma lui ha imparato a godere di ciò che ha, e quando lo incontri nella sera di Moena che passeggia ci sono sfumature che ti restano impresse. Lui è quello che veste la divisa sociale con orgoglio sincero. Lui è quello fermato per selfie e autografi, lui è quello che sa essere gentile con tutti. Questo perché ha sognato questo momento troppo a lungo, anche se adesso sa di essere una specie di osservato speciale. Non è una qualifica aziendale, ma essere una garanzia per i tifosi è una bella responsabilità. Antognoni è ciò che resta di un’idea di calcio che non c’è più, ma è anche un eterno ragazzo che il pallone lo conosce perché quello è la sua vita. Lo era da calciatore, lo è stato quando lavorava per Cecchi Gori, lo è stato anche in Federazione, dove seguiva i giovani, cosa che continua a fare in automatico quando guarda il campo. Antognoni capisce come si muove un ragazzo, come si sta allenando. Lui conosce anche i suoi limiti, e sa che l’eloquio non è mai stato il suo punto di forza. Però ci sta lavorando, perché vuole crescere ancora. Elena Turra lo segue ovunque, i due simulano interviste, discutono sui modi e suoi toni. Questi sono giorni delicati, nessuno osa mettersi contro di lui ma le gelosie sono sempre in agguato. E lui cerca di vivere sereno facendo quello che sa fare, occuparsi di calcio. Per questo ama discutere con Pioli. Ed è l’unico in contatto con Andrea Della Valle, quello che ha fatto un passo indietro, ma che chiama lui perché di lui si fida ciecamente. In mezzo a tante bugie messe in circolo, Antognoni cerca la strada per lanciare messaggi alla sua gente […]”.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ciccio Ben - 3 anni fa

    Ferrara ha davvero stancato. Non diamogli retta e restiamo uniti. Scommetto che appena le cose andranno bene cambiera rotta come una banderuola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. emilio - 3 anni fa

    …LO SVENTURATO ANTONIO ???… PIU’ CHE UNA BANDIERA… UNA BANDERUOLA… !!!! RECITA A MEMORIA, E A VOLTA INCESPICA PURE, LE VELINE DEL PANZONE DEL TAVOLIERE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. elvis - 3 anni fa

    ferrara in un modo o nell’altro trova il sistema di parlare male della Fiorentina, adesso parla di futura gelosia verso Antognoni – ma si riferirà mica a se stesso? chissè perchè rosica? forse DDV non rilascia interviste al suo giornale ma alla concorrenza? forse perchè DDV è schierato con la parte avversa? mi piacerebbe proprio saperlo, forse lo domanderò a bucchioni il socio denigratore della Viola. SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. fabio49 - 3 anni fa

    Grande Benedetto!! Un articolo bellissimno, a tratti commovente, certamente motivante per quelli che come me amano la Fiorentina.
    L’articolo è talmente bello …… che ora vo a comprare Repubblica!!
    E su Antonio che dire : io ero a Massa marittima quando lui fece il primo allenamento in viola proveniente dall’Asti Macobi …… Antonio è la nostra cometa, come lui nessun’altro. Sono certo che saprà dare il massimo anhe in questo ruolo che specialmente in questa fase “storica” (tutti contro tutti) diventerà determinanate. E in questo senso anche l’arrivo di Pioli mi da fiducia, perchè certamente anche, seppur in misura minore, è un cuore viola. E aggiungo anche Bigica in Primavera. Sono fiducioso. ma credo lo sia anche Benedetto Ferrara

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Via (mai una) Gioja - 3 anni fa

      FIDUCIOSISSIMO direi… da come scrive sembra in (auto)analisi da almeno 1 mese. #nonglipassapiù

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ViolaLuke - 3 anni fa

    Ora anche le gelosie contro Antonio….
    Domani cosa scriverà ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy