Essenziale e lucida al momento giusto: la Fiorentina vola ai quarti

Essenziale e lucida al momento giusto: la Fiorentina vola ai quarti

Chiesa è stato perfettamente in linea con l’invito del suo c.t. Mancini: deve tirare meglio e segnare di più. Ieri ha tirato bene quanto bastava e ha segnato la doppietta che ha portato la Fiorentina ai quarti di Coppa Italia

di Redazione VN

E alla fine decide Chiesa. La Fiorentina è impietosa. Torino, zero tiri in porta“. Titola così La Gazzetta dello Sport in riferimento alla vittoria della squadra viola in Coppa Italia. Riportiamo una parte dell’articolo di Andrea Elefante:

Poi, con la benedizione di Pioli, ben verrà anche il vero Muriel. Per ora, a questa Fiorentina sempre più da viaggio, basta che si facciano venire i cinque minuti (letali per il Toro, dal 42’ al 47’ della ripresa, con i supplementari già all’orizzonte) Giovanni Simeone e Federico Chiesa: quello che forse si giocherà il posto con il colombiano e quello che, si è capito anche ieri, è e sarà l’unico ad avere un posto sicuro sempre, là davanti.

Al Toro invece non basta un quarto d’ora a inizio ripresa del suo tremendismo e mezz’ora complessiva di governo del gioco e del campo, dopo un primo tempo più sostanzioso dei viola, che nonostante il potenziale play, Fernandes, tampinato quasi a uomo da Baselli, avevano avuto perlomeno un’idea di ricerca del gol – Veretout e Mirallas murati da Sirigu – per spezzare un ritmo nervoso e ingolfato, da ruggine natalizia nel motore di due squadre meno brillanti di come le avevamo lasciate. Non gli basta perché chiude con un inquietante «zero tiri nello specchio», perché non ha avuto quello che invece la Fiorentina ha trovato negli attimi giusti: essenzialità, lucidità al momento di fare gol, e soprattutto l’uomo per farlo, Federico Chiesa.

Il ragazzo è stato perfettamente in linea con l’invito del suo c.t. Mancini: deve tirare meglio e segnare di più. Ieri ha tirato bene quanto bastava e ha segnato la doppietta che ha portato la Fiorentina ai quarti di Coppa Italia per la sesta volta nelle ultime sette edizioni. Se questa partita si poteva considerare una prova generale d’Europa – e la Coppa Italia è già di suo una «potenziale Europa League» -, se doveva indirizzare la ripartenza dopo la sosta, dare un indizio su come sarà la seconda parte della stagione, Pioli ha qualche motivo in più per rileggerla con piacere.

vnconsiglia1-e1510555251366

Chiesa prende per mano la Fiorentina e l’accompagna ai quarti

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Max13 - 6 mesi fa

    Come sempre la Gazzetta fa un’analisi banale e superficiale della partita, a differenza della Repubblica che ha messo a nudo i limiti evidenti della prestazione viola

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy