E se Iachini non riuscisse a risvegliare la squadra? Le idee per arrivare in fondo

E se Iachini non riuscisse a risvegliare la squadra? Le idee per arrivare in fondo

Decisiva la gara di Parma

di Redazione VN
Iachini

Il confronto c’è stato. Non subito dopo il Sassuolo, ma dopo una notte di riflessione. Staff da una parte, squadra dall’altra, per rendersi conto di cosa potrebbe comportare un’altra serataccia. E allora la partita di dopodomani a Parma potrebbe essere già decisiva per le sorti dell’attuale guida tecnica, sotto esame come il resto della rosa. Con un risultato utile al Tardini, le acque si calmeranno, ma un altro scivolone non sarebbe tollerabile. E a quel punto chi subentrerebbe? Impossibile o quasi il ritorno di Montella, difficile anche la promozione di Emiliano Bigica, che in realtà non è più sotto contratto neanche con la Primavera, ma questa soluzione è già meglio percorribile rispetto a quella che porterebbe Alberto Aquilani ad un’ulteriore passo in avanti. Valutazioni in corso, nella speranza che non sia necessario cambiare subito. Lo scrive La Nazione.

Caressa su Iachini: “Mai visto un allenatore che accusa un giocatore dopo un 3-1”

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Tato - 1 mese fa

    Io potrei per il ritiro. Se, e questo la società dovrebbe saperlo, si fosse montato la, testa o girasse indietro, perché cambia squadra…. Chiuso in clausura fino ad obiettivo raggiunto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ilRegistrato - 1 mese fa

    Soluzione interna? Squadra a Frack! Ribery allenatore e capitano per il finale di campionato. E’ altamente rispettato dagli altri calciatori, conosce (sa va sans dire) lo spogliatoio, e in fondo faceva gia’ da consigliere di Montella. In una occasione suggeri’ lui i cambi da fare a partita in corso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Valter - 1 mese fa

    ma siamo sicuri che la colpa è dell’allenatore?
    Si in campo ci vanno i giocatori e l’allenatore gli da il compitino ma,
    se il calciatore ha altri interessi vedi chiesa che pensa più alla sua prossima squadra che non a impegnarsi ADESSO per la Fiorentina voi pensate che l’allenatore gli dice..
    Ma gli dice cosa?
    Non è l’allenatore che risolve il problema ne alla Fiorentina ne in nessun altra squadra.
    Stesso discorso per altri giocatori di cui NOI non sappiamo che il loro futuro è già stato deciso.
    Però se non rendono in campo la colpa è dell’allenatore che non è capace..
    Quante volte allenatori FAMOSI prendiamone uno tra i tanti il sig. Capello ha detto che l’allenatore incide per una PICCOLA percentuale sul rendimento del giocatore.
    Chissà perchè lui e altri lo hanno detto?
    Di sicuro non trollavano come tutti quei fenomeni da tastiera che insegnano calcio..
    Ma si.. su forum e blog non si vogliono risposte mirate all’argomento, altrimenti il giochino finisce subito.
    Meglio tirarlo il più a lungo possibile e coinvolgere chiunque vuole dire la sua.
    Ora facciamo quadrato intorno alla Fiorentina e aiutiamo Rocco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. jackfi1 - 1 mese fa

      L’unico per cui può valere questo discorso può essere chiesa ma quando contro il Brescia I cambi degli attaccanti vengono fatti al 95 la colpa è solo dell’allenatore. Se lirola viene messo sulla fascia opposta e Caceres messo fuori ruolo costringendolo a due falli da giallo non si può dare la colpa ai giocatori. Concordo che non possa mai essere colpa di uno solo. La colpa è sempre un mix tra allenatore, giocatori e chi quei giocatori li ha presi ma ad oggi tra questi tre il maggior colpevole é sicuramente iachini

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Labaroviola72 - 1 mese fa

      Mah, ai tempi di Wenger I giocatori sapevano che se la squadra non avesse reso le valige le avrebbero fatte loro, non il mister, e la differenza c’e’ fidati.
      La Premier ha ripreso l’egemonia mondiale nel periodo di maggior stabilita’, Ferguson, Wenger, Benitez, per anni o decenni sulle stesse panchine.
      L’allenatore e’ tutto se hai un progetto da sviluppare, guarda la Lazio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Valter - 1 mese fa

      Evidentemente Capello non ha l’esperienza dei maestri del blog.
      Siete troppo forti.
      Ma che ne sapete dei motivi dei cambi?
      Ma che ne sapete delle condizioni fisiche?
      Ci sono tante ragioni che non possono essere rese note CHE VOI MAESTRI da tastiera non sapete ma che dall’alto della vostra BRAVURA dovreste sapere.
      Ma che ve lo dico a fare?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Daniele72 - 1 mese fa

    Diamola in mano A Ciccio Graziani , almeno un paio di sganassoni gliele tira a sti marmocchietti viziati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. ilRegistrato - 1 mese fa

    Cambiare allenatore ora è un rischio altissimo. Si gioca ogni tre giorni e fra cinque settimane è tutto finito. Un nuovo allenatore non ha materialmente il tempo di conoscere i calciatori né di provare nuovi schemi. C’è la partita e un paio di giorni di allenamento, così con questo ritmo frenetico fino a inizio agosto. Un ritmo troppo veloce per chiunque per avere un qualche tipo di impatto. Iachini è stato preso per fare catenaccio e ragranellare punti, chiedere altro è un non senso perché già si sapeva che altro non può dare. Meglio andare a Parma a tirare pallonate e cercare di venire via con un punto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Labaroviola72 - 1 mese fa

      Ineccepibile, l’unica cosa fattibile e’ un ritiro “punitivo”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. jackfi1 - 1 mese fa

      L’unica soluzione sarebbe lasciare ad allenare uno che è già dentro l’ambiente ma siccome nel nostro caso quella persona è Aquilani che è stato promosso alla prima squadra con uno score invidiabile di nessuna vittoria con le giovanili non credo ci convenga molto

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy