Da Carosi a Mihajlovic, passando per Ranieri. Quando la panchina viola diventa scomoda

E poi ancora Mazzone, Giorgi e l’attuale c.t. azzurro Mancini: Iachini è solo l’ultimo di una lunga serie di allenatori contestati a Firenze

di Redazione VN

Su La Nazione si ripercorre la parabola discendente degli allenatori viola del passato contestati dalla piazza. Si parte con “Se Carosi se ne va / lo scudetto viola sarà”. All’albore degli anni ’80 una mano anonima tracciò questa scritta sui muri del Franchi, a sintetizzare il pensiero dei tifosi che proprio non ne potevano più del calcio asfittico di Paolone Carosi. Viene citato Mazzone (dimissionario nel 1978 per la disperazione del presidente Ugolini), ma anche Agroppi. In quest’ultimo caso, più che i risultati, furono fatali i rapporti difficili con Antognoni nell’85-’86. Viene ricordato anche un aneddoto: a metà settimana un gruppetto di tifosi, arrivato ai campini d’allenameneto per contestare Agroppi, si ritrovò a fare a pugni con Passarella, che prese le difese dell’allenatore.

Non andò meglio a Bruno Giorgi, arrivato per sostituire Eriksson e subissato di fischi fin dall’inizio, e pure ad un luminare del calcio come Ranieri. Una promozione e due trofei con il tecnico di Testaccio, ma anche un finale polemico: “Facci l’ultimo miracolo / datti foco, gli scrisse con stile romantico-cortese la curva, che nella contesa tra Ranieri e Vittorio Cecchi Gori scelse di stare col presidente. Qualche anno dopo toccò a Mancini essere contestato, non solo per le scelte di campo ma anche per la vicinanza proprio con Cecchi Gori. Ma l’ultima contestazione vera, profonda, collettiva, che molto ricorda quella di oggi a Iachini, Firenze l’ha fatta nei confronti di Mihajlovic.

(Photo by Giuseppe Bellini/Getty Images)
3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. ilRegistrato - 4 settimane fa

    Carnosi era uno che aveva fatto scelte tipo Iachini. Era arrivato Daniel Bertoni, l’ala destra campione del mondo, e lo faceva giocare a sinistra. In compenso Restelli che aveva giocato tutta la carriera sulla fascia sinistra giocava a destra. La prima cosa che fece De Sisti quando sostituì Carosi fu invertire le fasce a Bertoni e Restelli riportando nei loro ruoli attuali. A volte il calcio è semplice.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. simo911 - 4 settimane fa

    A Firenze quando vogliamo siamo in grado di comportarci da bischeri…quindi contestiamo i giocatori che indossano la maglia viola e poi ci meravigliamo se non rendono (penso a Ilicic),mentre chi meriterebbe la contestazione dura – vedi Chiesa – lo giustifichiamo in ogni modo possibile. Iachini sta facendo male,sia chiaro,ma discutere un allenatore dopo 5 giornate è paradossale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Tiz973 - 4 settimane fa

    Iachini, secondo me, è riuscito a creare la Viola più brutta della storia, nonostante una squadra discreta. Squadra triste, costantemente portata a giocare male.
    Gli allenatori che voi citate sono stati esonerati ma avevano alternato prestazioni buone e negative, non avevano fatto uno scempio come il buon Beppe.
    La colpa però non è sua, ma di chi ha deciso di rinnovargli il contratto, sapendo che la sua carriera cerifica che è un ottimo tecnico solo per la serie B o per la lotta salvezza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy