Chiesa come Baggio, quando la (nuova) proprietà non decide: le analogie

Chiesa come Baggio, quando la (nuova) proprietà non decide: le analogie

Se saranno i Della Valle a cedere Chiesa, gli (eventuali) acquirenti inizieranno l’avventura alla Fiorentina in salita

di Redazione VN

Domani con il Cda sapremo qualcosa in più sul futuro societario della Fiorentina. Quello che è certo, è che la Fiorentina con Chiesa potrebbe avere un valore economico e sportivo, senza di lui ovviamente tutto un altro. Qualora arrivasse una nuova proprietà, dovrebbe comunque allestire una squadra di grado di non far “predicare nel deserto” il talento viola, scrive La Nazione. Oppure in caso di cessione, con la conseguente diminuzione della spesa, i nuovi proprietari non vorranno figurare come quelli che “hanno venduto” Chiesa. Gli esempi del passato insegnano: nel passaggio dai Pontello a Cecchi Gori, fu detto che non c’era modo di tenere Roberto Baggio, già promesso alla Juventus. Così come Mario fu costretto a iniziare l’avventura con un allenatore (Lazaroni) e un giocatore (Lacatus) scelti da altri, senza poter annullare contratti già siglati.

vnconsiglia1-e1510555251366

Per Conte è già derby con la Juve: vuole strappare Chiesa ai bianconeri

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy