Viola News
I migliori video scelti dal nostro canale

La Nazione

Cecchi: “A dar retta al pronostico, Vespucci non avrebbe scoperto le Americhe”

Cecchi: “A dar retta al pronostico, Vespucci non avrebbe scoperto le Americhe”

Sì, si può fare. E in malora i pronostici!

Redazione VN

Vi proponiamo uno stralcio dell'analisi di Stefano Cecchi, firma de La Nazione:

"Fiorentina Juventus per i cuori viola non è mai una semplice partita di calcio ma il confine fra due mondi opposti, il luogo dove si confrontano e si scontrano due modi diversi di vivere la passione sportiva, e dunque lo yin e lo yang del prato verde, il diavolo e l’acqua santa, il culo e le quarant’ore. [...] Da una parte l’idea che senza vittoria non possa esserci passione. [...] Chi ha il cuore contagiato dalla violitudine pensa l’esatto contrario. [...] Per questo anche stasera, poco dopo l’ora di cena, non ci sarà un solo cuore viola che non sintonizzerà la tv su Canale 5, con la speranza che mister Italiano tiri fuori dal cilindro una magia delle sue per predistigitare la partita. [...] Fosse stato solo per il pronostico, Pippo Brunelleschi si sarebbe mai avventurato nel cantiere della Cupola? Oppure Amerigo Vespucci l’avrebbe mai affrontano l’ignoto dell’oceano per definire le Americhe? Sono le sfide impossibili quelle che hanno fatto grande Firenze e la Fiorentina cos’è se non un pezzo vivo della città? Con la consapevolezza, fra l’altro, che se dovesse andare male, il giorno dopo nessun tifoso viola cercherebbe un salvacondotto al dolore e non ci sarebbe nessuna defezione, nessuna fuga a evitare la sofferenza. A me pare uno straordinario modo di vincere anche questo".

L'articolo completo del quotidiano in edicola

tutte le notizie di