Calcio nel pallone: l’Europeo potrebbe essere sacrificato

Calcio nel pallone: l’Europeo potrebbe essere sacrificato

L’Europeo potrebbe essere rinviato di un anno, al giugno 2021

di Redazione VN

Allarme Coronavirus, il calcio si ferma. La domanda è: cosa ne sarà dell’Europeo? La soluzione più “semplice” – scrive La Gazzetta dello Sport – è spostarlo di un anno, da giugno 2020 a giugno 2021, così da recuperare Champions e campionati entro l’estate (le coppe nazionali chissà). È sul tavolo anche l’opzione rinvio a fine 2020 (novembre, oppure settembre), più complicata nell’anno olimpico, anche se niente può essere escluso: potrebbe essere una prova generale in vista del Mondiale 2022 sempre a novembre-dicembre. Ma ipotizzare ora un calendario su questa opzione è dura.

Altra opzione: l’Euro a giugno 2021 costringerà però altri tornei a sloggiare. Il Mondiale donne e l’Euro U.21 potrebbero essere rinviati al 2022, visto che il Mondiale è a dicembre e c’è spazio in estate. La “final four” di Nations League può essere anticipata a marzo 2021. Il Mondiale per club Fifa dovrebbe essere rimandato al 2023, essendo previsto negli anni dispari (e fissato in Cina nel ‘21…). Infine, andrebbero compresse le date di Qatar 2022. Lavorando assieme Uefa, Fifa, club, leghe e federazioni si può fare. In fondo potrebbe andar bene all’Uefa che salverebbe così Champions ed Europa League.

La lettera di Klopp: “Pensate alla vostra salute, il calcio e le partite sono secondarie”

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. LupoAlberto - 4 mesi fa

    Dobbiamo dirci la verità: credere che il coronavirus si cancelli in poco tempo è irrealistico. Se non viene trovato un vaccino che copra anche da possibili mutazioni dovremo farci i conti anche per almeno il prossimo inverno. Forse con le misure prese ora (al netto degli idioti che continuano ad assembrarsi in montagna ed al mare e di quelli che scappando dal nord per tornare a casa spesso in meridione stanno diffondendo il virus) in aprile /maggio potrebbe esserci un po’ di tregua, ma dopo settembre lo vedremo ritornare. Con la globalizzazione il contagio passerà da un paese all’altro e ritorno. Non mi piace per niente, ma se usiamo il cervello questo è quello che ci aspetta. Spero proprio di sbagliare.
    SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy