Bocci scrive: “Il ricordo di Montella rischia di farci perdere di vista la realtà”

La firma del Corriere della Sera analizza il momento viola, dentro e fuori dal campo: quali difficoltà dovrà affrontare Montella?

di Redazione VN

L’analisi di Alessandro Bocci sul Corriere Fiorentino si concentra sul ritorno in panchina di Vincenzo Montella, chiamato a dare un senso ad una stagione fin troppo complicata e tormentata: “Il ricordo per quello che è stato con Vincenzo Montella rischia di farci perdere di vista la realtà”. Il suo esordio-bis sarà maledettamente complicato: la classifica è mediocre e la piazza in fermento e la Fiorentina  ha assolutamente bisogno di ritrovare la vittoria che manca da due mesi: sarà oggi la prova generale in vista dell’Atalanta, visto che sabato prossimo allo Stadium  è consigliabile l’uso del turnover. Nessuno stravolgimento ma le differenze ideologiche con il vecchio corso sono enormi. “Pioli ha dato il meglio sfruttando le ripartenze, accendendo il contropiede, cercando la verticalità. Montella vede il calcio in un altro modo, attraverso il possesso palla, la qualità del palleggio, provando a allargare la difesa avversaria e facendo girare il pallone con pazienza”. Il rischio è che la squadra vada in affanno, sul campo e fuori e il clima pesante che si respira in città non aiuta. Serve unità alle soglie della semifinale di Coppa Italia per dare un senso a una stagione finora deludente, “ma invece la distanza cresce e i rischi di collassare si moltiplicano”. Per l’Aeroplanino una sfida intrigante, ma anche la più difficile.

vnconsiglia1-e1510555251366

Formazione dei quotidiani: si torna al 3-5-2, a centrocampo Dabo insidia Benassi

Muriel: con Montella vuole tornare subito al gol

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Dellone68 - 2 anni fa

    Purtroppo, nonostante l’entusiasmo che ha un pò rifatto capolino, il giornalista ha ragione. Non ci rimane che sperare in un piccolo miracolo. Se poi non dovesse arrivare, chiudiamo alla svelta la stagione, magari provando qualche ragazzo della primavera. Poi a giugno aria fresca. Via Corvino, via i volenterosi ma pur sempre mediocri giocatori che ha preso ed avanti con nomi e facce nuove.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. CippoViola - 2 anni fa

      E’ vero, è tipico di noi fiorentini ci accendiamo e entusiasmiamo per poco. Auguriamoci che Montella riesca a trasformare questi giocatori, francamente per alcuni non vedo grandi margini di miglioramento per altri invece si.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy